Redemptoris Mater

Introduzione

1 La Madre del Redentore ha un preciso posto nel piano della salvezza, perché, « quando giunse la pienezza del tempo, Dio mandò suo Figlio nato da donna, nato sotto la legge, per riscattare coloro che erano sotto la legge, perché ricevessimo l'adozione a figli.

E che voi siete figli ne è prova il fatto che Dio ha mandato nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio, che grida: Abbà, Padre » ( Gal 4,4 ).

Con queste parole dell'apostolo Paolo, che il Concilio Vaticano II riprende all'inizio della trattazione sulla Beata Vergine Maria,1 desidero anch'io avviare la mia riflessione sul significato che ha Maria nel mistero di Cristo e sulla sua presenza attiva ed esemplare nella vita della Chiesa.

Sono parole, infatti, che celebrano congiuntamente l'amore del Padre, la missione del Figlio, il dono dello Spirito, la donna da cui nacque il Redentore, la nostra filiazione divina, nel mistero della « pienezza del tempo ».2

Questa pienezza definisce il momento fissato da tutta l'eternità, in cui il Padre mandò suo Figlio, « perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna » ( Gv 3,16 ).

Essa denota il momento beato, in cui « il Verbo, che era presso Dio, …si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi » ( Gv 1,1 ), facendosi nostro fratello.

Essa segna il momento, in cui lo Spirito Santo, che già aveva infuso la pienezza di grazia in Maria di Nazareth, plasmò nel suo grembo verginale la natura umana di Cristo.

Essa indica il momento in cui, per l'ingresso dell'eterno nel tempo, il tempo stesso viene redento e, riempiendosi del mistero di Cristo, diviene definitivamente « tempo di salvezza ».

Essa, infine, designa l'inizio arcano del cammino della Chiesa.

Nella liturgia, infatti, la Chiesa saluta Maria quale suo esordio,3 perché nell'evento della concezione immacolata vede proiettarsi, anticipata nel suo membro più nobile, la grazia salvatrice della Pasqua, e soprattutto perché nell'evento dell'incarnazione incontra indissolubilmente congiunti Cristo e Maria: colui che è suo Signore e suo capo e colei che, pronunciando il primo fiat della Nuova Alleanza, prefigura la sua condizione di sposa e di madre.

2 Confortata dalla presenza di Cristo ( Mt 28,20 ), la Chiesa cammina nel tempo verso la consumazione dei secoli e muove incontro al Signore che viene; ma in questo cammino - desidero rivelarlo subito - procede ricalcando l'itinerario compiuto dalla Vergine Maria, la quale « avanzò nella peregrinazione della fede e serbò fedelmente la sua unione col Figlio fino alla Croce ».4

Riprendo queste parole tanto dense ed evocatrici della Costituzione Lumen Gentium, la quale nella parte conclusiva traccia una sintesi efficace della dottrina della Chiesa sul tema della Madre di Cristo, da essa venerata come sua madre amantissima e come sua figura nella fede, nella speranza e nella carità.

Poco dopo il Concilio, il mio grande predecessore Paolo VI volle ancora parlare della Vergine Santissima, esponendo nell'Epistola Enciclica Christi Matri e poi nelle Esortazioni Apostoliche Signum magnum e Marialis cultus5 i fondamenti e i criteri di quella singolare venerazione che la Madre di Cristo riceve nella Chiesa, nonché le varie forme di devozione mariana - liturgiche, popolari, private - rispondenti allo spirito della fede.

3 La circostanza che ora mi spinge a riprendere questo argomento è la prospettiva dell'anno Duemila ormai vicino, nel quale il Giubileo bimillenario della nascita di Gesù Cristo orienta al tempo stesso il nostro sguardo verso la sua madre.

In anni recenti si sono levate varie voci per prospettare l'opportunità di far precedere tale ricorrenza da un analogo Giubileo, dedicato alla celebrazione della nascita di Maria.

In realtà, se non è possibile stabilire un preciso punto cronologico per fissare la data della nascita di Maria, è costante da parte della Chiesa la consapevolezza che Maria è apparsa prima di Cristo sull'orizzonte della storia della salvezza.6

È un fatto che, mentre si avvicinava definitivamente la « pienezza del tempo », cioè l'avvento salvifico dell'Emanuele, colei che dall'eternità era destinata ad esser sua madre esisteva già sulla terra.

Questo suo « precedere » la venuta di Cristo trova ogni anno un riflesso nella liturgia dell'Avvento.

Se dunque gli anni che ci avvicinano alla conclusione del secondo Millennio dopo Cristo e all'inizio del terzo, vengono rapportati a quell'antica attesa storica del Salvatore, diventa pienamente comprensibile che in questo periodo desideriamo rivolgerci in modo speciale a colei, che nella « notte » dell'attesa dell'Avvento cominciò a splendere come una vera « stella del mattino ».

Infatti, come questa stella insieme con l'« aurora » precede il sorgere del sole, cosi Maria fin dalla sua concezione immacolata ha preceduto la venuta del Salvatore, il sorgere del « sole di giustizia » nella storia del genere umano.7

La sua presenza in mezzo a Israele - così discreta da passare quasi inosservata agli occhi dei contemporanei - splendeva ben palese davanti all'Eterno, il quale aveva associato questa nascosta « figlia di Sion » ( Sof 3,14; Zc 2,14 ) al piano salvifico comprendente tutta la storia dell'umanità.

A ragione dunque, al termine di questo Millennio, noi cristiani, che sappiamo come il piano provvidenziale della Santissima Trinità sia la realtà centrale della rivelazione e della fede, sentiamo il bisogno di mettere in rilievo la singolare presenza della Madre di Cristo nella storia, specialmente durante questi anni anteriori al Duemila.

4 A tanto ci prepara il Concilio Vaticano II, presentando nel suo magistero la Madre di Dio nel mistero di Cristo e della Chiesa.

Se infatti è vero che « solamente nel mistero del Verbo incarnato trova vera luce il mistero dell'uomo » - come proclama lo stesso Concilio -,8 bisogna applicare tale principio in modo particolarissimo a quella eccezionale « figlia della stirpe umana », a quella « donna » straordinaria che divenne Madre di Cristo.

Solo nel mistero di Cristo si chiarisce pienamente il suo mistero.

Così, del resto, sin dall'inizio ha cercato di leggerlo la Chiesa: il mistero dell'incarnazione le ha permesso di penetrare e di chiarire sempre meglio il mistero della Madre del Verbo incarnato.

In questo approfondimento ebbe un'importanza decisiva il Concilio di Efeso ( a. 431 ), durante il quale, con grande gioia dei cristiani, la verità sulla divina maternità di Maria fu confermata solennemente come verità di fede della Chiesa.

Maria è la Madre di Dio ( = Theotókos ), poiché per opera dello Spirito Santo ha concepito nel suo grembo verginale e ha dato al mondo Gesù Cristo, il Figlio di Dio consostanziale al Padre.9

« Il Figlio di Dio …, nascendo da Maria Vergine, si è fatto veramente uno di noi »,10 si è fatto uomo.

Così dunque, mediante il mistero di Cristo, sull'orizzonte della fede della Chiesa risplende pienamente il mistero della sua Madre.

A sua volta, il dogma della maternità divina di Maria fu per il Concilio Efesino ed è per la Chiesa come un suggello del dogma dell'incarnazione, nella quale il Verbo assume realmente nell'unità della sua persona la natura umana senza annullarla.

5 Presentando Maria nel mistero di Cristo, il Concilio Vaticano II trova anche la via per approfondire la conoscenza del mistero della Chiesa.

Come Madre di Cristo, infatti, Maria è unita in modo speciale alla Chiesa, « che il Signore ha costituito come suo corpo ».11

Il testo conciliare avvicina significativamente questa verità sulla Chiesa come corpo di Cristo ( secondo l'insegnamento delle Lettere paoline ) alla verità che il Figlio di Dio « per opera dello Spirito Santo nacque da Maria Vergine ».

La realtà dell'incarnazione trova quasi un prolungamento nel mistero della Chiesa-corpo di Cristo.

E non si può pensare alla stessa realtà dell'incarnazione senza riferirsi a Maria - Madre del Verbo incarnato.

Nelle presenti riflessioni, tuttavia, mi riferisco soprattutto a quella « peregrinazione della fede », nella quale « la Beata Vergine avanzò », serbando fedelmente la sua unione con Cristo.12

In questo modo quel duplice legame, che unisce la Madre di Dio al Cristo e alla Chiesa, acquista un significato storico.

Né si tratta soltanto della storia della Vergine Madre, del suo personale itinerario di fede e della « parte migliore », che ella ha nel mistero della salvezza, ma anche della storia di tutto il popolo di Dio, di tutti coloro che prendono parte alla stessa peregrinazione della fede.

Questo esprime il Concilio constatando in un altro passo che Maria « ha preceduto », diventando « figura della Chiesa … nell'ordine della fede, della carità e della perfetta unione con Cristo ».13

Questo suo « precedere » come figura, o modello, si riferisce allo stesso mistero intimo della Chiesa, la quale adempie la propria missione salvifica unendo in sé - come Maria - le qualità di madre e di vergine.

È vergine che « custodisce integra e pura la fede data allo Sposo » e che « diventa essa pure madre, poiché …genera ad una vita nuova e immortale i figli, concepiti per opera dello Spirito Santo e nati da Dio ».14

6 Tutto ciò si compie in un grande processo storico e, per così dire, « in un cammino ».

La peregrinazione della fede indica la storia interiore, come a dire la storia delle anime.

Ma questa è anche la storia degli uomini, soggetti su questa terra alla transitorietà, compresi nella dimensione storica.

Nelle seguenti riflessioni desideriamo concentrarci prima di tutto sulla fase presente, che di per sé non è ancora storia, e tuttavia incessantemente la plasma, anche nel senso di storia della salvezza.

Qui si schiude un ampio spazio, all'interno del quale la beata Vergine Maria continua a « precedere » il popolo di Dio.

La sua eccezionale peregrinazione della fede rappresenta un costante punto di riferimento per la Chiesa, per i singoli e le comunità, per i popoli e le nazioni, in un certo senso per l'umanità intera.

È davvero difficile abbracciare e misurare il suo raggio.

Il Concilio sottolinea che la Madre di Dio è ormai il compimento escatologico della Chiesa: « La Chiesa ha già raggiunto nella beatissima Vergine la perfezione, con la quale è senza macchia e senza ruga ( Ef 5,27 ) » - contemporaneamente che « i fedeli si sforzano ancora di crescere nella santità, debellando il peccato; e per questo innalzano i loro occhi a Maria, la quale rifulge come modello di virtù davanti a tutta la comunità degli eletti ».15

La peregrinazione della fede non appartiene più alla Genitrice del Figlio di Dio: glorificata accanto al Figlio nei cieli, Maria ha ormai superato la soglia tra la fede e la visione « a faccia a faccia » ( 1 Cor 13,12 ).

Al tempo stesso, però, in questo compimento escatologico, Maria non cessa di essere la « stella del mare » ( Maris Stella )16 per tutti coloro che ancora percorrono il cammino della fede.

Se essi alzano gli occhi verso di lei nei diversi luoghi dell'esistenza terrena, lo fanno perché ella « diede … alla luce il Figlio, che Dio ha posto quale primogenito tra molti fratelli ( Rm 8,29 ) »,17 ed anche perché « alla rigenerazione e formazione » di questi fratelli e sorelle « coopera con amore di madre ».18

  Indice

1 Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium 52-69
2 L'espressione « pienezza del tempo » è parallela a locuzioni affini del giudaismo sia biblico ( Gen 29,21; 1 Sam 7,12; Tb 14,5 ) che extrabiblico, e soprattutto nel N. T. ( Mc 1,15; Lc 21,24; Gv 7,8; Ef 1,10 ). Dal punto di vista formale, essa indica non solo la conclusione di un processo cronologico, ma soprattutto la maturazione o il compimento di un periodo particolarmente importante, perché orientato verso l'attuazione di un'attesa, la quale acquista pertanto una dimensione escatologica. Stando a Gal 4,4 e al suo contesto, è l'avvento del Figlio di Dio a rivelare che il tempo ha, per così dire, colmato la misura; cioè il periodo segnato dalla promessa fatta ad Abramo, nonché dalla legge mediata da Mosè, ha ormai raggiunto il suo culmine, nel senso che Cristo adempie la promessa divina e supera l'antica legge
3 Messale Romano, prefazio dell'8 dicembre, nell'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria;
S. Ambrogio, De Istitutione Virginis, XV, 93-94: PL 16, 342;
Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium 68
4 Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium 58
5 Paolo VI, Christi Matri;
Paolo VI, Signum magnum;
Paolo VI, Marialis cultus
6 L'A. T. ha annunciato in tanti modi il mistero di Maria: cf. S. Giovanni Mamasceno, Hom in Dormitionem I, 8-9: S. Ch. 80, 103-17
7 Insegnamenti, VI/2 81983), 225 s.;
Pio IX Lett. Ap. Ineffabilis Deus
8 Conc. Ecum. Vat. II, Gaudium et spes 22
9 Conc. Ecum. Efes.: Conciliorum Oecumanicorum, Bologna 1973, 41-44; 59-61 ( DS 250-264 );
Conc. Ecum. Calcedon.: o.c. 84-87 ( DS 300-303 )
10 Conc. Ecum. Vat. II, Gaudium et spes 22
11 Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium 52
12 Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium 58
13 Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium 63;
S. Ambrogio, Expos. Evang. sec. Lucam, II,7: CSEL 32/4, 45;
De Institutione Virginis, XIV, 88-89: PL 16,341
14 Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium 64
15 Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium 65
16 « Togli via questo astro del sole che illumina il mondo: dove va il giorno? Togli via Maria, questa stella del mare, sì del mare grande ed immenso: che cosa rimane se non una vasta caligine e l'ombra di morte e fittissime tenebre? »: S. Bernardo, In nativitate B. Mariae Sermo - De acquaeductu, 6: S. Bernardi Opera, V, 1968, 279;
In laudibus Virginis Matris Homilia II, 17: ed. cit. IV, 1966, 34 s
17 Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium 63
18 Conc. Ecum. Vat. II, Lumen gentium 63