Catechismo della Chiesa Cattolica

III. Doveri dei membri della famiglia

Doveri dei figli

2214 La paternità divina è la sorgente della paternità umana; ( Ef 3,14 ) è la paternità divina che fonda l'onore dovuto ai genitori.

1858

Il rispetto dei figli, minorenni o adulti, per il proprio padre e la propria madre, ( Pr 1,8; Tb 4,3-4 ) si nutre dell'affetto naturale nato dal vincolo che li unisce.

Questo rispetto è richiesto dal comando divino. ( Es 20,12 )

2215 Il rispetto per i genitori (pietà filiale) è fatto di riconoscenza verso coloro che, con il dono della vita, il loro amore e il loro lavoro, hanno messo al mondo i loro figli e hanno loro permesso di crescere in età, in sapienza e in grazia.

« Onora tuo padre con tutto il cuore e non dimenticare i dolori di tua madre.

Ricorda che essi ti hanno generato; che darai loro in cambio di quanto ti hanno dato? » ( Sir 7,27-28 ).

2216 Il rispetto filiale si manifesta anche attraverso la vera docilità e la vera obbedienza: « Figlio mio, osserva il comando di tuo padre, non disprezzare l'insegnamento di tua madre ...

532

Quando cammini ti guideranno; quando riposi, veglieranno su di te; quando ti desti, ti parleranno »
( Pr 6,20-22 ).

« Il figlio saggio ama la disciplina, lo spavaldo non ascolta il rimprovero » ( Pr 13,1 ).

2217 Per tutto il tempo in cui vive nella casa dei suoi genitori, il figlio deve obbedire ad ogni loro richiesta motivata dal suo proprio bene o da quello della famiglia.

1831

« Figli, obbedite ai genitori in tutto; ciò è gradito al Signore » ( Col 3,20; Ef 6,1 )

I figli devono anche obbedire agli ordini ragionevoli dei loro educatori e di tutti coloro ai quali i genitori li hanno affidati.

Ma se in coscienza sono persuasi che è moralmente riprovevole obbedire a un dato ordine, non vi obbediscano.

Crescendo, i figli continueranno a rispettare i loro genitori.

Preverranno i loro desideri, chiederanno spesso i loro consigli, accetteranno i loro giustificati ammonimenti.

Con l'emancipazione cessa l'obbedienza dei figli verso i genitori, ma non il rispetto che ad essi è sempre dovuto.

Questo trova, in realtà, la sua radice nel timore di Dio, uno dei doni dello Spirito Santo.

2218 Il quarto comandamento ricorda ai figli divenuti adulti le loro responsabilità verso i genitori.

Nella misura in cui possono, devono dare loro l'aiuto materiale e morale, negli anni della vecchiaia e in tempo di malattia, di solitudine o di indigenza.

Gesù richiama questo dovere di riconoscenza. ( Mc 7,10-12 )

Il Signore vuole che il padre sia onorato dai figli, ha stabilito il diritto della madre sulla prole.

Chi onora il padre espia i peccati, chi riverisce la madre è come chi accumula tesori.

Chi onora il padre avrà gioia dai propri figli, sarà esaudito nel giorno della sua preghiera.

Chi riverisce suo padre vivrà a lungo; chi obbedisce al Signore dà consolazione alla madre ( Sir 3,2-6 ).

Figlio, soccorri tuo padre nella vecchiaia, non contristarlo durante la sua vita.

Anche se perdesse il senno, compatiscilo e non disprezzarlo mentre sei nel pieno del vigore ...

Chi abbandona il padre è come un bestemmiatore, chi insulta la madre è maledetto dal Signore
( Sir 3,12-13; Sir 3,16 ).

2219 Il rispetto filiale favorisce l'armonia di tutta la vita familiare; concerne anche le relazioni tra fratelli e sorelle.

Il rispetto verso i genitori si riflette su tutto l'ambiente familiare.

« Corona dei vecchi sono i figli dei figli » ( Pr 17,6 ).

« Con ogni umiltà, mansuetudine e pazienza » sopportatevi « a vicenda con amore » ( Ef 4,2 ).

2220 I cristiani devono una speciale gratitudine a coloro dai quali hanno ricevuto il dono della fede, la grazia del Battesimo e la vita nella Chiesa.

Può trattarsi dei genitori, di altri membri della famiglia, dei nonni, di pastori, di catechisti, di altri maestri o amici.

« Mi ricordo della tua fede schietta, fede che fu prima nella tua nonna Lòide, poi in tua madre Eunice, e ora, ne sono certo, anche in te » ( 2 Tm 1,5 ).

Indice