Deuteronomio

Capitolo 31

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

IV. Ultimi atti e morte di Mosè

La missione di Giosuè

1 Mosè andò e rivolse ancora queste parole a tutto Israele. Disse loro:
2 « Io oggi ho centovent'anni; non posso più andare e venire; inoltre il Signore mi ha detto: Tu non passerai questo Giordano.
3 Il Signore tuo Dio passerà davanti a te, distruggerà davanti a te quelle nazioni e tu prenderai il loro posto; quanto a Giosuè, egli passerà alla tua testa, come il Signore ha detto.
Dt 3,21-28
4 Il Signore tratterà quelle nazioni come ha trattato Sicon e Og, re degli Amorrei, e come ha trattato il loro paese, che egli ha distrutto.
Nm 21,24-25
5 Il Signore le metterà in vostro potere e voi le tratterete secondo tutti gli ordini che vi ho dati.
6 Siate forti, fatevi animo, non temete e non vi spaventate di loro, perché il Signore tuo Dio cammina con te; non ti lascerà e non ti abbandonerà ».
Dt 1,29-30
Gs 1,6-9
7 Poi Mosè chiamò Giosuè e gli disse alla presenza di tutto Israele: « Sii forte e fatti animo, perché tu entrerai con questo popolo nel paese, che il Signore ai loro padri giurò di darvi: tu gliene darai il possesso.
8 Il Signore stesso cammina davanti a te; egli sarà con te, non ti lascerà e non ti abbandonerà; non temere e non ti perdere d'animo! ».

Lettura rituale della Legge

9 Mosè scrisse questa legge e la diede ai sacerdoti figli di Levi, che portavano l'arca dell'alleanza del Signore e a tutti gli anziani d'Israele.
2 Re 23,1s
Gs 8,34-35
Ne 8
10 Mosè diede loro quest'ordine: « Alla fine di ogni sette anni al tempo dell'anno del condono, alla festa delle capanne,
11 quando tutto Israele verrà a presentarsi davanti al Signore tuo Dio, nel luogo che avrà scelto, leggerai questa legge davanti a tutto Israele, agli orecchi di tutti.
12 Radunerai il popolo, uomini, donne, bambini e il forestiero che sarà nelle tue città, perché ascoltino, imparino a temere il Signore vostro Dio e si preoccupino di mettere in pratica tutte le parole di questa legge.
13 I loro figli, che ancora non la conoscono, la udranno e impareranno a temere il Signore vostro Dio, finché vivrete nel paese di cui voi andate a prendere possesso passando il Giordano ».

Istruzioni del Signore

14 Il Signore disse a Mosè: « Ecco, il giorno della tua morte è vicino; chiama Giosuè e presentatevi nella tenda del convegno, perché io gli comunichi i miei ordini ».
Mosè e Giosuè dunque andarono a presentarsi nella tenda del convegno.
Es 25,22
15 Il Signore apparve nella tenda in una colonna di nube e la colonna di nube stette all'ingresso della tenda.
16 Il Signore disse a Mosè: « Ecco, tu stai per addormentarti con i tuoi padri; questo popolo si alzerà e si prostituirà con gli dèi stranieri del paese nel quale sta per entrare; mi abbandonerà e spezzerà l'alleanza che io ho stabilita con lui.
Dt 4,25-28
17 In quel giorno, la mia ira si accenderà contro di lui; io li abbandonerò, nasconderò loro il volto e saranno divorati.
Lo colpiranno malanni numerosi e angosciosi e in quel giorno dirà: Questi mali non mi hanno forse colpito per il fatto che il mio Dio non è più in mezzo a me?
18 Io, in quel giorno, nasconderò il volto a causa di tutto il male che avranno fatto rivolgendosi ad altri dèi.

Il cantico di testimonianza

19 Ora scrivete per voi questo cantico e insegnatelo agli Israeliti; mettetelo loro in bocca, perché questo cantico mi sia di testimonio contro gli Israeliti.
20 Quando lo avrò introdotto nel paese che ho promesso ai suoi padri con giuramento, paese dove scorre latte e miele, ed egli avrà mangiato, si sarà saziato e ingrassato e poi si sarà rivolto ad altri dèi per servirli e mi avrà disprezzato e avrà spezzato la mia alleanza,
Dt 32,15
21 e quando lo avranno colpito malanni numerosi e angosciosi, allora questo canto sarà testimonio davanti a lui; poiché non sarà dimenticato dalla sua discendenza.
Si, conosco i pensieri da lui concepiti già oggi, prima ancora che io lo abbia introdotto nel paese, che ho promesso con giuramento ».
22 Mosè scrisse quel giorno questo canto e lo insegnò agli Israeliti.
23 Poi il Signore comunicò i suoi ordini a Giosuè, figlio di Num, e gli disse: « Sii forte e fatti animo, poiché tu introdurrai gli Israeliti nel paese, che ho giurato di dar loro, e io sarò con te ».

La Legge posta presso l'Arca

24 Quando Mosè ebbe finito di scrivere su un libro tutte le parole di questa legge,
Dt 27,1+
25 ordinò ai leviti che portavano l'arca dell'alleanza del Signore:
26 « Prendete questo libro della legge e mettetelo a fianco dell'arca dell'alleanza del Signore vostro Dio; vi rimanga come testimonio contro di te;
27 perché io conosco la tua ribellione e la durezza della tua cervice.
Se fino ad oggi, mentre vivo ancora in mezzo a voi, siete stati ribelli contro il Signore, quanto più lo sarete dopo la mia morte!
Gv 12,47-48

Israele riunito per ascoltare il cantico

28 Radunate presso di me tutti gli anziani delle vostre tribù e i vostri scribi; io farò udire loro queste parole e prenderò a testimoni contro di loro il cielo e la terra.
Dt 4,26
29 So infatti che, dopo la mia morte, voi certo vi corromperete e vi allontanerete dalla via che vi ho detto di seguire; la sventura vi colpirà negli ultimi giorni, perché avrete fatto ciò che è male agli occhi del Signore, provocandolo a sdegno con l'opera delle vostre mani ».
30 Poi Mosè pronunziò innanzi a tutta l'assemblea d'Israele le parole di questo canto, fino al loro termine.
Indice

Abbreviazioni
31,1-34,12 Ultime disposizioni e morte di Mosé
31,1-8 L'investitura di Giosuè
cc 31-34 I cc 31-34 formano una specie di conclusione generale all'insieme del pentateuco; raggruppano elementi di origine e di età diverse, che sono stati annessi al corpo del Dt nel momento della sua ultima redazione.
c 31 Questo capitolo è composito.
I vv 1-8, di stile molto tipicamente deuteronomistico, rinviano a Dt 3,23-29.
I vv 9-13.24-27 ( doppione? ) appartengono alla prima edizione del Dt.
Vi è qui la legge ( il codice deuteronomico ) che servirà da testimone contro Israele
( v 26 ) nel caso che si ribelli a Jahve.
Questo paragrafo continua in Dt 32,45-47.
I vv 14-15.23, investitura di Giosuè da parte di Jahve ( cf. v 7 ), sono di origine diversa, forse elohista.
I vv 16-22, deuteronomici, ripresi da Dt 28-30, introducono il cantico del c 32 e ne fanno un testimone contro Israele ( vv 19.21 ).
Questa insistenza sui « testimoni » dell'alleanza ( la legge, il cantico e il cielo e la terra: v 28 ) richiama i testimoni invocati dagli antichi trattati d'alleanza.
31,2 non posso più andare e venire: cioè, agire come capo, cf. Nm 27,17+.
31,9-15 Lettura pubblica della legge
La lettura della legge nell'anno sabbatico, ossia ogni sette anni, durante la festa delle Capanne, è impegno che assicura la presenza di Dio in mezzo al popolo, come unica guida, e vincola in modo particolare coloro che esercitano autorità sulla comunità.
31,9-13 I trattati d'alleanza del l'antico Oriente prevedono la loro lettura pubblica.
Il Dt stabilisce questa lettura per ogni anno sabbatico, nella festa delle capanne.
La tradizione posteriore, però, supposta già in 2 Cr 15,10 ed esplicita nel libro dei Giubilei e nella setta di Qumran, riallaccia i ricordi dell'alleanza alla festa delle settimane.
31,14-15 Questi due vv con la menzione della tenda e della teofania, l'una e l'altra uniche nel Deuteronomio, sono, insieme con il v 23, i resti di un'antica tradizione.
31,16-30 Introduzione al cantico di Mosè
31,24-27 La legge, trasmessa per mezzo di Mosè ( Dt 4,14+ ), viene collocata accanto all'arca che conteneva il decalogo, promulgato da Dio stesso.