Isaia  

Capitolo 66

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Oracolo sul tempio

1 Così dice il Signore: « Il cielo è il mio trono, la terra lo sgabello dei miei piedi.
Quale casa mi potreste costruire? In quale luogo potrei fissare la dimora?
Mt 5,34s
At 7,49-55
1 Re 8,27
2 Tutte queste cose ha fatto la mia mano ed esse sono mie - oracolo del Signore - Su chi volgerò lo sguardo?
Sull'umile e su chi ha lo spirito contrito e su chi teme la mia parola.
Sal 24,1-2
3 Uno sacrifica un bue e poi uccide un uomo, uno immola una pecora e poi strozza un cane, uno presenta un'offerta e poi sangue di porco, uno brucia incenso e poi venera l'iniquità.
Costoro hanno scelto le loro vie, essi si dilettano dei loro abomini;
4 anch'io sceglierò la loro sventura e farò piombare su di essi ciò che temono, perché io avevo chiamato e nessuno ha risposto, avevo parlato e nessuno ha ascoltato.
Hanno fatto ciò che è male ai miei occhi, hanno preferito quello che a me dispiace ».
Is 50,2
Is 65,12

Giudizio su Gerusalemme

5 Ascoltate la parola del Signore, voi che venerate la sua parola.
Hanno detto i vostri fratelli che vi odiano, che vi respingono a causa del mio nome: « Mostri il Signore la sua gloria, e voi fateci vedere la vostra gioia! ».
Ma essi saranno confusi.
6 Giunge un rumore, un frastuono dalla città, un rumore dal tempio; è la voce del Signore che paga il contraccambio ai suoi nemici.
Ap 16,17
7 Prima di provare i dolori, ha partorito; prima che le venissero i dolori, ha dato alla luce un maschio.
Ap 12,5
8 Chi ha mai udito una cosa simile, chi ha visto cose come queste?
Nasce forse un paese in un giorno; un popolo è generato forse in un istante?
Eppure Sion, appena sentiti i dolori ha partorito i figli.
9 « Io che apro il grembo materno, non farò partorire? » dice il Signore.
« Io che faccio generare, chiuderei il seno? » dice il tuo Dio.
10 Rallegratevi con Gerusalemme, esultate per essa quanti la amate.
Sfavillate di gioia con essa voi tutti che avete partecipato al suo lutto.
Gv 16,20
11 Così succhierete al suo petto e vi sazierete delle sue consolazioni; succhierete, deliziandovi, all'abbondanza del suo seno.
12 Poiché così dice il Signore: « Ecco io farò scorrere verso di essa, come un fiume, la prosperità; come un torrente in piena la ricchezza dei popoli; i suoi bimbi saranno portati in braccio, sulle ginocchia saranno accarezzati.
13 Come una madre consola un figlio così io vi consolerò; in Gerusalemme sarete consolati.
14 Voi lo vedrete e gioirà il vostro cuore, le vostre ossa saranno rigogliose come erba fresca.
La mano del Signore si farà manifesta ai suoi servi, ma si sdegnerà contro i suoi nemici ».
Gv 16,22
15 Poiché, ecco, il Signore viene con il fuoco, i suoi carri sono come un turbine, per riversare con ardore l'ira, la sua minaccia con fiamme di fuoco.
16 Con il fuoco infatti il Signore farà giustizia su tutta la terra e con la spada su ogni uomo; molti saranno i colpiti dal Signore.
17 Coloro che si consacrano e purificano nei giardini, seguendo uno che sta in mezzo, che mangiano carne suina, cose abominevoli e topi, insieme finiranno - oracolo del Signore -
18 con le loro opere e i loro propositi.

Discorso escatologico

« Io verrò a radunare tutti i popoli e tutte le lingue; essi verranno e vedranno la mia gloria.
Ez 34,13
Mt 24,31
Mt 25,32
19 Io porrò in essi un segno e manderò i loro superstiti alle genti di Tarsis, Put, Lud, Mesech, Ros, Tubal e di Grecia, ai lidi lontani che non hanno udito parlare di me e non hanno visto la mia gloria; essi annunzieranno la mia gloria alle nazioni.
20 Ricondurranno tutti i vostri fratelli da tutti i popoli come offerta al Signore, su cavalli, su carri, su portantine, su muli, su dromedari al mio santo monte di Gerusalemme, dice il Signore, come i figli di Israele portano l'offerta su vasi puri nel tempio del Signore.
21 Anche tra essi mi prenderò sacerdoti e leviti, dice il Signore.
Sal 87,7+
22 Sì, come i nuovi cieli e la nuova terra, che io farò, dureranno per sempre davanti a me - oracolo del Signore - così dureranno la vostra discendenza e il vostro nome.
Is 65,17
23 In ogni mese al novilunio, e al sabato di ogni settimana, verrà ognuno a prostrarsi davanti a me, dice il Signore.
24 Uscendo, vedranno i cadaveri degli uomini che si sono ribellati contro di me; poiché il loro verme non morirà, il loro fuoco non si spegnerà e saranno un abominio per tutti ».
Mc 9,48
Gdt 16,17
Sir 7,17
Indice  

Abbreviazioni
66,1-4 Sul tempio e sul culto
Questo oracolo non ha legame con il contesto.
Condanna il tempio che si è iniziato a ricostruire al ritorno dall'esilio, come sembra suggerire Natan sotto Davide ( 2 Sam 7,5-7 )
e come farà Stefano ( At 7,48s, che cita un passo di Is ).
È il rigetto di una religione troppo materiale, a beneficio della religione dei « poveri » ( v 2b, cf. Sof 2,3+ ).
66,3 Questo testo mette in parallelo quattro azioni del culto legittimo e quattro azioni dei culti pagani: sacrificio umano, uccisione del cane, manducazione del porco,
saluto agli idoli.
Ciò non significa che chi immola un bue non è migliore di chi sacrifica un uomo, ecc.; una condanna così radicale del culto esteriore non si trova in nessuna parte nell'AT.
Ciò significa che coloro che compiono questi atti del culto legittimo compiono poi anche riti pagani.
È dunque una condanna del sincretismo, che praticavano gli stessi circoli
presi in esame da Is 65,3-5 e Is 66,17.
66,4 sventura: testo incerto.
La parola è la stessa di Is 3,4 ( « monelli », cf. la nota ).
Il greco traduce con « scherno » (BJ), il che conviene bene al contesto; ma alcuni traduttori moderni preferiscono « cattivo trattamento », « infortunio », ecc.
66,5-18a Venuta del Signore e gioia per Gerusalemme
66,5-17 È evidentemente il seguito dell'apocalisse del c 65,
ma con un tema nuovo che esprime le speranze del popolo di Dio.
66,5 mostri … la sua gloria: con i LXX; il TM legge: « glorifica ».
66,7 Immagine che esprime il carattere improvviso e prodigioso dell'avvento del mondo nuovo; cf. Is 26,17-18, dove si ritrova l'immagine del parto, con una sfumatura un pò diversa.
66,17 Questo v nel presente contesto appare isolato;
potrebbe essere collegato a Is 65,3-5.
Fa allusione ad atti di un culto segreto, presieduto da un sacerdote
( o una sacerdotessa, se si legge il femminile con qerè e 1QIsa, cf. Ez 8,11 ).
Un tale parallelo sta a indicare che il testo si può spiegare anche senza ricorrere ai misteri ellenistici che sono molto posteriori.
- cose abominevoli: cf. Lv 7,21; Lv 11,10-42.
Inutile correggere questa parola per comprendere « rettili »
( shereç invece di sheqeç, cf. Gen 1,20, ecc. ).
66,18a le loro opere e i loro propositi: la posizione all'inizio del v 18 dipende dal TM;
BJ fa iniziare il v 18 dopo queste parole che non si collegano in nulla a quanto segue.
66,18b-24 Salvezza universale
I vv 18b-24 sono probabilmente stati aggiunti come conclusione ai cc 40-66
o anche all'intero libro.
Tutto il passo doveva essere in versi; deve essere stato modificato dall'inserzione della lista delle nazioni nel v 19 e di quella dei mezzi di trasporto nel v 21.
Tutte le nazioni saranno convertite e ricondurranno i dispersi di Israele a Gerusalemme in offerta a Dio, ma è Israele che riceve le promesse eterne.
In nessun'altra parte dell'AT l'universalismo e il particolarismo sono giustapposti a tal punto.
66,19 Tarsis, Put … Iavan: i nomi geografici vogliono indicare tutti i popoli più lontani
( Ez 27,10-14 e note relative ).
I suverstiti delle nazioni ( cf. Is 45,20-25 ) sono i convertiti;
sono inviati a predicare la fede fino in capo al mondo.
È degno di rilievo che questi primi « missionari »,
di cui si parla, siano pagani convertiti.
- genti di …: questa lista è un'aggiunta che attinge i suoi elementi da Ez 27,10-13.
Le identificazioni probabili sono:
Tarsis = la Spagna;
Put ( così il greco; il TM legge Pul ) = la Libia;
Lud = la Lidia;
Mesech ( così il greco;
il TM legge: « i tiratori di arco », moshqê qeshet ) = la Frigia;
Tubai = la Cilicia;
Grecia, ebraico Jawan = gli ioni, più generalmente i greci.
66,21 Pagani convertiti avranno accesso alle funzioni del culto.
Uguale apertura straordinaria del v 19.
66,24 Al culto perpetuo che renderanno gli adoratori di Jahve ( vv 22-23 )
è opposto il castigo senza fine che colpirà i suoi nemici ( v 24 ).
Per non terminare la lettura del libro con questo terribile avvertimento,
la sinagoga usava ripetere la promessa del v 23.