Isaia

Capitolo 15

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Indice

Su Moab

1 Oracolo su Moab. È stata devastata di notte, Ar-Moab è stata distrutta; è stata devastata di notte, Kir- Moab è stata distrutta.
Ger 48
Ez 25,8-11
Am 2,1-3
2 È salita la gente di Dibon sulle alture, per piangere; su Nebo e su Màdaba Moab innalza un lamento; ogni testa è stata rasata, ogni barba è stata tagliata.
Ger 48,37-38
3 Nelle sue strade si indossa il sacco, sulle sue terrazze si fa il lamento.
Nelle sue piazze ognuno si lamenta, si scioglie in lacrime.
4 Emettono urla Chesbòn ed Elealè, le loro grida giungono fino a Iàas.
Per questo tremano le viscere di Moab, freme la sua anima.
Ger 48,34
Nm 21,23
5 Il cuore di Moab geme; i suoi fuggiaschi giungono fino a Zoar.
Ah, la salita di Luchìt salgono piangendo. Sulla via di Coronàim mandano grida strazianti.
Ger 48,34.36
Gen 19,22
6 Le acque di Nimrìm sono un deserto, l'erba si è seccata, finita è la pastura; non c'è più nulla di verde.
7 Per questo fanno provviste, le loro riserve trasportano al di là del torrente dei Salici.
8 Risuonano grida per tutto il territorio di Moab; fino a Eglaim giunge il suo urlo, fino a Bir-Elim il suo urlo.
9 Le acque di Dimòn sono piene di sangue, eppure colpirò Dimòn con altri mali; un leone per i fuggiaschi di Moab e per il resto del paese.
Indice

Abbreviazioni
15,1-16,14 c 15 L'attribuzione a Isaia del lungo poema su Moab dei cc 15-16 è discussa.
Alcuni pensano a oracoli anteriori a Isaia, che sarebbero stati ripresi da lui e applicati alla sua epoca ( cf. la conclusione i prosa dei vv 13-14 ).
Altri datano questi poemi, o una parte di essi, da un'epoca posteriore a Isaia.
Vi si trovano numerosi paralleli con l'oracolo su Moab di Ger 48.
Distruzione di Moab
15,1 Moab: regione a est del Mar Morto.
Si elencano diverse città del suo territorio.
devastata: la devastazione ha raggiunto tutto il paese di Moab, le cui principali città sono menzionate nei vv 1-4, andando approssimativamente da sud a nord,
da Kir ( Kerak ) fino a Chesbòn ed Elealè, a nord del Nebo e di Madaba.
I vv 5-9 descrivono la fuga degli abitanti verso il sud: Zoar ( cf. Gen 19,22 )
e il torrente dei Salici, frontiere meridionali di Moab.
15,2 È salita la gente di Dibon: conget.; BJ traduce: « è salita, la figlia di Dibon », conget. secondo Targum e sir.; il TM presenta: « sale al tempio e a Dibon ».
15,5 Il cuore di Moab geme: BJ traduce: « il suo cuore grida in favore di Moab ».
I LXX e il Targum hanno: « il suo cuore »; il TM presenta: « il mio cuore ».
- i suoi fuggiaschi: con 1QIsa; il TM ha: « i suoi catenacci ».
15,9 Dimón è forse una variante dialettale di « Dibòn » ( cf. v 2 ),
scelta perché evoca l'idea di sangue, ebraico dam.