Qoelet

Capitolo 6

CEI 2008 - Audio Interconfessionale
1 Un altro male ho visto sotto il sole, che pesa molto sopra gli uomini.
2 A uno Dio ha concesso beni, ricchezze, onori e non gli manca niente di quanto desidera; ma Dio non gli concede di poterne godere, perché è un estraneo che ne gode.
Ciò è vanità e malanno grave!
Qo 2,18-19
Lc 12,20
3 Se uno avesse cento figli e vivesse molti anni e molti fossero i suoi giorni, se egli non gode dei suoi beni e non ha neppure una tomba, allora io dico: meglio di lui l'aborto,
4 perché questi viene invano e se ne va nella tenebra e il suo nome è coperto dalla tenebra.
Gb 3,11
5 Non vide neppure il sole: non conobbe niente; eppure il suo riposo è maggiore di quello dell'altro.
6 Se quello vivesse anche due volte mille anni, senza godere dei suoi beni, forse non dovranno andare tutti e due nel medesimo luogo?
7 Tutta la fatica dell'uomo è per la bocca e la sua brama non è mai sazia.
8 Quale vantaggio ha il saggio sullo stolto? Quale il vantaggio del povero che sa comportarsi bene di fronte ai viventi?
Pr 13,7
9 Meglio vedere con gli occhi, che vagare con il desiderio.
Anche questo è vanità e un inseguire il vento.
10 Ciò che è, già da tempo ha avuto un nome; e si sa che cos'è un uomo: egli non può comprendere con chi è più forte di lui.
Qo 1,9-11
11 Le molte parole aumentano la delusione e quale vantaggio v'è per l'uomo?
12 Chi sa quel che all'uomo convenga durante la vita, nei brevi giorni della sua vana esistenza che egli trascorre come un'ombra?
Chi può indicare all'uomo cosa avverrà dopo di lui sotto il sole?
Sal 39,7
Sal 90,10
Sal 102,12
Sal 109,23
Gb 8,9
Gb 14,2
Indice

Abbreviazioni
6,1-12 L'uomo è sempre insoddisfatto
6,8 Senso incerto, ma forse si potrebbe vedere qui un paragone piuttosto abusato tra il vero sapiente e colui che sa solo fingere di esserlo.
6,9 con il desiderio: in ebraico nefesh, che spesso significa « anima », ma il cui senso primitivo è « gola », da cui « appetito », « desiderio » ( cf. il v 7 ).