Catechismo della Chiesa Cattolica

III. La Chiesa è cattolica

Ogni Chiesa particolare è « cattolica »

832 La « Chiesa di Cristo è veramente presente in tutte le legittime assemblee locali di fedeli, le quali, aderendo ai loro pastori, sono anche esse chiamate Chiese del Nuovo Testamento ...

814
811

In esse con la predicazione del Vangelo di Cristo vengono radunati i fedeli e si celebra il mistero della Cena del Signore ...

In queste comunità, sebbene spesso piccole e povere o che vivono nella dispersione, è presente Cristo, per virtù del quale si raccoglie la Chiesa una, santa, cattolica e apostolica ».294

833 Per Chiesa particolare, che è in primo luogo la diocesi (o l'eparchia), si intende una comunità di fedeli cristiani in comunione nella fede e nei sacramenti con il loro vescovo ordinato nella successione apostolica.295

886

Queste Chiese particolari sono « formate a immagine della Chiesa universale »; in esse e a partire da esse
« esiste la sola e unica Chiesa cattolica ».296

834 Le Chiese particolari sono pienamente cattoliche per la comunione con una di loro: la Chiesa di Roma, « che presiede alla carità ».297

882
1369

« È sempre stato necessario che ogni Chiesa, cioè i fedeli di ogni luogo, si volgesse alla Chiesa romana in forza del suo sacro primato ».298

« Infatti, dalla discesa del Verbo Incarnato verso di noi, tutte le Chiese cristiane sparse in ogni luogo hanno ritenuto e ritengono la grande Chiesa che è qui [a Roma] come unica base e fondamento perché, secondo le promesse del Salvatore, le porte degli inferi non hanno mai prevalso su di essa ».299

835 « Ma dobbiamo ben guardarci dal concepire la Chiesa universale come la somma o, per così dire, la federazione di Chiese particolari.

1202

È la stessa Chiesa che, essendo universale per vocazione e per missione, quando getta le sue radici nella varietà dei terreni culturali, sociali, umani, assume in ogni parte del mondo fisionomie ed espressioni esteriori diverse ».300

La ricca varietà di discipline ecclesiastiche, di riti liturgici, di patrimoni teologici e spirituali propri alle
« Chiese locali tra loro concordi, dimostra con maggior evidenza la cattolicità della Chiesa indivisa ».301

Indice

294 Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium 26
295 Conc. Ecum. Vat. II, Christus Dominus 11;
Cod. Diritto Can. 368-369
296 Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium 23
297 Sant'Ignazio di Antiochia, Epistula ad Romanos, 1, 1
298 Sant'Ireneo di Lione, Adversus haereses, 3, 3, 2:
ripreso dal Concilio Vaticano I
299 San Massimo il Confessore, Opuscula theologica et polemica: PG 91, 137-140
300 Paolo VI, Evangelii Nuntiandi 62
301 Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium 23