Giobbe

Introduzione

I. Prologo

1,1-2,13 Satana mette Giobbe alla prova

II. Dialogo

1. Primo ciclo di discorsi

3,1-26 Giobbe maledice il giorno della sua nascita
4,1-5,27 Fiducia in Dio
6,1-7,21 L'uomo oppresso conosce solo la sua miseria
8,1-22 Il corso inarrestabile della giustizia divina
9,1-10,22 La giustizia è al di sopra del diritto
11,1-20 La sapienza di Dio provoca il riconoscimento di Giobbe
12,1-14,22 La sapienza di Dio si manifesta anche con le devastazioni provocate dalla sua potenza

2. Secondo ciclo di discorsi

15,1-35 Giobbe si condanna con le sue stesse parole
16,1-17,16 Dall'ingiustizia degli uomini alla giustizia di Dio
18,1-21 La collera non può nulla contro la giustizia
19,1-29 Il trionfo della fede nell'abbandono di Dio e degli uomini
20,1-29 L'ordine della giustizia non ammette eccezioni
21,1-34 La smentita dei fatti

3. Terzo ciclo di discorsi

22,1-30 Dio castiga solo in nome della giustizia
23,1-24,25 Dio è lontano e il male trionfa
25,1-6 Inno all'onnipotenza di Dio
26,1-14 Bildad parla all'aria
27,1-12 Giobbe, innocente, conosce la potenza di Dio
27,13-23 Discorso di Zofar: Il maledetto

4. Elogio della sapienza

28,1-28 La sapienza inaccessibile all'uomo

5. Conclusione del dialogo

Lamenti e apologia di Giobbe

29,1-25 A. I giorni passati
30,1-31 B. Angoscia presente
31,1-37 Apologia di Giobbe

III. I discorsi di Eliu

32,1-5 Intervento di Eliu
32,6-22 Esordio
33,1-33 La presunzione di Giobbe
34,1-37 Scacco dei tre saggi nel discolpare Dio
35,1-16 Dio non è indifferente ai casi umani
36,1-21 Il vero senso delle sofferenze di Giobbe
36,22-37,24 Inno alla sapienza onnipotente

IV. I discorsi di Iahve

Primo discorso

38,1-40,5 La sapienza creatrice confonde Giobbe

Secondo discorso

40,6-14 Dio controlla le forze del male
40,15-24 Le bestie
40,25-41,26 Leviatan
42,1-6 Ultima risposta di Giobbe

V. Epilogo

42,7-9 Iahve biasima i tre saggi
42,10-17 Dio reintegra la fortuna di Giobbe