Giudici

Capitolo 21

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

I rimpianti degli Israeliti

1 Gli Israeliti avevano giurato a Mizpa: « Nessuno di noi darà in moglie la figlia a un Beniaminita ».  
2 Il popolo venne a Betel, dove rimase fino alla sera davanti a Dio, alzò la voce prorompendo in pianto  
3 e disse: « Signore, Dio d'Israele, perché è avvenuto questo in Israele, che oggi in Israele sia avvenuta meno una delle sue tribù? ».  
4 Il giorno dopo il popolo si alzò di buon mattino, costruì in quel luogo un altare e offrì olocausti e sacrifici di comunione.  
5 Poi gli Israeliti dissero: « Chi è fra tutte le tribù d'Israele, che non sia venuto all'assemblea davanti al Signore? ».
Perché c'era stato questo grande giuramento contro chi non fosse venuto alla presenza del Signore a Mizpa: « Sarà messo a morte ».
 
6 Gli Israeliti si pentivano di quello che avevano fatto a Beniamino loro fratello e dicevano: « Oggi è stata soppressa una tribù d'Israele.  
7 Come faremo per le donne dei superstiti, perché abbiamo giurato per il Signore di non dar loro in moglie nessuna delle nostre figlie? ».  

Le vergini di Iabes date ai Beniaminiti

8 Dissero dunque: « Qual è fra le tribù d'Israele quella che non è venuta davanti al Signore a Mizpa? ».
Risultò che nessuno di Iabes di Gàlaad era venuto all'accampamento dove era l'assemblea;
 
9 fatta la rassegna del popolo si era trovato che là non vi era nessuno degli abitanti di Iabes di Gàlaad.  
10 Allora la comunità vi mandò dodicimila uomini dei più valorosi e ordinò: « Andate e passate a fil di spada gli abitanti di Iabes di Gàlaad, comprese le donne e i bambini.
Nm 31,5-6
11 Farete così: ucciderete ogni maschio e ogni donna che abbia avuto rapporti con un uomo; invece risparmierete le vergini ».
Gs 6,17+
Nm 31,17-18
12 Trovarono fra gli abitanti di Iabes di Gàlaad quattrocento fanciulle vergini, che non avevano avuto rapporti con alcuno, e le condussero all'accampamento, a Silo, che è nel paese di Canaan.  
13 Allora tutta la comunità mandò messaggeri per parlare ai figli di Beniamino che erano alla roccia di Rimmon e per proclamar loro la pace.  
14 Così i Beniaminiti tornarono e furono loro date le donne a cui era stata risparmiata la vita fra le donne di Iabes di Gàlaad; ma non erano sufficienti per tutti.  

Il ratto delle figlie di Silo

15 Il popolo dunque si era pentito di quello che aveva fatto a Beniamino, perché il Signore aveva aperto una breccia fra le tribù d'Israele.  
16 Gli anziani della comunità dissero: « Come procureremo donne ai superstiti, poiché le donne beniaminite sono state distrutte? ».  
17 Soggiunsero: « Le proprietà dei superstiti devono appartenere a Beniamino perché non sia soppressa una tribù in Israele.  
18 Ma noi non possiamo dar loro in moglie le nostre figlie, perché gli Israeliti hanno giurato: Maledetto chi darà una moglie a Beniamino! ».  
19 Aggiunsero: « Ecco ogni anno si fa una festa per il Signore a Silo », che è a nord di Betel, a oriente della strada che va da Betel a Sichem e a mezzogiorno di Lebona.
1 Sam 1,3+
20 Diedero quest'ordine ai figli di Beniamino: « Andate, appostatevi nelle vigne  
21 e state a vedere: quando le fanciulle di Silo usciranno per danzare in coro, uscite dalle vigne, rapite ciascuno una donna tra le fanciulle di Silo e ve ne andrete nel paese di Beniamino.  
22 Quando i loro padri o i loro fratelli verranno a discutere con voi, direte loro: Concedetele a noi: abbiamo preso ciascuno una donna come in battaglia … ma se ce le aveste date voi stessi, allora avreste peccato ».  
23 I figli di Beniamino fecero a quel modo: si presero mogli, secondo il loro numero, fra le danzatrici; le rapirono, poi partirono e tornarono nel loro territorio, riedificando le città e vi stabilirono la dimora.  
24 In quel medesimo tempo, gli Israeliti se ne andarono ciascuno nella sua tribù e nella sua famiglia e da quel luogo ciascuno si diresse verso la sua eredità.  
25 In quel tempo non c'era un re in Israele; ognuno faceva quel che gli pareva meglio.
Gdc 17,6+
Indice  

Abbreviazioni
21,1-25 I seicento Beniaminiti superstiti ( Gdc 20,47 ) garantiscono la sopravvivenza della tribù, perché a loro vengono procurate le mogli.
Secondo una tradizione, vengono rapite le vergini di Iabes di Gàlaad, secondo un'altra, le figlie di Silo.
c 21 Questo capitolo fonde due tradizioni collegate dalle ultime parole del v 14.
È possibile che la prima parte provenga dal santuario di Mizpa e la seconda da quello di Betel, ma l'opera del redattore postesilico è così grande che è difficile poterle distinguere con certezza.
L'episodio di Iabes di Gàlaad serve a spiegare i legami esistenti tra questa città e Beniamino alla epoca di Saul ( cf. 1 Sam 11,1; 1 Sam 30,11-13 ).
Il racconto del ratto delle donne di Silo utilizza un ricordo cultuale: un'antica festa di vendemmia, alla quale partecipavano tutte le donne in cerca di marito.
21,3 I conflitti tra le tribù non sopprimono i sentimenti di solidarietà che uniscono il popolo di Israele e che il redattore postesilico sottolinea parlando spesso della « comunità ».
21,10 Iabes di Gàlaad: città tra lo Iarmuk e lo Iabbok, affluenti di sinistra del Giordano.
Era in buoni rapporti con la tribù di Beniamino ( vedi 1 Sam 11; 1 Sam 31,11-13 ).
21,11 risparmierete le vergini: BC segue qui la volg.; BJ aggiunge ancora, con altre versioni: « cosa che fecero ».
Le due espressioni sono omesse dal TM.
21,17 le proprietà dei superstiti: con il TM; BJ traduce con i LXX « come conservare un resto »; alla lettera: « far restare dei superstiti ».
21,19 una festa per il Signore a Silo: forse una festa locale in occasione della vendemmia
( vv. 21-22 ).
Silo è a est della strada Betel-Sichem, 15 chilometri a nord di Betel.
Si tratta di una festa cananea ( cf. Gdc 9,27 ) che fu identificata con la festa del raccolto ( Es 23,16 ) o la festa delle capanne ( Dt 16,13 ).
21,22 Questo versetto, il cui testo è oscuro, sembra far allusione all'episodio di Iabes e al giuramento di Mizpa; dev'essere redazionale.
21,25 Ilracconto di Gdc 19,1-21,25 è incorniciato dalla stessa osservazione che si trova in Gdc 17,6 e Gdc 18,1.
Qui è forse dovuta alla mano del redattore; potrebbe essere una riflessione dei sacerdoti del santuario ufficiale di Betel, che danno lo stesso giudizio dei sacerdoti del santuario regale di Dan nel racconto precedente ( cf. Gdc 17,1+ ).