Catechismo della Chiesa Cattolica

I. Il rispetto della vita umana

La legittima difesa

2263 La legittima difesa delle persone e delle società non costituisce un'eccezione alla proibizione di uccidere l'innocente, uccisione in cui consiste l'omicidio volontario.

1737

« Dalla difesa personale possono seguire due effetti, il primo dei quali è la conservazione della propria vita; mentre l'altro è l'uccisione dell'attentatore ...

Il primo soltanto è intenzionale, l'altro è involontario ».37

2264 L'amore verso se stessi resta un principio fondamentale della moralità.

2196

È quindi legittimo far rispettare il proprio diritto alla vita.

Chi difende la propria vita non si rende colpevole di omicidio anche se è costretto a infliggere al suo aggressore un colpo mortale:

Se uno nel difendere la propria vita usa maggior violenza del necessario, il suo atto è illecito.

Se invece reagisce con moderazione, allora la difesa è lecita ...

E non è necessario per la salvezza dell'anima che uno rinunzi alla legittima difesa per evitare l'uccisione di altri: poiché un uomo è tenuto di più a provvedere alla propria vita che alla vita altrui.38

2265 La legittima difesa, oltre che un diritto, può essere anche un grave dovere, per chi è responsabile della vita di altri, del bene comune della famiglia o della comunità civile.

2240

2266Difendere il bene comune esige che si ponga l'ingiusto aggressore in stato di non nuocere.

1897-1899
1449

A questo titolo, l'insegnamento tradizionale della Chiesa ha riconosciuto fondato il diritto e il dovere della legittima autorità pubblica di infliggere pene proporzionate alla gravità del delitto, senza escludere, in casi di estrema gravità la pena di morte.

Per analoghi motivi, i detentori dell'autorità hanno il diritto di usare le armi per respingere gli aggressori della comunità civile affidata alla loro responsabilità.

La pena ha come primo scopo di riparare il disordine introdotto dalla colpa.

Quando è volontariamente accettata dal colpevole, la pena ha valore di espiazione.

Inoltre, la pena ha lo scopo di difendere l'ordine pubblico e la sicurezza delle persone.

Infine, la pena ha valore medicinale: nella misura del possibile, essa deve contribuire alla correzione del colpevole. ( Lc 23,40-43 )

2267 Se i mezzi incruenti sono sufficienti per difendere le vite umane dall'aggressore e per proteggere l'ordine pubblico e la sicurezza delle persone, l'autorità si limiterà a questi mezzi, poiché essi sono meglio rispondenti alle condizioni concrete del bene comune e sono più conformi alla dignità della persona umana.

Indice

37 San Tommaso d'Aquino, Summa theologiae, II-II, 64, 7
38 San Tommaso d'Aquino, Summa theologiae, II-II, 64, 7