Numeri

Capitolo 19

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Le ceneri della giovenca rossa

1 Il Signore disse ancora a Mosè e ad Aronne:
Nm 31,23
Eb 9,13
2 « Questa è una disposizione della legge che il Signore ha prescritta: Ordina agli Israeliti che ti portino una giovenca rossa, senza macchia, senza difetti, e che non abbia mai portato il giogo.
Dt 21,3
3 La darete al sacerdote Eleazaro, che la condurrà fuori del campo e la farà immolare in sua presenza.
Lv 4,12+
Eb 13,11s
4 Il sacerdote Eleazaro prenderà con il dito il sangue della giovenca e ne farà sette volte l'aspersione davanti alla tenda del convegno;
Lv 4,5-6
5 poi si brucerà la giovenca sotto i suoi occhi; se ne brucerà la pelle, la carne e il sangue con gli escrementi.
6 Il sacerdote prenderà legno di cedro, issòpo, colore scarlatto e getterà tutto nel fuoco che consuma la giovenca.
Lv 14,4-6
Es 12,22+
7 Poi il sacerdote laverà le sue vesti e farà un bagno al suo corpo nell'acqua; quindi rientrerà nel campo e il sacerdote rimarrà in stato d'immondezza fino alla sera.
Lv 11,25,40
8 Colui che avrà bruciato la giovenca si laverà le vesti nell'acqua, farà un bagno al suo corpo nell'acqua e sarà immondo fino alla sera.
9 Un uomo mondo raccoglierà le ceneri della giovenca e le depositerà fuori del campo in luogo mondo, dove saranno conservate per la comunità degli Israeliti per l'acqua di purificazione: è un rito espiatorio.
Lv 4,11-12
Eb 9,13
10 Colui che avrà raccolto le ceneri della giovenca si laverà le vesti e sarà immondo fino a sera.
Questa sarà una legge perenne per gli Israeliti e per lo straniero che soggiornerà presso di loro.

Casi di impurità

11 Chi avrà toccato un cadavere umano sarà immondo per sette giorni.
Lv 21,1
Ag 2,13
12 Quando uno si sarà purificato con quell'acqua il terzo e il settimo giorno, sarà mondo; ma se non si purificherà il terzo e il settimo giorno, non sarà mondo.
13 Chiunque avrà toccato un cadavere, cioè il corpo di una persona umana morta, e non si sarà purificato, avrà profanato la Dimora del Signore e sarà sterminato da Israele.
Siccome l'acqua di purificazione non è stata spruzzata su di lui, egli è in stato di immondezza; ha ancora addosso l'immondezza.
14 Questa è la legge per quanto un uomo muore in una tenda: chiunque entrerà nella tenda e chiunque sarà nella tenda sarà immondo per sette giorni.
15 Ogni vaso scoperto, sul quale non sia un coperchio o una legatura, sarà immondo.
16 Chiunque per i campi avrà toccato un uomo ucciso di spada o morto di morte naturale o un osso d'uomo o un sepolcro sarà immondo per sette giorni.

Il rituale delle acque lustrali

17 Per colui che sarà divenuto immondo si prenderà la cenere della vittima bruciata per l'espiazione e vi si verserà sopra l'acqua viva, in un vaso;
18 poi un uomo mondo prenderà issòpo, lo intingerà nell'acqua e ne spruzzerà la tenda, tutti gli arredi e tutte le persone che vi stanno e colui che ha toccato l'osso e l'ucciso o chi è morto di morte naturale o il sepolcro.
Lv 14,4-5
19 L'uomo mondo spruzzerà l'immondo il terzo giorno e il settimo giorno e lo purificherà il settimo giorno; poi colui che è stato immondo si sciacquerà le vesti, si laverà con l'acqua e diventerà mondo alla sera.
Dt 21,1-9
20 Ma colui che, divenuto immondo, non si purificherà, sarà eliminato dalla comunità, perché ha contaminato il santuario del Signore e l'acqua della purificazione non è stata spruzzata su di lui; è immondo.
21 Sarà per loro una legge perenne. Colui che avrà spruzzato l'acqua di purificazione si laverà le vesti; chi avrà toccato l'acqua di purificazione sarà immondo fino alla sera.
22 Quanto l'immondo avrà toccato sarà immondo; chi lo avrà toccato sarà immondo fino alla sera ».
Indice

Abbreviazioni
19,1-22 La giovenca rossa e l'acqua lustrale
c 19
Il c 19 forma un'unità: l'acqua lustrale ( vv 17-22), preparata con le ceneri di una giovenca rossa immolata e bruciata fuori dell'accampamento ( vv 1-10 ), serve a cancellare l'impurità contratta per il contatto con un morto ( vv 11-16 ).
Questo rituale, cui fa allusione soltanto un altro testo ( Nm 31,23; poi Eb 9,13 ), legittima un'antica pratica, tinta di magia, paragonandola a un sacrificio di espiazione per il peccato ( v 17 e cf. vv 4-5 con Lv 16,27; v 8 con Lv 16,28 ).
Altri costumi analoghi furono ugualmente assunti dalla legge mosaica ( Lv 14,2-7;
Lv 16,5-10; Nm 5,17-28; Dt 21,1-9 ).
19,2 una giovenca rossa: il rosso dell'animale è da associare al suo significato magico-simbolico.
Il rosso è infatti il colore del sangue, elemento importante nei riti di purificazione e simbolo della vita.
19,11-16 Le regole di purità di Lv 11-16 non menzionavano il contatto con un morto.