Giobbe

Capitolo 28

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

4. Elogio della sapienza

La sapienza inaccessibile all'uomo

1 Certo, per l'argento vi sono miniere e per l'oro luoghi dove esso si raffina.
2 Il ferro si cava dal suolo e la pietra fusa libera il rame.
3 L'uomo pone un termine alle tenebre e fruga fino all'estremo limite le rocce nel buio più fondo.
4 Forano pozzi lungi dall'abitato coloro che perdono l'uso dei piedi: pendono sospesi lontano dalla gente e vacillano.
5 Una terra, da cui si trae pane, di sotto è sconvolta come dal fuoco.
6 Le sue pietre contengono zaffiri e oro la sua polvere.
7 L'uccello rapace ne ignora il sentiero, non lo scorge neppure l'occhio dell'aquila,
8 non battuto da bestie feroci, né mai attraversato dal leopardo.
9 Contro la selce l'uomo porta la mano, sconvolge le montagne:
10 nelle rocce scava gallerie e su quanto è prezioso posa l'occhio:
11 scandaglia il fondo dei fiumi e quel che vi è nascosto porta alla luce.
12 Ma la sapienza da dove si trae? E il luogo dell'intelligenza dov'é?
Qo 7,24
Bar 3,15
Sir 1,6
13 L'uomo non ne conosce la via, essa non si trova sulla terra dei viventi.
Bar 3,29-31
14 L'abisso dice: « Non è in me! » e il mare dice: « Neppure presso di me! ».
15 Non si scambia con l'oro più scelto, né per comprarla si pesa l'argento.
16 Non si acquista con l'oro di Ofir, con il prezioso berillo o con lo zaffiro.
17 Non la pareggia l'oro e il cristallo, né si permuta con vasi di oro puro.
Sap 7,9
18 Coralli e perle non meritano menzione, vale più scoprire la sapienza che le gemme.
19 Non la eguaglia il topazio d'Etiopia; con l'oro puro non si può scambiare a peso.
20 Ma da dove viene la sapienza? E il luogo dell'intelligenza dov'é?
21 È nascosta agli occhi di ogni vivente ed è ignota agli uccelli del cielo.
22 L'abisso e la morte dicono: « Con gli orecchi ne udimmo la fama »
Gb 26,6+
23 Dio solo ne conosce la via, lui solo sa dove si trovi,
Bar 3,37
Pr 2,6
Pr 8,27-30
24 perché volge lo sguardo fino alle estremità della terra, vede quanto è sotto la volta del cielo.
25 Quando diede al vento un peso e ordinò le acque entro una misura,
Is 40,12-14
26 quando impose una legge alla pioggia e una via al lampo dei tuoni;
Is 55,10
27 allora la vide e la misurò, la comprese e la scrutò appieno
Sir 1,8-9.19
28 e disse all'uomo: « Ecco, temere Dio, questo è sapienza e schivare il male, questo è intelligenza ».
Pr 1,7+
Pr 8,13
Indice

Abbreviazioni
28,1-28 Intermezzo
Il timore del Signore, questo è sapienza
A questo punto si interrompe il monologo di Giobbe e l'autore stesso dell'opera interviene, presentando in un inno la sua riflessione sulla sapienza.
c 28 La collocazione e il significato originari di questo « intermezzo » nel dialogo degli amici di Giobbe rimangono oscuri ( cf. introduzione ).
Presenta analogie con Pr 8,22s, dove la sapienza, raffigurata come la « ispiratrice » delle opere di Dio nei primordi, diventa la « ispiratrice » dell'uomo.
Qui invece la sapienza viene celebrata come « inaccessibile » all'uomo.
Bar 3,9-4,4 riprenderà lo stesso tema, ma parlando di una sapienza rivelata in favore di Israele nella legge.
Si tratta dunque di una sapienza rigorosamente trascendente.
In definitiva, essa incarna il mistero delle vie di Dio e si confonde con l'attributo divino della sapienza; ma questo attributo viene personificato in modo strano.
La rappresentazione di una sapienza misteriosa, che ha un proprio domicilio e alla fine è scoperta da Dio, può essere l'eco di antiche credenze.
Ne resta soltanto un'immagine: la sapienza, che ispirò il piano di Dio, spiega tutte le sue opere e incarna la sua Provvidenza.
Essa però sfugge ai conati dell'uomo; nonostante tutti i suoi sforzi e le sue scoperte, egli s'imbatte incessantemente nel mistero di una sapienza che lo supera.
28,4ab Congettura; il TM ( nehal me`im-gar ) non ha senso.
BJ congettura: « stranieri ( perforano ) i pozzi », nehalim `am ger.
- I lavori delle miniere sono lasciati agli schiavi stranieri e ai prigionieri di guerra.
Per la maggioranza dei casi erano effettuati in luoghi deserti, specialmente nel deserto del Sinai.
28,5 come dal fuoco: con il TM; BJ con volg. traduce: « dal fuoco ».
28,8 bestie feroci: alla lettera « figli dell'orgoglio » ( cf. Gb 41,26 ).
28,10 gallerie o « canali » ( BJ ); alla lettera « Nili ».
28,11 scandaglia: hippes, conget.; il TM ha: « lega », hibbesh.
- il fondo dei fiumi o « le loro sorgenti » ( BJ ), mabbekê, conget.;
il TM ha: « di piangere », mibbekî.
28,12 da dove si trae?: con un ms ebraico ( cf. v 20 ); il TM ha: « da dove si trova? ».
28,13 la via: con i LXX; il TM ha: « prezzo ».
28,16-19 Nei libri sapienziali è frequente il paragone tra il valore della sapienza e il valore delle pietre preziose ( vedi ad es. Sap 7,9 ).
28,27 la comprese: heînah, con 5 mss; il TM porta: « la stabilì », « la fondò », hekînah.
Se si adotta il TM, al secondo verbo si deve dare il senso di « ne fece la prova ».