Catechismo della Chiesa Cattolica

I. « A immagine di Dio »

356 Di tutte le creature visibili, soltanto l'uomo è « capace di conoscere e di amare il proprio Creatore »;202 « è la sola creatura che Dio abbia voluto per se stessa »;203 soltanto l'uomo è chiamato a condividere, nella conoscenza e nell'amore, la vita di Dio.

1703
2258
225
295

A questo fine è stato creato ed è questa la ragione fondamentale della sua dignità.

Quale fu la ragione che tu ponessi l'uomo in tanta dignità?

Certo l'amore inestimabile con il quale hai guardato in te medesimo la tua creatura e ti sei innamorato di lei; per amore infatti tu l'hai creata, per amore tu le hai dato un essere capace di gustare il tuo Bene eterno.204

357 Essendo ad immagine di Dio, l'individuo umano ha la dignità di persona; non è soltanto qualche cosa, ma qualcuno.

1935
1877

È capace di conoscersi, di possedersi, di liberamente donarsi e di entrare in comunione con altre persone; è chiamato, per grazia, ad una alleanza con il suo Creatore, a dargli una risposta di fede e di amore che nessuno altro può dare in sua sostituzione.

358 Dio ha creato tutto per l'uomo,205 ma l'uomo è stato creato per servire e amare Dio e per offrirgli tutta la creazione:

299
901

Qual è dunque l'essere che deve venire all'esistenza circondato di una tale considerazione?

È l'uomo, grande e meravigliosa figura vivente, più prezioso agli occhi di Dio dell'intera creazione: è l'uomo, è per lui che esistono il cielo e la terra e il mare e la totalità della creazione, ed è alla sua salvezza che Dio ha dato tanta importanza da non risparmiare, per lui, neppure il suo Figlio Unigenito.

Dio infatti non ha mai cessato di tutto mettere in atto per far salire l'uomo fino a sé e farlo sedere alla sua destra.206

359 « In realtà solamente nel Mistero del Verbo incarnato trova vera luce il mistero dell'uomo»:207

1701
388
411

Il beato Apostolo ci ha fatto sapere che due uomini hanno dato principio al genere umano, Adamo e Cristo...

« Il primo uomo, Adamo, - dice - divenne un essere vivente, ma l'ultimo Adamo divenne spirito datore di vita ».

Quel primo fu creato da quest'ultimo, dal quale ricevette l'anima per vivere ...

Il secondo Adamo plasmò il primo e gli impresse la propria immagine.

E così avvenne poi che egli ne prese la natura e il nome, per non dover perdere ciò che egli aveva fatto a sua immagine.

C'è un primo Adamo e c'è un ultimo Adamo.

Il primo ha un inizio, l'ultimo non ha fine.

Proprio quest'ultimo infatti è veramente il primo, dal momento che dice: « Sono io, io solo, il primo e anche l'ultimo ».208

360 Grazie alla comune origine il genere umano forma una unità.

Dio infatti « creò da uno solo tutte le nazioni degli uomini »: ( At 17,26; Tb 8,6 )

Meravigliosa visione che ci fa contemplare il genere umano nell'unità della sua origine in Dio...;

225
404
775
831
842

nell'unità della sua natura, composta ugualmente presso tutti di un corpo materiale e di un'anima spirituale;

nell'unità del suo fine immediato e della sua missione nel mondo;

nell'unità del suo « habitat »: la terra, dei cui beni tutti gli uomini, per diritto naturale, possono usare per sostentare e sviluppare la vita;

nell'unità del suo fine soprannaturale: Dio stesso, al quale tutti devono tendere;

nell'unità dei mezzi per raggiungere tale fine; ...

nell'unità del suo riscatto operato per tutti da Cristo.210

361 « Questa legge di solidarietà umana e di carità »,211 senza escludere la ricca varietà delle persone, delle culture e dei popoli, ci assicura che tutti gli uomini sono veramente fratelli.

1939
Indice

202 Conc. Ecum. Vat. II, Gaudium et spes 12,3
203 Conc. Ecum. Vat. II, Gaudium et spes 24,3
204 Santa Caterina da Siena, Dialoghi, 4, 13;
Liturgia delle Ore, IV, Ufficio delle letture della diciannovesima domenica
205 Conc. Ecum. Vat. II, Gaudium et spes 12,1;
Conc. Ecum. Vat. II, Gaudium et spes 24,3;
Conc. Ecum. Vat. II, Gaudium et spes 39,1
206 San Giovanni Crisostomo, Sermones in Genesim, 2, 1: PG 54, 58D-588A
207 Conc. Ecum. Vat. II, Gaudium et spes 22,1
208 San Pietro Crisologo, Sermones, 117: PL 52, 520B;
Liturgia delle ore, IV, Ufficio delle letture del sabato della ventinovesima settimana
210 Pio XII, Summi pontificatus;
Conc. Ecum. vat. II, Nostra aetate 1
211 Pio XII, Summi pontificatus;
Conc. Ecum. vat. II, Nostra aetate 1