Salmi

Capitolo 122 ( 121 )

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Saluto a Gerusalemme

1 Canto delle ascensioni. Di Davide.
Quale gioia, quando mi dissero:
« Andremo alla casa del Signore ».
Sal 42,5.7
Sal 43,3
Sal 84,2-5
2 E ora i nostri piedi si fermano
alle tue porte, Gerusalemme!
3 Gerusalemme è costruita
come città salda e compatta.
Sal 48,13-14
Ef 2,19-22
4 Là salgono insieme le tribù,
le tribù del Signore,
secondo la legge di Israele,
per lodare il nome del Signore.
Dt 16,16
5 Là sono posti i seggi del giudizio,
i seggi della casa di Davide.
1 Re 7,7
Dt 17,8
2 Cr 19,8
6 Domandate pace per Gerusalemme:
sia pace a coloro che ti amano,
7 sia pace sulle tue mura,
sicurezza nei tuoi baluardi.
Sal 48,13
Ct 4,4
8 Per i miei fratelli e i miei amici
io dirò: « Su di te sia pace! ».
9 Per la casa del Signore nostro Dio,
chiederò per te il bene.
Sal 26,8
Tb 13,14
Indice

Abbreviazioni
122,1 Mentre sta per entrare nella città santa ( v. 2 ), il pellegrino intona questo gioioso canto di lode ( considerato uno dei "canti di Sion", nota a Sal 46 ), al quale si uniscono il saluto e l'augurio perché Gerusalemme rimanga sempre centro di tutto Israele e città della pace.
122 Fermi alle porte della città santa, i pellegrini le rivolgono il saluto:
shalôm ( « pace » ), giocando sull'etimologia popolare di Gerusalemme,
« città di pace » ( cf. Sal 76,3 ).
La pace augurata faceva parte delle speranze messianiche ( cf. Is 11,6+;
Os 2,20+ ).
L'amore per la santa Sion ( 2 Sam 5,9+ ) è una caratteristica della pietà ebraica
( cf. Sal 48; Sal 84; Sal 87; Sal 133; Sal 137 ).
122,3 Gerusalemme, solidamente restaurata ( cf. Ne 2,17s ), è simbolo dell'unità del popolo eletto ( versioni: « dove la comunità è una » ) e figura dell'unità della chiesa.
122,4 Allusione al pellegrinaggio collegato con le tre maggiori feste dell'anno ( Sal 120 ).
secondo la legge di Israele, per lodare: alla lettera « è una testimonianza per Israele, perché ringrazi »: la città santa è il segno visibile dei benefici divini, il pegno delle promesse messianiche.
122,5 A Gerusalemme, come capitale del regno, si amministrava la giustizia sotto la guida del re.
122,6 a coloro che ti amano: 'ohabajk del TM;
BJ traduce: « riposino le tue tende » con 1 ms, 'ohalajk.