Levitico

Capitolo 1

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

I. Rituale dei sacrifici

Gli olocausti

1 Il Signore chiamò Mosè e dalla tenda del convegno gli disse:
Es 25,22
2 « Parla agli Israeliti e riferisci loro: Quando uno di voi vorrà fare un'offerta al Signore, offrirete bestiame grosso o minuto.
3 Se l'offerta è un olocausto di grosso bestiame, egli offrirà un maschio senza difetto; l'offrirà all'ingresso della tenda del convegno, per ottenere il favore del Signore.
Lv 22,18-20
Es 12,5
4 Poserà la mano sulla testa della vittima, che sarà accettata in suo favore per fare il rito espiatorio per lui.
5 Poi immolerà il capo di grosso bestiame davanti al Signore e i sacerdoti, figli di Aronne, offriranno il sangue e lo spargeranno intorno all'altare, che è all'ingresso della tenda del convegno.
Lv 19,26
At 15,20
6 Scorticherà la vittima e la taglierà a pezzi.
7 I figli del sacerdote Aronne porranno il fuoco sull'altare e metteranno la legna sul fuoco,
8 poi sulla legna e sul fuoco che è sull'altare disporranno i pezzi, la testa e il grasso.
9 Laverà con acqua le interiora e le zampe; poi il sacerdote brucerà il tutto sull'altare come olocausto, sacrificio consumato dal fuoco, profumo soave per il Signore.
Es 29,18+
10 Se la sua offerta è un olocausto di bestiame minuto, pecora o capra, egli offrirà un maschio senza difetto.
11 Lo immolerà dal lato settentrionale dell'altare davanti al Signore e i sacerdoti, figli di Aronne, spargeranno il sangue attorno all'altare.
12 Lo taglierà a pezzi, con la testa e il grasso, e il sacerdote li disporrà sulla legna, collocata sul fuoco dell'altare.
13 Laverà con acqua le interiora e le zampe; poi il sacerdote offrirà il tutto e lo brucerà sull'altare: olocausto, sacrificio consumato dal fuoco, profumo soave per il Signore.
Es 29,18+
14 Se la sua offerta al Signore è un olocausto di uccelli, offrirà tortore o colombi.
Gen 15,10
15 Il sacerdote li offrirà all'altare, ne staccherà la testa, che farà bruciare sull'altare, e il sangue sarà spruzzato sulla parete dell'altare.
16 Poi toglierà il gozzo con le sue immondezze e lo getterà al lato orientale dell'altare, dov'è il luogo delle ceneri.
17 Dividerà l'uccello in due metà prendendolo per le ali, ma senza separarlo, e il sacerdote lo brucerà, sulla legna che è sul fuoco, come olocausto, sacrificio consumato dal fuoco, profumo soave per il Signore.
Lv 4,12
1 Re 13,5
Indice

Abbreviazioni
1,1-7,38 Sacrifici Il sacrificio è elemento comune alle esperienze religiose di molti popoli; per Israele si colloca nel rapporto di alleanza tra il Signore e il suo popolo, come riconoscimento della sua sovranità ( Es 13,2; 1 Cr 29,14 ).
I profeti di Israele criticarono spesso la pratica dei sacrifici, quando essi erano separati dall'osservanza della legge e della giustizia ( vedi Is 1,11-17; Ger 6,18-20; Ger 7,21-23; Os 6,6-10 ecc. ).
Gesù, richiamandosi al testo del profeta Osea, dichiara che la misericordia è da preferire ai sacrifici ( Mt 9,13; Mt 12,7 ).
Nella lettera agli Ebrei, il sacrificio vero e perfetto è l'offerta che Gesù fa di se stesso al Padre, sulla croce ( Eb 9,11-14; Eb 10,1-10 ).
c 1 L'insieme del rituale dei sacrifici ( Lv 1-7 ) è collegato col soggiorno di Israele nel deserto e posto sotto l'autorità di Mosè.
In realtà, accanto a regolamentazioni antiche, comporta un certo numero di disposizioni tardive e ha ricevuto la forma definitiva solo dopo il ritorno dall'esilio.
Nella forma attuale, Lv 1-7 rappresenta il codice sacrificale del secondo tempio.
Si sa d'altronde solo poco del rituale israelita dell'epoca nomadica, fornendo i testi antichi indicazioni solo sul sacrificio pasquale ( cf. note su Es 12,1.23.39 ).
- Nel rituale minuzioso dell'antica legge, la tradizione cristiana ha preferito vedere un insieme di preparazioni e di prefigurazioni del sacrificio unico e redentore del Cristo
( cf. già Eb 8s ) e dei sacramenti della chiesa.
1,1-17 Olocausto: è il sacrificio in cui la vittima veniva bruciata tutta sull'altare, tranne la parte del sacerdote ( vedi Lv 7,8 ).
L'imposizione delle mani da parte dell'offerente ( v 4 ) è una attestazione solenne che questa vittima, presentata poi dal sacerdote, è un sacrificio suo personale.
I racconti, come i testi rituali del pentateuco, fanno risalire questo tipo di sacrificio all'epoca del deserto ( Es 18,12; Nm 7,12 ) e anche ai patriarchi ( Gen 8,20;
Gen 22,9-10 ).
In realtà, le attestazioni storiche più antiche datano dall'epoca dei Giudici
( cf. Gdc 6,26; Gdc 11,31; Gdc 13,15-20 ).
Sembra che questa forma di sacrificio sia influenzata dal rituale cananeo
(cf. 1 Re 18, l'olocausto dei profeti di Baal è simile a quello d'Elia ) e che non sia anteriore all'installazione delle tribù.
In Lv 1 è dato un valore espiatorio all'olocausto; nell'epoca antica, è piuttosto un sacrificio di ringraziamento ( cf. 1 Sam 6,14; 1 Sam 10,8; 2 Sam 6,17 ) o un sacrificio per ottenere un favore da Jahve ( 1 Sam 7,9; 1 Sam 13,9; 1 Re 3,4).
1,4 il rito espiatorio: l'espiazione è il sacrificio per mezzo del quale l'uomo che ha offeso Dio trasgredendo l'alleanza può rientrare in grazia.
L'animale offerto in sacrificio ( kipper ) è stato interpretato come un riscatto ( kofer ) ( cf. Es 30,12 ).
Nei sacrifici espiatori, i riti del sangue svolgono una funzione primordiale ( Lv 17,11; cf. Lv 4,1+.12+ ).
Nota agli assiro-babilonesi e ai cananei, l'espiazione è stata inserita nelle basi stesse della legge israelita.
Nel NT essa apparirà non come un pagamento o una sostituzione, ma come il dono della vita di Dio per vivificare gli uomini ( Rm 3,25-26 ).
1,5 immolerà: chi? il sacerdote?
Il testo originale ha solo il verbo e alla terza persona singolare.
Ez 44,11 affida questa immolazione ai leviti.
La funzione del sacerdote comincia quando il sangue della vittima è messo in contatto con l'altare.
È la legge generale di ogni forma di sacrificio: solo il sacerdote sale all'altare
( cf. Es 18,7+ ).
- il sangue era considerato come la sede del principio vitale ( Gen 9,4;
cf. Dt 12,16.23; Sal 30,10 ); da ciò il suo valore espiatorio ( cf. Lv 17,11 ) e la sua funzione di primo piano nel rituale dei sacrifici e nelle alleanze ( Es 24,8 ).
È questo un tratto originale del culto israelita in rapporto al culto cananeo.
Secondo il costume antico, ogni macellazione è dunque un atto cultuale che deve compiersi su un altare ( 1 Sam 14,32-35 )
e, secondo Lv 17,3s, nel santuario( cf. Lv 17,4+ ).
1,7 I figli del sacerdote Aronne: con il TM; BJ preferisce: « i figli di Aronne, i sacerdoti », con le versioni e cf. v 8.
1,8 poi: il TM ha ancora: « i figli di Aronne, i sacerdoti ».
1,9 consumato: l'espressione designa non soltanto, come qui, l'olocausto, ma la parte di ogni sacrificio che si bruciava per Jahve.
L'offerta non è considerata come un cibo materiale che l'uomo potrebbe offrire a Dio e dividere con lui ( cf. Dt 18,1+ ), ma è equiparata al fumo dell'olocausto o dell'incenso, che sale in « soave odore », cf. Es 29,18+.