Geremia  

Capitolo 52

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

VI. Appendici

La catastrofe di Gerusalemme e il favore reso a Ioiachìn

1 Sedecìa aveva ventun'anni quando divenne re e regnò undici anni a Gerusalemme; sua madre si chiamava Camitàl figlia di Geremia ed era di Libna.
2 Re 24,18-25,30
2 Egli fece ciò che dispiace al Signore, proprio come aveva fatto Ioiakìm.
3 Ma, a causa dell'ira del Signore, in Gerusalemme e in Giuda le cose arrivarono a tal punto che il Signore li scacciò dalla sua presenza.
Sedecìa si era ribellato al re di Babilonia.
4 Allora nel decimo mese dell'anno nono del suo regno, il dieci del mese, venne Nabucodònosor re di Babilonia con tutto l'esercito contro Gerusalemme.
Costoro si accamparono intorno ad essa e costruirono attorno opere d'assedio.
Ger 39,1-10
5 La città rimase assediata fino all'undicesimo anno del re Sedecìa.
6 Nel quarto mese, il nove del mese, mentre la fame dominava nella città e non c'era più pane per la popolazione,
7 fu aperta una breccia nella città.
Allora tutti i soldati fuggirono, uscendo dalla città di notte per la via della porta fra le due mura, che era presso il giardino del re e, mentre i Caldei erano intorno alla città, presero la via dell'Araba.
Ger 39,4+
8 Le truppe dei Caldei però inseguirono il re e raggiunsero Sedecìa nelle steppe di Gèrico; allora tutto il suo esercito lo abbandonò e si disperse.
9 Il re fu catturato e condotto a Ribla nel paese di Amat presso il re di Babilonia che pronunziò la sentenza contro di lui.
10 Il re di Babilonia fece sgozzare i figli di Sedecìa sotto i suoi occhi e fece sgozzare anche tutti i capi di Giuda in Ribla;
11 cavò gli occhi a Sedecìa e lo fece legare con catene e condurre a Babilonia, dove lo tenne in carcere fino alla sua morte.
12 Nel quinto mese, il dieci del mese, essendo l'anno decimonono del regno di Nabucodònosor re di Babilonia, Nabuzaradàn, capo delle guardie, che prestava servizio alla presenza del re di Babilonia, entrò a Gerusalemme.
13 Egli incendiò il tempio del Signore e la reggia e tutte le case di Gerusalemme, diede alle fiamme anche tutte le case dei nobili.
14 Tutto l'esercito dei Caldei, che era con il capo delle guardie, demolì tutte le mura intorno a Gerusalemme.
15 Il resto del popolo che era stato lasciato in città, i disertori che erano passati al re di Babilonia e quanti erano rimasti degli artigiani, Nabuzaradàn capo delle guardie li deportò;
16 dei più poveri del paese Nabuzaradàn, capo delle guardie, ne lasciò una parte come vignaioli e come campagnoli.
17 I Caldei fecero a pezzi le colonne di bronzo che erano nel tempio, le basi a ruote e il mare di bronzo che era nel tempio e ne portarono tutto il bronzo in Babilonia.
18 Essi presero ancora le caldaie, le palette, i coltelli, i bacini per l'aspersione, le coppe e tutti gli arredi di bronzo che servivano al culto.
19 Il capo delle guardie prese ancora i bicchieri, i bracieri, i bacini, le caldaie, i candelabri, le coppe e i calici, quanto era d'oro e d'argento.
20 Quanto alle due colonne, all'unico mare, ai dodici buoi di bronzo che erano sotto di esso e alle basi a ruote, cose che aveva fatto il re Salomone per il tempio del Signore, non si poteva calcolare quale fosse il peso del bronzo di tutti questi arredi.
21 Delle colonne poi una sola era alta diciotto cubiti e ci voleva un filo di dodici cùbiti per misurarne la circonferenza; il suo spessore era di quattro dita, essendo vuota all'interno.
22 Su di essa c'era un capitello di bronzo e l'altezza di un capitello era di cinque cùbiti; tutto intorno al capitello c'erano un reticolato per lato e melagrane, il tutto di bronzo; così era anche l'altra colonna.
23 Le melagrane erano novantasei; tutte le melagrane intorno al reticolato ammontavano a cento.
24 Il capo delle guardie fede prigioniero Seraià, sacerdote capo, e il secondo sacerdote Sofonia insieme con tre custodi della soglia.
25 Dalla città egli fece prigionieri un funzionario, che era a capo dei soldati, e sette uomini fra i più familiari del re, i quali furono trovati in città, e l'aiutante del capo dell'esercito che arruolava la gente del paese, e sessanta uomini della gente del paese, che furono trovati nella città.
26 Nabuzaradàn, capo delle guardie, li prese e li condusse presso il re di Babilonia, a Ribla.
27 Il re di Babilonia li fece percuotere e uccidere a Ribla, nel paese di Amat.
Così fu deportato Giuda dal suo paese.
28 Questa è la gente che Nabucodònosor deportò: nell'anno settimo tremilaventitre Giudei;
29 nell'anno decimo ottavo di Nabucodònosor furono deportati da Gerusalemme ottocentotrentadue persone;
30 nell'anno ventitreesimo di Nabucodònosor, Nabuzaradàn capo delle guardie, deportò settecentoquarantacinque Giudei: in tutto quattromilaseicento persone.
31 Ora, nell'anno trentasettesimo della deportazione di Ioiachìn re di Giuda, nel decimosecondo mese, il venticinque del mese, Evil-Merodàch re di Babilonia, nell'anno della sua ascesa al regno, fece grazia a Ioiachìn re di Giuda e lo fece uscire dalla prigione.
32 Gli parlò con benevolenza e pose il seggio di lui al di sopra dei seggi dei re che si trovavano con lui a Babilonia.
33 Gli cambiò le vesti da prigioniero e Ioiachìn mangiò sempre il cibo alla presenza di lui per tutti i giorni della sua vita.
34 Il suo sostentamento, come sostentamento abituale, gli era fornito dal re di Babilonia ogni giorno, fino al giorno della sua morte, per tutto il tempo della sua vita.
Indice  

Abbreviazioni
52,1-34 Appendice
Forse fu aggiunto qui perché offre lo sfondo storico della predicazione profetica e ne conferma il compimento
c 52 Questo capitolo riprende, completandolo in parte, 2 Re 24,18-25,30
e corrisponde anche a Ger 39,1-10;
una medesima fonte si trova alla base dei tre racconti.
È un'aggiunta al libro di Geremia, come Is 36-39 al libro di Isaia.
Mostra il compimento delle minacce del profeta e termina, come 2 Re,
con un orizzonte di speranza, ugualmente intravisto da Geremia.
52,1 Libna, città della tribù di Giuda ( Gs 15,42 ), deve essere identificata probabilmente con Tell es-Sàfi, a nord della città filistea di Gat.
52,4 il dieci del mese: verso la fine di dicembre del 589.
52,6 nel quarto mese: giugno-luglio del 587.
52,7 Prima di i soldati, BJ congettura: « il re e », secondo Ger 39,4 e v 8;
omesso dal TM.
52,12 Nel quinto mese: luglio-agosto del 587.
52,13 diede alle fiamme anche tutte le case dei nobili:
glossa aggiunta qui e in 2 Re 25,9.
52,15 Prima di Il resto del popolo, il TM legge: « una parte dei poveri del popolo ».
La frase, che manca nei testi paralleli di 2 Re 25,11 e Ger 39,5,
proviene probabilmente dal v 16.
52,20 ai dodici buoi di bronzo che erano sotto di esso:
quest'ultima menzione manca in 2 Re;
i buoi di bronzo erano già stati portati via al tempo di Acaz ( 2 Re 16,17 ).
52,22 così era anche l'altra colonna: il" TM aggiunge: « e le melagrane ».
52,23 Dopo novantasei, BJ aggiunge: « sui lati ».
Senso incerto.
La parola rûhah deve essere collegata alla radice che significa « vento », « soffio ».
Si può anche tradurre: « che pendevano liberamente » ( cf. volg. )
oppure in « rilievo » ( alla lettera « all'aria » );
ma i « venti » indicano anche i « lati » ( Ez 42,20;
cf. Ez 39,7 dove si tratta dei punti cardinali, i quattro « lati » del mondo ).
52,28ss Questa breve notizia ( vv 28-30 ), propria a Geremia,
riproduce probabilmente un documento babilonese.
A quanto sembra, tiene conto solo degli adulti.
Gli anni del regno sono contati secondo il computo babilonese,
che trascura l'anno incompleto dell'ascesa al trono.
52,30 Le date di queste deportazioni sono quindi: 598, 587 e 582.
Quest'ultima ebbe forse luogo in occasione della rivolta ammonita-moabita,
che aveva potuto trovare connivenze in Giuda.
52,31 nell'anno della sua ascesa al regno: nel 562.
52,33 Il libro di Geremia termina riferendo la grazia accordata a Ioiakìn,
simbolo della fine dell'esilio