Neemia

Capitolo 11

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Il sinecismo di Neemia. Liste diverse

1 Capi del popolo si sono stabiliti a Gerusalemme; il resto del popolo ha tirato a sorte per far venire uno su dieci a popolare Gerusalemme, la città santa; gli altri nove potevano rimanere nelle altre città.
Ne 7,4+
2 Il popolo benedisse quanti si erano offerti spontaneamente per abitare in Gerusalemme.
3 Ecco i capi della provincia che si sono stabiliti a Gerusalemme, mentre nelle città di Giuda ognuno si è stabilito nella sua proprietà, nella sua città: Israeliti, sacerdoti, leviti, oblati e i discendenti dei servi di Salomone.
1 Cr 9,2

La popolazione giudaica a Gerusalemme

4 A Gerusalemme si sono stabiliti i figli di Giuda e i figli di Beniamino.
Dei figli di Giuda: Atalia, figlio di Uzzia, figlio di Zaccaria, figlio di Amaria, figlio di Sefatia, figlio di Macalalèel, dei figli di Perez:
1 Cr 9,4-17
5 Maaseia figlio di Baruch, figlio di Col-Coze, figlio di Cazaia, figlio di Adaia, figlio di Ioiarib, figlio di Zaccaria, figlio della famiglia Selanita.
6 Totale dei figli di Perez che si sono stabiliti a Gerusalemme: quattrocentosessantotto uomini valorosi.
7 Questi sono i figli di Beniamino: Sallu figlio di Mesullàm, figlio di Ioed, figlio di Pedaia, figlio di Kolaia, figlio di Maaseia, figlio di Itiel, figlio di Isaia;
8 dopo di lui, Gabbai, Sallai: in tutto, novecentoventotto.
9 Gioele figlio di Zicrì; era loro capo e Giuda figlio di Assenùa era il secondo capo della città.
10 Dei sacerdoti: Iedaia, Ioiarìb, Iachin,
11 Seraia figlio di Chelkia, figlio di Mesullàm, figlio di Zadòk, figlio di Meraiòt, figlio di Achitùb, capo del tempio,
12 e i loro fratelli addetti al lavoro del tempio, in numero di ottocentoventidue; Adaia figlio di Ierocam, figlio di Pelalia, figlio di Amsi, figlio di Zaccaria, figlio di Pascur, figlio di Malchia,
13 e i suoi fratelli, capi delle casate, in numero di duecentoquarantadue; Amasai figlio di Azareèl, figlio di Aczai, figlio di Mesillemòt, figlio di Immer,
14 e i loro fratelli uomini valorosi, in numero di centoventotto; Zabdiel figlio di Ghedolìm era loro capo.
15 Dei leviti: Semaia figlio di Cassùb, figlio di Azrikam, figlio di Casabià, figlio di Bunni;
16 Sabbetai e Iozabàd, preposti al servizio esterno del tempio, fra i capi dei leviti;
17 Mattania figlio di Mica, figlio di Zabdi, figlio di Asaf, il capo della salmodia, che intonava le lodi durante la preghiera; Bakbukia che gli veniva secondo tra i suoi fratelli; Abda figlio di Sammua, figlio di Galad, figlio di Ieditun.
18 Totale dei leviti nella città santa: duecentottantaquattro.
19 I portieri: Akkub, Talmon e i loro fratelli, custodi delle porte: centosettantadue.
20 Il resto d'Israele, dei sacerdoti e dei leviti si è stabilito in tutte le città di Giuda, ognuno nella sua proprietà.

Note complementari

21 Gli oblati si sono stabiliti sull'Ofel e Zica e Ghispa erano a capo degli oblati.
22 Il capo dei leviti a Gerusalemme era Uzzi figlio di Bani, figlio di Casabià, figlio di Mattania, figlio di Mica, dei figli di Asaf, che erano i cantori addetti al servizio del tempio;
23 poiché vi era un ordine del re che riguardava i cantori e vi era una provvista assicurata loro ogni giorno.
24 Petachia figlio di Mesezabeel, dei figli di Zerach, figlio di Giuda, suppliva il re per tutti gli affari del popolo.

La popolazione giudaica in provincia

25 Quanto ai villaggi con le loro campagne, alcuni figli di Giuda si sono stabiliti in Kiriat-Arba e nei villaggi dipendenti, in Dibon e nei suoi villaggi, in Iekabseèl e nei suoi villaggi,
26 in Iesuà, in Molada, in Bet-Pelet,
27 in Cazar-Sual, in Bersabea e nei suoi villaggi,
28 in Ziklàg, in Mecona e nei suoi villaggi,
29 in En-Rimmòn, in Zorea, in Iarmut,
30 in Zanoach, in Adullam e nei suoi villaggi, in Lachis e nei suoi villaggi, in Azeka e nei suoi villaggi.
Si sono stabiliti da Bersabea fino alla valle di Hinnòm.
31 I figli di Beniamino si sono stabiliti in Gheba, Micmas, Ai, Betel e nei luoghi che ne dipendevano;
32 ad Anatòt, Nob, Anania,
33 a Cazòr, Rama, Ghittàim,
34 Cadid, Zeboim, Neballat,
35 e Lod e Ono, nella valle degli Artigiani.
36 Dei leviti parte si è stabilita con Giuda, parte con Beniamino.
Indice

Abbreviazioni
11,1-12,26 Liste di ricapitolazione
c 11 Il c 11 presenta due strati letterari: i vv 1-2.20.25a1,36 sono una composizione del cronista sulla base di Ne 7,1-5a ( memoria di Neemia ); un redattore ha inserito le liste dei vv 4-19 e vv 25b-35, da lui rinvenute in documenti d'archivio.
Le ha introdotte con un titolo ( v 3 ) e ha aggiunto ( egli o un altro )
le note dei vv 21-24.
11,1 uno su dieci: la città santa è abitata da una popolazione santa, che si è offerta come decima in luogo di tutto il popolo.
la città santa: Gerusalemme è così designata a partire da Is 48,2; Is 52,1
( cf. Ne 11,18; Dn 9,24; Tb 13,9; Mt 4,5; Mt 27,53; Ap 11,2 ).
Ma l'idea è più antica ( cf. 2 Sam 5,9+ ).
11,4 Tale lista, da cui dipende 1 Cr 9,1-18, sembra offrire lo stato della popolazione di Gerusalemme, una generazione o due dopo Neemia.
11,5 figlio della famiglia Selanita ( cf. Nm 26,20 ): il TM ha: « figlio del silonita »
( abitante di Silo ).
11,8 dopo di lui: con il TM; BJ con ms gr. traduce: « e i suoi fratelli ».
11,10 Ioiarìb, Iachin: con il TM; BJ congettura: « Ioiakim, figlio di ».
11,11 capo del tempio: titolo del sommo sacerdote ( 2 Cr 31,13 ).
11,17 I cantori sono già equiparati ai leviti ( cf. v 22 ), ma non ancora i portieri ( v 19 ).
Dei cantori, solo i figli di Asaf erano ritornati dall'esilio ( Esd 2,41 = Ne 7,44 ).
È probabile che le altre due classi, Eman e Idutun, siano derivate dai cantori del primo tempio che non erano stati deportati ( cf. 1 Cr 16,37. 41 ).
- salmodia: con ms gr. e volg.; il TM ha: « principio ».
11,20 BJ sposta questo v dopo il v 24.
11,21ss La nota sugli « oblati » ( v 21 ) è forse contemporanea alla lista precedente.
La notizia su Uzzi ( vv 22-23 ) è posteriore: egli è pronipote del Mattania
menzionato nel v 17.
Petachia ( v 24 ) ha rivestito, in un'epoca non precisata, una carica analoga a quella di Neemia.
11,25 Tale lista, che testimonia la espansione giudaica fino nel Negheb, risale a un'epoca posteriore, a meno che non si debba riportarla all'epoca preesilica ( sotto Giosia ).
11,31 I figli: con il TM; BJ traduce con 2 mss ( cf. v 25 ): « figli ».
- a Gheba: conget.; il TM ha: « da Gheba ».
11,36 Dei leviti ecc.: con ms gr.;
il TM alla lettera ha: « Dai leviti, gruppi di Giuda ( si unirono ) a Beniamino ».
In BJ si legge: « Dei gruppi di leviti si trovavano sia in Giuda che in Beniamino ».