Catechismo della Chiesa Cattolica

I. Un solo Battesimo per la remissione dei peccati

977. Nostro Signore ha legato il perdono dei peccati alla fede e al Battesimo: « Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo ad ogni creatura.
1263

Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo » ( Mc 16,15-16 ).

Il Battesimo è il primo e principale sacramento per il perdono dei peccati perché ci unisce a Cristo « messo a morte per i nostri peccati… e risuscitato per la nostra giustificazione » ( Rm 4,25 ), affinché « anche noi possiamo camminare in una vita nuova » ( Rm 6,4 ).

978. « La remissione dei peccati nella Chiesa avviene innanzitutto quando l'anima professa per la prima volta la fede.
1264

Con l'acqua battesimale, infatti, viene concesso un perdono talmente ampio che non rimane più alcuna colpa – né originale né ogni altra contratta posteriormente – e viene rimessa ogni pena da scontare.

La grazia del Battesimo, peraltro, non libera la nostra natura dalla sua debolezza; anzi non vi è quasi
nessuno » che non debba lottare « contro la concupiscenza, fomite continuo del peccato ».517

979. In tale combattimento contro l'inclinazione al male, chi potrebbe « resistere con tanta energia e con tanta vigilanza da riuscire ad evitare ogni ferita » del peccato?
1446

« Fu quindi necessario che nella Chiesa vi fosse la potestà di rimettere i peccati anche in modo diverso dal sacramento del Battesimo.

Per questa ragione Cristo consegnò alla Chiesa le chiavi del Regno dei cieli, in virtù delle quali potesse perdonare a qualsiasi peccatore pentito i peccati commessi dopo il Battesimo, fino all'ultimo giorno della vita».518

980. È per mezzo del sacramento della Penitenza che il battezzato può essere riconciliato con Dio e con la Chiesa: I padri hanno giustamente chiamato la Penitenza « un battesimo laborioso ».519

1422-1484

Per coloro che sono caduti dopo il Battesimo questo sacramento della Penitenza è necessario alla salvezza come lo stesso Battesimo per quelli che non sono stati ancora rigenerati.520

Indice

517 Catechismo Romano, 1,11,3
518 Catechismo Romano, 1,11,4
519 San Gregorio Nazianzeno, Orationes, 39, 17: PG 36, 356 A
520 Concilio di Trento