Riflessioni introduttive

Qual è la differenza tra "lezione di religione" e "lezione di catechismo"?

Lezione di religione

- informazione

- conoscenza

- cultura

Lezione di catechismo

- messa in pratica della lezione di religione

- trasmissione di vita cristiana

- porta a Gesù: Via - Verità - Vita entra nel cuore della Chiesa

Chi è il Catechista?
Il Catechista è un cristiano che riecheggia e ripropone ai suoi fratelli la parola di Dio che medita, approfondisce e si sforza di vivere, attenendosi all'interpretazione del Magistero della Chiesa.

Nella lezione di Catechismo o Catechesi, il Catechista:

- esprime "professionalmente" le sue doti di cristiano

- perché la "professione" di cristiano è il suo forte

- per questo si prepara in modo adeguato

- con libera scelta … che dovrebbe essere di tutti i cristiani in quanto battezzati
  e seguaci di Cristo.

Il Catechista per essere coerente deve perciò:

- conoscere bene e far conoscere la figura di Gesù familiarizzare con Lui sentendolo amico

- sentirsi alla sua "sequela", come suo discepolo più vicino e prediletto

- rendersi disponibile, al suo servizio umilmente e generosamente senza troppi calcoli
  (conviene … non conviene … a che cosa mi serve …) per servire gli altri,
  anche se costa tempo, fatica, incomprensioni, insuccessi, rinunce …

A imitazione di Gesù, il divino Catechista che ci ha preceduti in tutto,

il Catechista è un apostolo coerente e attivo che svolge la sua missione con zelo e competenza.

Diventare Catechista

Il modo in cui si diventa Catechisti è vario, ma in tutti c'è:

- il sì di Dio che ti ha cercato e raggiunto con il suo amore

- c'è il tuo sì a Dio mediante la fede che un giorno ti ha portato a dire:
  "O Dio tu sei il mio Dio" ( Sal 62 )

- c'è il sì della Chiesa che ti prepara per affidarti una missione.

"Al Catechista, in particolare, spetta il compito specifico e delicato di trasmettere la fede e di educare alla totalità della vita cristiana.

Da qui deriva un'ulteriore esigenza di una sua formazione qualificata" ( CCIFR8 ).

Il Catechista è un testimone che annuncia la salvezza che lui ha già sperimentato

"Testimone di Cristo Salvatore, ogni Catechista deve sentirsi e apparire lui pure, un salvato: uno che ha avuto non da sé, ma da Dio, la grazia della fede, e si impegna ad accoglierla e a comprenderla, in un atteggiamento di umile semplicità e di sempre nuova ricerca.

Educatore dei fratelli nella fede, egli è debitore verso tutti del Vangelo che annuncia;

dalla fede e dalla testimonianza di tutti egli si lascia a sua volta educare" ( Rin. Cat. 185b ).

"Oltre a conoscere adeguatamente il messaggio che espone, egli ne è segno visibile, mediante la sua vita.

Quanti lo ascoltano, devono poter avvertire che, in certo modo, i suoi occhi hanno visto e le sue mani hanno toccato;

dalla sua stessa esperienza devono ricevere luce e certezza" ( Rin. Cat. 186b ).

La ricompensa del Catechista

La ricompensa del Catechista sarà la gioia di essere con Gesù e di partecipare attivamente con Lui alla Storia della Salvezza, perché Lui ci ha detto: "La vostra ricompensa sarà grande …".

Il Catechista non è uno che ripete nozioni acquisite, ma uno che ascolta e accoglie la Parola nell'oggi della Chiesa e dell'uomo.

Il Catechista

Il Catechista annuncia il Vangelo

Perché

"Chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato.

"Ora come potranno invocarlo senza aver prima creduto in lui?

E come potranno credere, senza averne sentito parlare?

E come potranno sentirne parlare senza uno che lo annunzi?

E come lo annunzieremo, senza essere prima inviati?" ( Rm 10,13-15 ).

La fede dipende dall'annuncio e l'annuncio si attua per la parola di Cristo, che manda i suoi discepoli ad evangelizzare tutte le genti ( Mt 28,18-20 ).