Levitico

Capitolo 21

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Santità del sacerdozio

A. I sacerdoti

1 Il Signore disse a Mosè: « Parla ai sacerdoti, figli di Aronne, e riferisci loro: Un sacerdote non dovrà rendersi immondo per il contatto con un morto della sua parentela,
Ez 44,25-27
2 se non per un parente stretto, cioè per sua madre, suo padre, suo figlio, sua figlia, suo fratello
3 e sua sorella ancora vergine, che viva con lui e non sia ancora maritata; per questa può esporsi alla immondezza.
4 Signore tra i suoi parenti, non si dovrà contaminare, profanando se stesso.
5 I sacerdoti non si faranno tonsure sul capo, né si raderanno ai lati la barba né si faranno incisioni nella carne.
Lv 19,27-28
6 Saranno santi per il loro Dio e non profaneranno il nome del loro Dio, perché offrono al Signore sacrifici consumati dal fuoco, pane del loro Dio; perciò saranno santi.
Lv 1,9+
7 Non prenderanno in moglie una prostituta o già disonorata; né una donna ripudiata dal marito, perché sono santi per il loro Dio.
Ez 44,22
8 Tu considererai dunque il sacerdote come santo, perché egli offre il pane del tuo Dio: sarà per te santo, perché io, il Signore, che vi santifico, sono santo.
Lv 11,44s+
Lv 17,1+
9 Se la figlia di un sacerdote si disonora prostituendosi, disonora suo padre; sarà arsa con il fuoco.

B. Il sommo sacerdote

10 Il sacerdote, quello che è il sommo tra i suoi fratelli, sul capo del quale è stato sparso l'olio dell'unzione e ha ricevuto l'investitura, indossando le vesti sacre, non dovrà scarmigliarsi i capelli né stracciarsi le vesti.
Lv 8,7-12
11 Non si avvicinerà ad alcun cadavere; non si renderà immondo neppure per suo padre e per sua madre.
12 Non uscirà dal santuario e non profanerà il santuario del suo Dio, perché la consacrazione è su di lui mediante l'olio dell'unzione del suo Dio.
Io sono il Signore.
13 Sposerà una vergine.
14 Non potrà sposare né una vedova, né una divorziata, né una disonorata, né una prostituta; ma prenderà in moglie una vergine della sua gente.
15 Così non disonorerà la sua discendenza in mezzo al suo popolo; poiché io sono il Signore che lo santifico ».

C. Impedimenti al sacerdozio

16 Il Signore disse ancora a Mosè:
17 « Parla ad Aronne e digli: Nelle generazioni future nessun uomo della tua stirpe, che abbia qualche deformità, potrà accostarsi ad offrire il pane del suo Dio;
18 perché nessun uomo che abbia qualche deformità potrà accostarsi: né il cieco, né lo zoppo, né chi abbia il viso deforme per difetto o per eccesso,
19 né chi abbia una frattura al piede o alla mano,
20 né un gobbo, né un nano, né chi abbia una macchia nell'occhio o la scabbia o piaghe purulente o sia eunuco.
21 Nessun uomo della stirpe del sacerdote Aronne, con qualche deformità, si accosterà ad offrire i sacrifici consumati dal fuoco in onore del Signore.
Ha un difetto: non si accosti quindi per offrire il pane del suo Dio.
22 Potrà mangiare il pane del suo Dio, le cose sacrosante e le cose sante;
23 ma non potrà avvicinarsi al velo, né accostarsi all'altare, perché ha una deformità.
Non dovrà profanare i miei luoghi santi, perché io sono il Signore che li santifico ».
24 Così parlò ad Aronne, ai suoi figli e a tutti gli Israeliti.
Indice

21,1-22,33 Disposizioni relative ai sacerdoti e ai sacrifici
21,1 Parla ai sacerdoti, figli di Aronne: il sacerdote è tenuto, come il popolo, alla santità, ma con regole più strette, a motivo del suo contatto con il santuario.
Il contatto dei morti è un contatto impuro ( Nm 6,9; Nm 19,11-13; Nm 31,19,
cf. Ag 2,13 ).
La stessa regola è data per i sacerdoti in Ez 44,25-27; è più severa per il sommo sacerdote ( qui v 11 ).
21,3 Il matrimonio, che fa della donna la « carne » del marito ( Gen 2,23),
allenta il suo legame con i suoi parenti per via del sangue.
21,4 Senso discusso. Il testo è probabilmente corrotto.
- Signore tra i suoi parenti: traduzione che sembra letterale.
BJ preferisce: « per una donna maritata tra i suoi »;
all'inizio, invece di ba'al, « marito »,
si legge libe'ulat ba'al, « per una donna maritata ».
È la controparte del v precedente.
21,7 Una donna vedova non è esclusa come lo è da Ez 44,22, che fa eccezione solo per la vedova di un sacerdote, e come lo è qui per il sommo sacerdote ( v 14 ).
21,10 Il sacerdote, quello che è il sommo: letteralmente "il grande sacerdote".
21,15 Diventando « una sola carne » con una donna che non è della tribù scelta, il sommo sacerdote profanerebbe il santuario e farebbe scorrere un sangue profano nella sua discendenza.
21,17 Dio è il creatore del mondo fisico nella sua integrità.
L'infermità del sacerdote, chiamato ad avvicinarsi a Dio e a partecipare più strettamente alla sua santità, sarebbe una contraddizione.