Geremia

Capitolo 39

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Sorte di Geremia alla caduta di Gerusalemme

1 Nel decimo mese del nono anno di Sedecìa re di Giuda, Nabucodònosor re di Babilonia mosse con tutto l'esercito contro Gerusalemme e l'assediò.
2 Re 25,1-2
2 Nel quarto mese dell'anno undicesimo di Sedecìa, il nove del mese, fu aperta una breccia nella città,
3 entrarono tutti i generali del re di Babilonia e si stabilirono alla Porta di mezzo; Nergal-Sarèzer di Sin-Magir, Nebosar-Sechim, capo dei funzionari, Nergal-Sarèzer, comandante delle truppe di frontiera e tutti gli altri capi del re di Babilonia.
4 Appena videro ciò, Sedecìa re di Giuda e tutti i suoi guerrieri fuggirono uscendo di notte per la via del giardino del re, attraverso la porta fra le due mura, e presero la via dell'Araba.
5 Ma i soldati Caldei li inseguirono e raggiunsero Sedecìa nelle steppe di Gèrico, lo presero e lo condussero da Nabucodònosor re di Babilonia a Ribla nel paese di Amat, dove il re pronunciò la sentenza su di lui.
6 Il re di Babilonia fece sgozzare i figli di Sedecìa, a Ribla, sotto gli occhi di lui; il re di Babilonia fece anche sgozzare tutti i notabili di Giuda.
7 Cavò poi gli occhi a Sedecìa e lo legò con catene per condurlo a Babilonia.
8 I Caldei diedero alle fiamme la reggia e le case del popolo e demolirono le mura di Gerusalemme.
9 Tutto il resto del popolo rimasto in città e i disertori che erano passati a lui e tutto il resto del popolo, Nabuzaradàn, capo delle guardie, li deportò a Babilonia.
10 Nabuzaradàn, capo delle guardie, lasciò nel paese di Giuda i poveri del popolo, che non avevano nulla, assegnando loro vigne e campi in tale occasione.
11 Quanto a Geremia, Nabucodònosor re di Babilonia aveva dato queste disposizioni a Nabuzaradàn, capo delle guardie:
12 « Prendilo e tieni gli occhi su di lui, non fargli alcun male, ma fa' per lui ciò che egli ti dirà ».
13 Essi allora - cioè Nabuzaradàn, capo delle guardie, Nabusazbàn capo dei funzionari, Nergal-Sarèzer, comandante delle truppe di frontiera e tutti gli altri ufficiali del re di Babilonia -
14 mandarono a prendere Geremia dall'atrio della prigione e lo condussero a Godolia figlio di Achikàm, figlio di Safàn, perché lo conducesse a casa.
Così egli rimase in mezzo al popolo.

Oracolo di salvezza per Ebed-Mèlech

15 A Geremia era stata rivolta questa parola del Signore, quando era ancora rinchiuso nell'atrio della prigione:
Ger 45,1-5
16 « Va' a dire a Ebed-Mèlech l'Etiope: Così dice il Signore degli eserciti, Dio di Israele: Ecco io pongo in atto le mie parole contro questa città, a sua rovina e non a suo bene; in quel giorno esse si avvereranno sotto i tuoi occhi.
17 Ma io ti libererò in quel giorno - oracolo del Signore - e non sarai consegnato in mano agli uomini che tu temi.
18 Poiché, certo, io ti salverò; non cadrai di spada, ma ti sarà conservata la vita come tuo bottino, perché hai avuto fiducia in me. Oracolo del Signore ».
Ger 21,9
Ger 38,2
Indice

Abbreviazioni
39,1-14 Il testo di questo brano è formato da elementi disparati e mal raccordati tra loro; Ger 38,28b e Ger 39,4-13 mancano nel greco.
Sembra che alla biografia primitiva di Geremia ( Ger 38,28b; Ger 39,3.14 )
si sia aggiunto anzitutto Ger 39,1-2, racconto dell'assedio dall'inizio fino all'apertura della breccia, che riprende 2 Re 25,1-4a ( Ger 52,4-7a ) e si trova anche nel greco; poi Ger 39,4-10 che narra la fine del regno e le sue conseguenze,
sunteggiando 2 Re 25,4b.7.9-12 ( Ger 52,7b-16 );
infine Ger 39,11-13 che riferisce alcuni dettagli sulla liberazione del profeta.
39,1 Nel decimo mese del nono anno: fra dicembre del 589 e gennaio del 588, termine del nono anno di Sedecia.
39,2 Nel quarto mese: giugno-luglio del 587.
39,3 Versetto difficile.
Il testo sembra corrotto.
La ripetizione del nome di Nergal-Sarèzer è sospetta; il « capo dei funzionari »
o « alto dignitario » ( alle lettera « grande eunuco », ma il termine ha spesso il senso lato di dignitario di corte ) nel v 13 viene chiamato Nabusazbàn.
I nomi di Sin-Magir e Nebosar-Sechim in ebraico sono Samgar-Nebo e Sar-Sechim, nomi che ricorrono unicamente in questo testo.
Si è proposto di correggere Samgar in « ( principe ) di Sin-Magir »
( secondo una lista babilonese ) e Nebo in « Nabusazbàn », come pure di sopprimere Sar-Sechim ( che poteva essere un titolo, doppione ai « alto funzionario » )
e una delle due menzioni di Nergal-Sarèzer.
Ma tali correzioni, che darebbero al testo maggiore coerenza,
non hanno nessun fondamento testuale.
39,4 presero: con sir., volg. ( cf. Ger 52,7 ); il TM ha il singolare.
- Il giardino del re si trova presso la piscina di Siloe ( cf. Ne 3,15; 2 Re 25,4+ ),
a sud-est di Gerusalemme.
- L'Araba ( alla lettera « steppa » ) è la depressione del Giordano a sud del mar Morto fino al golfo di Aqaba; qui, in senso più generale,
è la regione ( « steppa » o « pianura » ) vicino al mar Morto ( cf. v 5 ).
39,5 Ribla nel paese di Amat: oggi Rablè, 75 km a sud di Amat, oggi Hamà,
città sira sull'Oronte.
39,7-19 Il giusto vittima dell'empio è un motivo frequente nella letteratura sapienziale.
39,8 le case del popolo: con sir. battê invece di bêt, « casa »;
cf. Ger 52,13 e 2 Re 25,9.
39,9 tutto il resto del popolo: il TM aggiunge, forse per dittografia, « rimasto »;
BJ congettura in base a Ger 52,15: « tutto il resto degli artigiani ».
39,13 Traduzione incerta.
Probabilmente questo v fu inserito per raccordare le aggiunte precedenti con il v 14, che in origine seguiva immediatamente il v 3.
Di fatto Nabuzardàn entrò in Gerusalemme solo un mese dopo la caduta della città ( cf. 2 Re 25,8 ).
39,15-18 Questo brano si ricollega a Ger 38,13