La Chiesa

C 76

Madre dolorosa

Rif.


  Vi è in Maria, per così dire, una doppia maternità: una verginale, piena di gioia, che si realizza quando Cristo nasce da lei a Betlemme;
C 74
  l'altra dolorosa, alla maniera del Servo sofferente,
B 24
  che si realizza quando Cristo muore sulla croce.  
  Nella prima, essa genera Cristo; nella seconda, essa genera i fedeli.  
Gen 3,16
In questa maternità dolorosa, Maria realizza la profezia di Eva.  
  Siccome è archetipo della Chiesa, Maria realizza anche le profezie che riguardano le sofferenze della « figlia di Sion » dell'A. T., sofferenze che annunciano anche quelle della Chiesa attuale.
C 28

Testi

Rilievi

Rif.


Gen 3,15-16
Le sofferenze della maternità ci sono presentate come la punizione del peccato di Eva; ma queste sofferenze sono messe in un contesto che annuncia la vittoria finale.  

Mi 4,9-10
Ger 4,31
Applicata alla figlia di Sion, l'immagine dei dolori del parto acquista una doppia realtà: una realtà di sofferenza e una realtà di liberazione.  

Is 66,7-15
La figlia di Sion dà alla luce un figlio maschio e diventa nello stesso tempo madre di tutta una nazione.  
È il testo più vicino a Ap. 12: possiamo vedere in esso il combattimento di Jahvè contro i suoi nemici e sentiamo il canto di vittoria dei riscattati.  

Lc 2,1-7
La maternità di Maria
C 74
si effettua già nella povertà.  

Lc 2,34-35
Simeone profetizza la « com-passione » della Madonna: Gesù sarà un segno di contraddizione e di giudizio per il popolo, come per Maria.  

Gv 19,25-27
Facendoci vedere Maria ai piedi della croce, Gv. ci indica che Maria comunica intimamente con le sofferenze di suo Figlio.  
In quest'ora, Gesù dichiara ufficialmente la sua maternità spirituale rispetto a tutto il corpo mistico.  

Ap 12,2
I dolori del parto della donna vestita di sole e coronata di stelle indicano le sofferenze violente e misteriose che la Chiesa deve subire nel suo combattimento con l'antico serpente.
C 28

Indice