Numeri

Capitolo 22

CEI 2008 - Audio Interconfessionale
1 Poi gli Israeliti partirono e si accamparono nelle steppe di Moab, oltre il Giordano verso Gèrico.

Il re do Moab fa appello a Balaam

2 Or Balak, figlio di Zippor, vide quanto Israele aveva fatto agli Amorrei
Nm 31,8.16
Dt 23,5-6
Gs 24,9-10
Ne 13,2
Mi 6,5
3 e Moab ebbe grande paura di questo popolo, che era così numeroso; Moab fu preso da spavento di fronte agli Israeliti.
2 Pt 2,15s
Gd 11
Ap 2,14
4 Quindi Moab disse agli anziani di Madian: « Ora questa moltitudine divorerà quanto è intorno a noi, come il bue divora l'erba dei campi ».
Balak, figlio di Zippor, era in quel tempo re di Moab.
Es 2,15+
5 Egli mandò messaggeri a Balaam, figlio di Beor, a Petor che sta sul fiume, nel paese dei figli di Amau, per chiamarlo e dirgli: « Ecco un popolo è uscito dall'Egitto; ricopre la terra e si è stabilito di fronte a me;
6 ora dunque, vieni e maledici questo popolo; poiché è troppo potente per me; forse così riusciremo a sconfiggerlo e potrò scacciarlo dal paese; so infatti che chi tu benedici è benedetto e chi tu maledici è maledetto ».
7 Gli anziani di Moab e gli anziani di Madian partirono portando in mano il salario dell'indovino; arrivati da Balaam, gli riferirono le parole di Balak.
1 Sam 9,7+
8 Balaam disse loro: « Alloggiate qui stanotte e vi darò la risposta secondo quanto mi dirà il Signore ».
I capi di Moab si fermarono da Balaam.
9 Ora Dio venne a Balaam e gli disse: « Chi sono questi uomini che stanno da te? ».
10 Balaam rispose a Dio: « Balak, figlio di Zippor, re di Moab, mi ha mandato a dire:
11 Ecco, il popolo che è uscito dall'Egitto, ricopre la terra; ora vieni a meledirlo; forse riuscirò così a batterlo e potrò scacciarlo ».
12 Dio disse a Balaam: « Tu non andrai con loro, non maledirai quel popolo, perché esso è benedetto ».
13 Balaam si alzò la mattina e disse ai capi di Balak: « Andatevene al vostro paese, perché il Signore si è rifiutato di lasciarmi venire con voi ».
14 I capi di Moab si alzarono, tornarono da Balak e dissero: « Balaam si è rifiutato di venire con noi ».
15 Allora Balak mandò di nuovo i capi, in maggior numero e più influenti di quelli di prima.
16 Vennero da Balaam e gli dissero: « Così dice Balak, figlio di Zippor: Nulla ti trattenga dal venire da me;
17 perché io ti colmerò di onori e farò quanto mi dirai; vieni dunque e maledici questo popolo ».
18 Ma Balaam rispose e disse ai ministri di Balak: « Quand'anche Balak mi desse la sua casa piena d'argento e oro, non potrei trasgredire l'ordine del Signore, mio Dio, per fare cosa piccola o grande.
19 Nondimeno, trattenetevi qui anche voi stanotte, perché io sappia ciò che il Signore mi dirà ancora ».
20 Dio venne la notte a Balaam e gli disse: « Se quegli uomini sono venuti a chiamarti, alzati e va' con loro; ma farai ciò che io ti dirò ».
21 Balaam quindi si alzò la mattina, sellò l'asina e se ne andò con i capi di Moab.

L'asina di Balaam

22 Ma l'ira di Dio si accese perché egli era andato; l'angelo del Signore si pose sulla strada per ostacolarlo.
Egli cavalcava l'asina e aveva con sé due servitori.
23 L'asina, vedendo l'angelo del Signore che stava sulla strada con la spada sguainata in mano, deviò dalla strada e cominciò ad andare per i campi.
Balaam percosse l'asina per rimetterla sulla strada.
24 Allora l'angelo del Signore si fermò in un sentiero infossato tra le vigne, che aveva un muro di qua e un muro di là.
25 L'asina vide l'angelo del Signore, si serrò al muro e strinse il piede di Balaam contro il muro e Balaam la percosse di nuovo.
26 L'angelo del Signore passò di nuovo più avanti e si fermò in un luogo stretto, tanto stretto che non vi era modo di ritirarsi né a destra, Nè a sinistra.
27 L'asina vide l'angelo del Signore e si accovacciò sotto Balaam; l'ira di Balaam si accese ed egli percosse l'asina con il bastone.
28 Allora il Signore aprì la bocca all'asina ed essa disse a Balaam: « Che ti ho fatto perché tu mi percuota già per la terza volta? ».
2 Pt 2,16
29 Balaam rispose all'asina: « Perché ti sei beffata di me! Se avessi una spada in mano, ti ammazzerei subito ».
30 L'asina disse a Balaam: « Non sono io la tua asina sulla quale hai sempre cavalcato fino ad oggi?
Sono forse abituata ad agire così? ». Ed egli rispose: « No ».
31 Allora il Signore aprì gli occhi a Balaam ed egli vide l'angelo del Signore, che stava sulla strada con la spada sguainata.
Balaam si inginocchiò e si prostrò con la faccia a terra.
32 L'angelo del Signore gli disse: « Perché hai percosso la tua asina già tre volte?
Ecco io sono uscito a ostacolarti il cammino, perché il cammino davanti a me va in precipizio.
33 Tre volte l'asina mi ha visto ed è uscita di strada davanti a me; se non fosse uscita di strada davanti a me, certo io avrei già ucciso te e lasciato in vita lei ».
34 Allora Balaam disse all'angelo del Signore: « Io ho peccato, perché non sapevo che tu ti fossi posto contro di me sul cammino; ora se questo ti dispiace, io tornerò indietro ».
35 L'angelo del Signore disse a Balaam: « Va' pure con quegli uomini; ma dirai soltanto quello che io ti dirò ».
Balaam andò con i capi di Balak.

Balaam e Balak

36 Quando Balak udì che Balaam arrivava, gli andò incontro a Ir_Moab che è sul confine dell'Arnon, all'estremità del confine.
37 Balak disse a Balaam: « Non ti avevo forse mandato a chiamare con insistenza?
Perché non sei venuto da me? Non sono forse in grado di farti onore? ».
38 Balaam rispose a Balak: « Ecco, sono venuto da te; ma ora posso forse dire qualsiasi cosa?
La parola che Dio mi metterà in bocca, quella dirò ».
Ger 1,9
39 Balaam andò con Balak e giunsero a Kiriat-Cusot.
40 Balak immolò bestiame grosso e minuto e mandò parte delle carni a Balaam e ai capi che erano con lui.
41 La mattina Balak prese Balaam e lo fece salire a Bamot-Baal, da dove si vedeva un'estremità dell'accampamento del popolo.
Indice

Abbreviazioni
22,1-36,13 Dalle steppe di Moab verso il Giordano
22,1-21 Balak invita Balaam
Il re di Moab, Balak, chiama l'indovino Balaam perché, per mezzo dei suoi poteri, impedisca a Israele di avanzare ulteriormente.
22,1 Le steppe di Moab: la regione a nord-est del Mar Morto.
oltre il Giordano verso Gerico: alla lettera « al di là del Giordano di Gerico », cioè all'altezza di Gerico ma dall'altro lato del Giordano, dal punto di vista di un abitante della Palestina
22,2-21 I racconti che inquadrano gli oracoli di Balaam combinano le due tradizioni jahvista ed elohista, con predominio di quella elohista.
Gli oracoli stessi devono essere più antichi.
- Questo lungo episodio presenta un caso singolare di profetismo.
Balaam è un indovino delle sponde dell'Eufrate; riconosce Jahve come suo Dio
( Nm 22,18, ecc. ) e benedice Israele ( Nm 23,11-12.25-26; Nm 24,10; cf. Mi 6,5 ).
Ma le tradizioni più recenti considerano Balaam come un nemico, costretto dall'onnipotenza di Dio a benedire, contro sua voglia, Israele ( Dt 23,5-6;
Gs 24,9-10; cf. Ne 13,2 ) e che spinse Israele all'idolatria di Peor ( Nm 31,8.16 ).
Questa tradizione verrà ripresa dal NT.
22,5 Balaam con ogni probabilità significa: "divoratore", "distruttore"; nel nome è già contenuta la sua missione nei confronti di Israele.
Petor ( che sta sul Fiume, cioè l'Eufrate ) e il paese di Amau, Ammaw ( con il TM `ammô, contro « Ammon » di sam., sir., volg. ) sono conosciuti dai testi cuneiformi.
22,21 L'asina era una cavalcatura d'onore nel secondo millennio a.C. ( cf. Gdc 5,10;
Gdc 10,4; Gdc 12,14 ).
22,22-35 L'asina di Balaam
22,22 Signore: con sam. e alcuni mss greci; il TM ha: « Dio »
- La contraddizione con il v 20 sembra indicare un cambio di tradizione
( cf. Nm 22,2+ ).
Questo racconto, più colorito e più popolare del precedente, è attribuito allo jahvista.
In esso parlano gli animali come in Gen 3,1s.
22,32 il cammino… va in precipizio: alla lettera « il cammino sprofonda ».
Altra traduzione: « perché questo viaggio non mi piaceva ».
22,34 Ogni azione dell'uomo, cosciente o no, che si trovi in opposizione alla volontà divina, viene qui considerata come un peccato.
22,36-24,25 Gli oracoli di Balaam
22,36 Ir-Moab: il testo porta 'ir Mô'ab, « una città di Moab », ma si tratta di Ar, roccaforte che domina la gola dell'Arnon ( cf. Nm 21,15 ).
Balaam però va a pronunziare i suoi oracoli spostandosi verso il nord fino al monte Nebo, costeggiando l'orlo dell'altipiano che domina la steppa occupata dagli israeliti.
Si è molto a nord dell'Arnon, frontiera di Moab, e nell'antico territorio di Sicon, conquistato dagli israeliti.
Questi racconti riflettono una situazione posteriore alla conquista, ma anteriore all'epoca di Davide, quando Moab si era esteso verso nord.
Ad un certo momento arriverà fino a Gerico ( cf. Gdc 3,13 ).
22,40 È un sacrificio di comunione ( Lv 3,1+) seguito ( Nm 23,2 ) dall'olocausto, che prepara la manifestazione divina ( cf. Gdc 6,25s ).
22,41 un'estremità dell'accampamento del popolo: alla lettera « la estremità del popolo ».