Qoelet

Capitolo 11

CEI 2008 - Audio Interconfessionale
1 Getta il tuo pane sulle acque, perché con il tempo lo ritroverai.
2 Fanne sette od otto parti, perché non sai quale sciagura potrà succedere sulla terra.
3 Se le nubi sono piene di acqua, la rovesciano sopra la terra; se un albero cade a sud o a nord, là dove cade rimane.
4 Chi bada al vento non semina mai e chi osserva le nuvole non miete.
5 Come ignori per qual via lo spirito entra nelle ossa dentro il seno d'una donna incinta, così ignori l'opera di Dio che fa tutto.
Gv 3,8
Sal 139,14-16
Qo 3,11+
6 La mattina semina il tuo seme e la sera non dar riposo alle tue mani, perché non sai qual lavoro riuscirà, se questo o quello o se saranno buoni tutt'e due.

L'età

7 Dolce è la luce e agli occhi piace vedere il sole.
8 Anche se vive l'uomo per molti anni se li goda tutti, e pensi ai giorni tenebrosi, che saranno molti: tutto ciò che accade è vanità.
9 Stà lieto, o giovane, nella tua giovinezza, e si rallegri il tuo cuore nei giorni della tua gioventù.
Segui pure le vie del tuo cuore e i desideri dei tuoi occhi.
Sappi però che su tutto questo Dio ti convocherà in giudizio.
10 Caccia la malinconia dal tuo cuore, allontana dal tuo corpo il dolore, perché la giovinezza e i capelli neri sono un soffio.
Indice

Abbreviazioni
11,1-6 Invito ad agire
11,1 Getta il tuo pane: questo gesto, in sé sconsiderato e assurdo, potrebbe essere inteso come un rischio che si deve correre.
il tuo pane sulle acque: alcuni interpreti pensano all'esca gettata sull'acqua dal pescatore, e ritrovata sotto forma di pesca; altri pensano al commercio marittimo.
Questa sequenza sul rischio permette di apprezzare l'insegnamento di Qo.
Non si diverte a scoraggiare il suo discepolo, ma gli toglie le illusioni per evitargli gli scoraggiamenti.
In definitiva bisogna rischiare.
11,5 ignori per qual via lo spirito entra nelle ossa: con mss dei LXX e Aquila;
BJ con il TM legge: « ignori la via che segue il vento, o quella dell'embrione
( nel seno della donna ).
11,7-10 Invito alla gioia
11,8 se li goda tutti: una vita lunga era la ricompensa promessa agli israeliti nei discorsi del Deuteronomio ( Dt 5,16.33; Dt 11,9.21; Dt 22,7, ecc. ), la suprema beatitudine garantita al giusto da parte dei sapienti.
Per Qo la vecchiaia non è felicità, è paura della morte ( Qo 11.7 ),
rimpianto della giovinezza ( Qo 11,8-12,2 ),
una vita al rallentatore ( Qo 12,3-5 ),
attesa dell'irreparabile ( Qo 12,5-7 ).
11,9 i desideri dei tuoi occhi: alla lettera « ciò che vedono i tuoi occhi ».
Forse qui sì tratta di un detto sulla giovinezza, che Qo riprende;
ma vi aggiunge un prudente richiamo sulla sua brevità.