Gioele

Capitolo 3

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

II. L'era nuova e il giorno del Signore

1. L'effusione dello spirito

1 Dopo questo, io affonderò il mio spirito sopra ogni uomo e diventeranno profeti i vostri figli e le vostre figlie; i vostri anziani faranno sogni, i vostri giovani avranno visioni.
At 2,17-21
Nm 11,25-30
Is 32,15
2 Anche sopra gli schiavi e sulle schiave, in quei giorni, effonderò il mio spirito.
3 Farò prodigi nel cielo e sulla terra, sangue e fuoco e colonne di fumo.
4 Il sole si cambierà in tenebre e la luna in sangue, prima che venga il giorno del Signore, grande e terribile.
Ap 6,12
Gl 2,11
5 Chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato, poiché sul monte Sion e in Gerusalemme vi sarà la salvezza, come ha detto il Signore, anche per i superstiti che il Signore avrà chiamati.
Rm 10,13
Abd 17
Ap 14,1
Indice

Abbreviazioni
3,1-4,21 Il giorno del Signore e la restaurazione d'Israele
3,1-5 Effusione dello spirito di Dio
Questo brano di Gioele verrà ripreso da Pietro, nella predicazione del giorno di Pentecoste ( At 2,17-21 ).
L'oracolo dei vv 1-3, il cui adempimento è posto dai vv 4-5 nel giorno del Signore, annunzia per questo giorno l'effusione universale dello Spirito ( cf. Ez 36,27+ ).
Il discorso di Pietro ( At 2,16-21+ ) indica nel miracolo della pentecoste le primizie di questo dono dello Spirito.
3,2 Lo Spirito di Dio è effuso su tutti, senza distinzione di classe, secondo il desiderio di Mosè ( Nm 11,29 ).
È, insieme, spirito di profezia, caratterizzato qui da sogni e visioni ( cf. Nm 12,6 ), e causa d'un rinnovamento interiore ( cf. Ez 11,19-20; Ez 36,26-27 ).
3,3 prodigi: premonitori del giudizio finale, nel giorno del Signore ( cf. Gl 1,15; Gl 2,1-2.10; Am 8,9+ ).
3,3-4Farò prodigi nel cielo: i segni cosmici sono tipici del linguaggio apocalittico per descrivere l'intervento onnipotente di Dio ( Gl 2,10 ).
3,5 vi sarà la salvezza: il TM ha: « tra gli scampati »;
BJ congettura: « degli scampati »; e sposta « in Gerusalemme » nell'ultimo stico.