Numeri

Capitolo 27

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

L'eredità delle figlie

1 Le figlie di Zelofcad, figlio di Efer, figlio di Gàlaad, figlio di Machir, figlio di Manàsse, delle famiglie di Manàsse, figlio di Giuseppe, che si chiamavano Macla, Noa, Ogla, Milca e Tirza,
Nm 26,33
Gs 17,3-4
2 si accostarono e si presentarono davanti a Mosè, davanti al sacerdote Eleazaro, davanti ai capi e a tutta la comunità all'ingresso della tenda del convegno, e dissero:
3 « Nostro padre è morto nel deserto.
Egli non era nella compagnia di coloro che si adunarono contro il Signore, non era della gente di Core, ma è morto a causa del suo peccato, senza figli maschi.
4 Perché dovrebbe il nome del padre nostro scomparire dalla sua famiglia, per il fatto che non ha avuto figli maschi?
Dacci un possedimento in mezzo ai fratelli di nostro padre ».
5 Mosè portò la loro causa davanti al Signore.
6 Il Signore disse a Mosè:
7 « Le figlie di Zelofcad dicono bene, Darai loro in eredità un possedimento tra i fratelli del loro padre e farai passare ad esse l'eredità del loro padre.
8 Parlerai inoltre agli Israeliti e dirai: Quando uno sarà morto senza lasciare un figlio maschio, farete passare la sua eredità alla figlia.
9 Se non ha neppure una figlia, darete la sua eredità ai suoi fratelli.
10 Se non ha fratelli, darete la sua eredità ai fratelli del padre.
11 Se non ci sono fratelli del padre, darete la sua eredità al parente più stretto nella sua famiglia e quegli la possiederà.
Questa sarà per i figli di Israele una norma di diritto, come il Signore ha ordinato a Mosè ».

Giosuè capo della comunità

12 Il Signore disse a Mosè: « Sali su questo monte degli Abarim e contempla il paese che io dò agli Israeliti.
Dt 31,1-8.23
Dt 34,9
13 Quando l'avrai visto, anche tu sarai riunito ai tuoi antenati, come fu riunito Aronne tuo fratello,
14 perché trasgrediste l'ordine che vi avevo dato nel deserto di Sin, quando la comunità si ribellò e voi non dimostraste la mia santità agli occhi loro, a proposito di quelle acque ». sono le acque di Mèriba di Kades, nel deserto di Sin.
Nm 20,12+
15 Mosè disse al Signore:
16 « Il Signore, il Dio della vita in ogni essere vivente, metta a capo di questa comunità un uomo
Nm 16,22
17 che li preceda nell'uscire e nel tornare, li faccia uscire e li faccia tornare, perché la comunità del Signore non sia un gregge senza pastore ».
18 Il Signore disse a Mosè: « Prenditi Giosuè, figlio di Num, uomo in cui è lo spirito; porrai la mano su di lui,
1 Re 22,17
Ez 34,5
Mt 9,36
Gs 1,1+
19 lo farai comparire davanti al sacerdote Eleazaro e davanti a tutta la comunità, gli darai i tuoi ordini in loro presenza
20 e lo farai partecipe della tua autorità, perché tutta la comunità degli Israeliti gli obbedisca.
2 Re 2,9.15
Gs 1,16-17
21 Egli si presenterà davanti al sacerdote Eleazaro, che consulterà per lui il giudizio degli Urim davanti al Signore; egli e tutti gli Israeliti con lui e tutta la comunità usciranno all'ordine di Eleazaro ed entreranno all'ordine suo ».
1 Sam 14,41+
Dt 33,8
22 Mosè fece come il Signore gli aveva ordinato; prese Giosuè e lo fece comparire davanti al sacerdote Eleazaro e davanti a tutta la comunità;
23 pose su di lui le mani e gli diede i suoi ordini come il Signore aveva comandato per mezzo di Mosè.
Dt 34,9
Indice

Abbreviazioni
27,1-11 Eredità delle donne
27,3 Il castigo del peccato di incredulità ( c 14 ) non ha abolito i diritti della generazione seguente; quello del peccato di Core ( cc 16-17 ) raggiunge la discendenza dei ribelli.
27,12-23 Annuncio della morte di Mosè
27,17 Queste espressioni designano tutta l'attività del capo ( Dt 28,6; 1 Sam 29,6;
2 Re 19,27) che si regolerà in base alla risposta dell'oracolo divino, trasmesso dal sacerdote ( v 21; cf. 1 Sam 14,18.37; 1 Sam 23,2s ).
27,18-19 La scelta di Giosuè viene confermata dal sacerdote Eleàzaro, l'autorità religiosa che sarà punto di riferimento per le scelte e le decisioni.
Emerge la chiara diversità con la mediazione e il ruolo di Mosè.
27,21 Gli urìm insieme ai tummìm ( Es 28,15-30 ) costituiscono uno strumento oracolare per ottenere responsi da Dio.