Sacrosanctum concilium

I. Natura della sacra liturgia e sua importanza nella vita della Chiesa

10 ... ma ne è il culmine e la fonte

Nondimeno la liturgia è il culmine verso cui tende l'azione della Chiesa e, al tempo stesso, la fonte da cui promana tutta la sua energia.

Il lavoro apostolico, infatti, è ordinato a che tutti, diventati figli di Dio mediante la fede e il battesimo, si riuniscano in assemblea, lodino Dio nella Chiesa, prendano parte al sacrificio e alla mensa del Signore.

A sua volta, la liturgia spinge i fedeli, nutriti dei « sacramenti pasquali », a vivere « in perfetta unione »;26 prega affinché « esprimano nella vita quanto hanno ricevuto mediante la fede »;27 la rinnovazione poi dell'alleanza di Dio con gli uomini nell'eucaristia introduce i fedeli nella pressante carità di Cristo e li infiamma con essa.

Dalla liturgia, dunque, e particolarmente dall'eucaristia, deriva in noi, come da sorgente, la grazia, e si ottiene con la massima efficacia quella santificazione degli uomini nel Cristo e quella glorificazione di Dio, alla quale tendono, come a loro fine, tutte le altre attività della Chiesa.

Indice

26 Missale romanum, orazione dopo la Comunione della Veglia Pasquale e della domenica di Risurrezione
27 Missale romanum, orazione della Messa del martedì fra l'ottava della Pasqua