2 Samuele

Capitolo 5

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

2. Davide re di Giuda e di Israele

Davide consacrato re di Israele

1 Vennero allora tutte le tribù d'Israele da Davide in Ebron e gli dissero: « Ecco noi ci consideriamo come tue ossa e tua carne.
Dt 17,15
2 Già prima, quando regnava Saul su di noi, tu conducevi e riconducevi Israele.
Il Signore ti ha detto: Tu pascerai Israele mio popolo, tu sarai capo in Israele ».
1 Sam 18,16
2 Sam 3,10+
3 Vennero dunque tutti gli anziani d'Israele dal re in Ebron e il re Davide fece alleanza con loro in Ebron davanti al Signore ed essi unsero Davide re sopra Israele.
4 Davide aveva trent'anni quando fu fatto re e regnò quarant'anni.
5 Regnò in Ebron su Giuda sette anni e sei mesi e in Gerusalemme regnò trentatré anni su tutto Israele e su Giuda.
2 Sam 2,11
1 Cr 3,4

Presa di Gerusalemme

6 Il re e i suoi uomini mossero verso Gerusalemme contro i Gebusei che abitavano in quel paese.
Costoro dissero a Davide: « Non entrerai qui: basteranno i ciechi e gli zoppi a respingerti », per dire: « Davide non potrà entrare qui ».
1 Cr 11,4-9
7 Ma Davide prese la rocca di Sion, cioè la città di Davide.
8 Davide proclamò in quel giorno: « Chiunque colpirà i Gebusei e li raggiungerà attraverso il canale ...
Quanto ai ciechi e agli zoppi, sono in odio a Davide ».
Per questo dicono: « Il cieco e lo zoppo non entreranno nella casa ».
Lv 21,18
9 Davide abitò nella rocca e la chiamò Città di Davide.
Egli vi fece intorno costruzioni, dal Millo verso l'interno.
10 Davide andava sempre crescendo in potenza e il Signore Dio degli eserciti era con lui.
Gen 39,2
1 Sam 1,3+
11 Chiram re di Tiro inviò a Davide messaggeri con legno di cedro, carpentieri e muratori, i quali costruirono una casa a Davide.
1 Cr 14,1s
12 Davide seppe allora che il Signore lo confermava re di Israele e innalzava il suo regno per amore di Israele suo popolo.
1 Re 5,15

Figli di Davide a Gerusalemme

13 Davide prese ancora concubine e mogli di Gerusalemme, dopo il suo arrivo da Ebron: queste generarono a Davide altri figli e figlie.
1 Cr 14,3-7
2 Sam 3,2-5
14 I figli che gli nacquero in Gerusalemme si chiamano Sammùa, Sobàb, Natan e Salomone;
1 Cr 3,5-8
15 Ibcàr, Elisùa, Nèfeg, Iafìa;
16 Elisamà, Eliadà ed Elifèlet.

Vittoria contro i Filistei

17 Quando i Filistei vennero a sapere che avevano consacrato Davide re d'Israele, salirono tutti per dargli la caccia, ma appena Davide ne fu informato, discese alla fortezza.
1 Cr 14,8-16
18 Vennero i Filistei e si sparsero nella valle di Rèfaim.
19 Davide consultò il Signore chiedendo: « Devo andare contro i Filistei?
Li metterai nelle mie mani? ».
Il Signore rispose a Davide: « Va' pure, perché certo metterò i Filistei nelle tue mani ».
1 Sam 2,28+
20 Davide si recò a Baal-Perazim e là Davide li sconfisse ed esclamò: « Il Signore ha aperto una breccia tra i nemici davanti a me, come una breccia aperta dalle acque ».
Per questo chiamò quel luogo Baal-Perazìm.
21 I Filistei abbandonarono là i loro dèi e Davide e la sua gente li portarono via.
1 Sam 4,11
22 I Filistei salirono poi di nuovo e si sparsero nella valle di Rèfaim.
23 Davide consultò il Signore, il quale gli disse: « Non andare; gira alle loro spalle e piomba su di loro dalla parte dei Balsami.
Sal 84,7
24 Quando udrai un rumore di passi sulle cime dei Balsami, lanciati subito all'attacco, perché allora il Signore uscirà davanti a te per sconfiggere l'esercito dei Filistei ».
2 Re 7,6
Gen 3,8
25 Davide fece come il Signore gli aveva ordinato e sconfisse i Filistei da Gàbaa fino all'ingresso di Ghezer.
Indice

Abbreviazioni
5,1-25 Davide re di Giuda e d'Israele: conquista di Gerusalemme, disfatta dei Filistei
5,3 ed essi unsero Davide re d'Israele: riguardo a questa nuova consacrazione,
vedi nota a 2 Sam 2,4.
5,5 Davide, prima consacrato dai giudei ( 2 Sam 2,4 ), ora è riconosciuto anche dagli israeliti; ma i due gruppi rimangono distinti: Davide è re « su tutto Israele e su Giuda ».
Si tratta di una monarchia dualista, un regno unito, tormentato da lotte intestine fino alla scissione ( 1 Re 12 ).
5,6 I Gebusei abitavano Gerusalemme prima della presa della città da parte di Davide.
La città abitata dai Gebusei è stata identificata con l'area a sud-est della collina dove sorgerà più tardi il tempio.
La frase i ciechi e gli zoppi … è di significato incerto.
Questa conquista si pone cronologicamente dopo le vittorie sui filistei raccontate nei vv 17-25.
- basteranno i ciechi e gli zoppi a respingerti: la posizione, pensano essi, è talmente imprendibile, che basteranno gli infermi a difenderla.
5,8 attacchi attraverso il canale: secondo un'interpretazione abbastanza comune, il termine tradotto con canale sembra indicare la galleria nella roccia, in parte naturale, in parte scavata artificialmente, che permette ancora oggi di accedere alla sorgente di Ghicon, posta fuori della città.
raggiungerà: o « ucciderà » con il TM; BJ congettura « salirà ».
Si completerà la frase con: « riceverà tale ricompensa ».
Ma il testo è incerto.
Il « canale », se tale è veramente il significato della parola, sarebbe il tunnel scavato nell'antica collina di Gerusalemme per discendere alla sorgente di Ghicon
( 1 Re 1,33s ) senza uscire dalla città.
Uomini abili potevano scalarlo e trovarsi così sulla piazza.
1 Cr 11,6 ha un testo semplice: « Chiunque ucciderà il primo dei gebusei sarà capo e principe.
Il primo a salire fu Ioab ».
- quanto ai ciechi e agli zoppi, sono in odio a Davide: questa frase, senza legame con il contesto, manca nei libri delle Cronache.
- nella casa: BJ ha: « nel tempio » ( cf. Lv 21,18 ).
5,9-12 Anacronisticamente, vengono attribuite a Davide opere pubbliche realizzate sotto Salomone.
5,9 Millo: probabilmente il terrapieno che permetterà di collegare il palazzo reale al tempio.
5,9a La posizione geografica di Gerusalemme, tra le tribù del sud e quelle del nord, spiega la scelta di Davide.
Il nome della città è attestato dall'anno 2000.
L'antica città dei gebusei ( Dt 7,1+ ) occupava la collina dell'Ofel sul monte Sion tra le vallate del Cedron e del Tiropeon; era dominata a nord dalla sommità, sulla quale Davide eleverà un altare ( 2 Sam 24,16s ) e Salomone il tempio ( 1 Re 6 );
i palazzi di Salomone verranno costruiti a sud del santuario ( 1 Re 7 ).
Più tardi, la città si estenderà sulla grande collina occidentale e le sue mura settentrionali dovranno per due volte essere trasportate più a nord ( 2 Re 14,13+ ).
Il sistema idrico fu perfezionato ( v 8+ ) soprattutto da Ezechia ( 2 Re 20,20+ ).
Nabucodònosor distrusse la città nel 587 a.C. ( 2 Re 25 ), ma il tempio fu riedificato nel 515 ( Esd 6,15 ) e le mura nel 445 ( Ne 2-6 ).
Antioco Epifane fece costruire la rocca di fronte al tempio ( 1 Mac 1,33+ ); e gli Asmonei trasformarono questa rocca in un palazzo, che Erode sostituirà con una nuova residenza ufficiale più a ovest.
Lo stesso Erode trasformò l'antica cittadella del tempio ( Ne 7,2 ) in una vasta fortezza, l'Antonia, e ricostruì il tempio ( Gv 2,20 ).
Infine la città sarà distrutta nel 70 d.C. da Tito ( cf. Lc 21,20 ).
-Apparsa per la prima volta nella bibbia con il suo sacerdote-re Melchisedech
( Gen 14,18+; Sal 76,3), divenuta sotto Davide la capitale politica e religiosa d'Israele, Gerusalemme ( o Sion ) diventerà la personificazione del popolo eletto
( Ez 23; Is 62 ).
Essa è la casa di Jahve ( Sal 76,3+ ) e del suo unto ( Sal 2 e Sal 110 ), il futuro luogo d'incontro delle nazioni ( Is 2,1-5; Is 60 ).
È con la visione della nuova Gerusalemme ( Is 54,11+ )
che termina la bibbia ( Ap 21s ).
5,9b vi fece intorno costruzioni: BJ traduce: « costruì un muro sulla sua circonferenza »; la voce « muro » è stata trasportata accidentalmente nel v 11.
- Sul Millo, vedere 1 Re 9,15.
Questo muro « verso l'interno » doveva allungare la vallata del Tiropeon.
5,13 Dio approva la poligamia e i concubine?
5,17-25 Davide, re di Giuda a Ebron, restava nominalmente vassallo dei filistei
( 1 Sam 27,5-6 ).
Ora essi incominciano a preoccuparsi del suo crescente potere.
5,17 fortezza: forse il rifugio di Adullàm ( 1 Sam 22,1-5 ); Gerusalemme non è ancora stata conquistata ( cf. nota al v 6 ).
5,18 valle di Rèfaim: pianura infossata a sud-est di Gerusalemme ( Gs 15,8; Gs 18,16;
cf. Dt 2,10+ ).
Segna la frontiera tra il territorio di Giuda e quello di Beniamino.
5,20 Baal-Perazìm: Pereç significa « breccia » ( cf. Gen 38,29 ); il luogo viene chiamato così da Davide a ricordo dell'evento.
5,24 rumore di passi: i passi di Jahve che avanza.
5,25 Gàbaa: BJ con i LXX e Cronache legge « Gabaon »; il TM ha: « Gheba ».
Ghezer è al confine del paese dei filistei: il nemico è respinto nei propri territori.