Salmi

Capitolo 137 ( 136 )

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Indice

Canto dell'esiliato

1 Sui fiumi di Babilonia,
là sedevamo piangendo
al ricordo di Sion.
Ez 3,15
Lam 3,48
2 Ai salici di quella terra
appendevamo le nostre cetre.
Is 24,8
Ger 25,10
3 Là ci chiedevano parole di canto
coloro che ci avevano deportato,
canzoni di gioia, i nostri oppressori:
« Cantateci i canti di Sion! ».
Lam 5,14
4 Come cantare i canti del Signore
in terra straniera?
5 Se ti dimentico Gerusalemme,
si paralizzi la mia destra;
Ger 51,50
6 mi si attacchi la lingua al palato,
se lascio cadere il tuo ricordo,
se non metto Gerusalemme
al di sopra di ogni mia gioia.
Sal 122,1+
7 Ricordati, Signore, dei figli di Edom,
che nel giorno di Gerusalemme,
dicevano: « Distruggete, distruggete
anche le sue fondamenta ».
Ez 25,12-14+
Ez 35
Abd 10-14
Lam 4,21-22
8 Figlia di Babilonia devastatrice,
beato chi ti renderà quanto ci hai fatto.
Is 47,10
Ap 18,6
Is 14,22
9 Beato chi afferrerà i tuoi piccoli
e li sbatterà contro la pietra.
Os 14,1
Indice

Abbreviazioni
137,1 L'antitesi Sion/Gerusalemme e Babilonia/Edom e la contrapposizione tra il verbo ricordare e il verbo dimenticare, costituiscono il filo conduttore di questo inno, che alcuni classificano tra i "canti di Sion" ( nota a Sal 46 ), mentre altri collocano tra le lamentazioni collettive.
Il salmista, da una parte, ha vivo il ricordo dell'esilio in Babilonia, dall'altra avverte il profondo legame che lo unisce a Gerusalemme/Sion, cuore della sua fede.
i fiumi di Babilonia: il Tigri e l'Eufrate con i loro canali.
137 Questo salmo evoca il ricordo della caduta di Gerusalemme nel 587 e l'esilio di Babilonia.
137,3 coloro che ci avevano deportato: BJ traduce: « i nostri rapitori », sholelênû, con il Targum; il TM ha tolalênû, incomprensibile.
137,5 si paralizzi o « si dissecchi », tikhash, conget.; il TM ( che deve aver cercato volontariamente di edulcorare questa maledizione ) ha tishkah, dimentichi ».
137,7 Gli Edomiti si unirono ai Babilonesi nel distruggere e saccheggiare Gerusalemme
( Lam 4,21-22; Abd 9-16 ).
nel giorno di Gerusalemme: il nono giorno del quarto mese ( giugno-luglio 587 ), quando i caldei sfondarono le mura di Gerusalemme ( Ger 39,2; Ger 52,7 ) o il decimo giorno del quinto mese, quando il tempio fu incendiato ( Ger 52,13,
cf. Zc 7,5; Zc 8,19 ).
Gli idumei ( Nm 20,23+ ) fecero allora causa comune con gli assedianti.
Numerosi oracoli profetici invocano su di essi la vendetta di Jahve ( Is 34,5s;
Ger 49,17; Gl 4,19; Ml 1,3s ).
137,8-9 Figlia di Babilonia: un appellativo per indicare il popolo babilonese, personificato.
La maledizione qui racchiusa si rifà alla legge del taglione ( Es 21,23-24 ).
Sfracellare i bambini contro la pietra era un modo barbaro e crudele di vendicarsi sui vinti ( 2 Re 8,12; Is 14,22; Os 14,1; Na 3,10 ).
Vedi anche nota a Sal 109.
È giusto chiamare beato chi fa la vendetta?