Concilio di Trento

Sessione XVIII ( 26 febbraio 1562 )

1 - Decreto sulla scelta dei libri e sulla volontà di invitare tutti al concilio con salvacondotto

Il sacrosanto concilio ecumenico e generale Tridentino, legittimamente riunito nello Spirito Santo, sotto la presidenza degli stessi legati della sede apostolica, confidando non nelle risorse umane, ma nella protezione e nell'aiuto del signore nostro Gesù Cristo, che promise di dare alla sua chiesa le parole adatte e la sapienza, ( Lc 21,5 ) a questo principalmente tende: a poter ricondurre una buona volta la dottrina della fede cattolica - inquinata e appannata, in molti luoghi, dalle opinioni di molti, che la pensano in modo contrastante, - all'antica purezza e splendore, a riportare i costumi, lontani dall'antico modo di vivere, ad un comportamento migliore e a rivolgere il cuore dei padri verso i figli ( Lc 1,17 ) e il cuore di questi verso i padri. ( Mal 3,24 )

Poiché, dunque, esso ha dovuto costatare che in questo tempo il numero dei libri sospetti e pericolosi, nei quali si contiene una dottrina impura, da essi diffusa in lungo e in largo, è troppo cresciuto, - e ciò è stato il motivo per cui molte censure in varie province, e specialmente nella città di Roma, sono state stabilite con pio zelo, senza però che ad un male così grave e così pericoloso giovasse alcuna medicina, - questo sinodo ha disposto che un gruppo di padri scelti per lo studio di questo problema, considerasse diligentemente che cosa fosse necessario fare e, a suo tempo, ne riferissero allo stesso santo sinodo, perché esso possa più facilmente separare, come zizzania, le dottrine varie e peregrine ( Eb 13,9 ) dal frumento della verità cristiana; ( Mt 13,30 ) e con maggiore opportunità prendere una deliberazione e stabilire qualche cosa di preciso su quelle questioni che sembreranno più opportune a togliere lo scrupolo dall'anima di parecchia gente e a rimuovere le cause di molti lamenti.

Esso desidera che tutte queste considerazioni vengano portate a conoscenza di chiunque, - ed intende farlo col presente decreto, - di modo che se qualcuno credesse che ciò che si riferisce ai libri e alle censure in parola, o alle altre cose che si dovranno trattare in questo concilio generale, lo riguarda in qualche modo, non dubiti di essere benignamente ascoltato dal santo sinodo.

E poiché lo stesso santo sinodo desidera con tutto il cuore e prega istantemente Dio per la pace della chiesa, ( Sal 122,6 ) affinché tutti, riconoscendo in terra la comune madre, che non può dimenticare coloro che ha partorito, ( Is 49,15 ) glorifichino unanimi, ad una sola bocca, Dio e Padre del signore nostro Gesù Cristo, ( Rm 15,6 ) per la misericordia dello stesso Dio e Signore, ( Lc 1,78 ) esso invita tutti coloro che non hanno la comunione con noi e li esorta alla concordia e alla riconciliazione; che vengano a questo santo sinodo; che vogliano attenersi alla carità, che è il vincolo della perfezione, ( Col 3,14 ) e portino con sé la pace di Cristo, che esulta nel loro cuore, alla quale sono chiamati in un solo corpo. ( Col 3,15 )

Ascoltando, perciò, questa voce non umana, ma dello Spirito santo, non vogliano indurire il loro cuore ( Sal 95,8; Eb 3,8 ) non camminando secondo il loro sentimento, ( Ef 4,17 ) né piacendo a se stessi, ( 2 Pt 2,10; Rm 15,1-3 ) siano scossi e si ravvedano ad una ammonizione così pia e così salutare della loro madre: poiché il santo sinodo, come li invita con ogni riguardo suggerito dalla carità, così li accoglierà.

Ha decretato, inoltre, lo stesso santo sinodo, che si possa concedere un pubblico salvacondotto nella congregazione generale e che esso abbia la stessa efficacia, la stessa forza e la stessa importanza che se fosse stato concesso e decretato in sessione pubblica.

2 - Indizione della futura sessione

Lo stesso sacrosanto concilio Tridentino, legittimamente riunito nello Spirito Santo, sotto la presidenza degli stessi legati della santa sede, stabilisce e dispone che la prossima, futura sessione debba tenersi a celebrarsi il giovedì dopo la festa santissima dell'ascensione del Signore, che sarà il 14 del mese di maggio.

3 - Salvacondotto dato ai Tedeschi nella congregazione generale del 4 marzo 1562

Il sacrosanto, ecumenico, generale concilio Tridentino, legittimamente riunito nello Spirito Santo, sotto la presidenza degli stessi legati della santa sede, promette solennemente....320

4 - Si estende lo stesso salvacondotto alle altre nazioni

Lo stesso concilio ecumenico e generale Tridentino, legittimamente riunito nello Spirito Santo, sotto la presidenza degli stessi legati della sede apostolica, concede a tutti e singoli quegli altri che non hanno comunione di fede con noi, a qualsiasi regno, provincia, città, luogo appartengano, e in cui pubblicamente ed impunemente si predica, si insegna si crede diversamente da quanto ritiene la santa chiesa Romana, il salvacondotto nella stessa forma e con le stesse parole, con cui viene concesso ai Tedeschi.

Indice

320 Segue il salvacondotto già approvato nella XV sessione