Lumen gentium

Il mistero della Chiesa

7 La Chiesa, corpo mistico di Cristo

Il Figlio di Dio, unendo a sé la natura umana e vincendo la morte con la sua morte e resurrezione, ha redento l'uomo e l'ha trasformato in una nuova creatura ( Gal 6,15; 2 Cor 5,17 ).

Comunicando infatti il suo Spirito, costituisce misticamente come suo corpo i suoi fratelli, che raccoglie da tutte le genti.

In quel corpo la vita di Cristo si diffonde nei credenti che, attraverso i sacramenti si uniscono in modo arcano e reale a lui sofferente e glorioso. 6

Per mezzo del battesimo siamo resi conformi a Cristo: « Infatti noi tutti « fummo battezzati in un solo Spirito per costituire un solo corpo » ( 1 Cor 12,13 ).

Con questo sacro rito viene rappresentata e prodotta la nostra unione alla morte e resurrezione di Cristo: « Fummo dunque sepolti con lui per l'immersione a figura della morte »; ma se, fummo innestati a lui in una morte simile alla sua, lo saremo anche in una resurrezione simile alla sua » ( Rm 6,4-5 ).

Partecipando realmente del corpo del Signore nella frazione del pane eucaristico, siamo elevati alla comunione con lui e tra di noi: « Perché c'è un solo pane, noi tutti non formiamo che un solo corpo, partecipando noi tutti di uno stesso pane » ( 1 Cor 10,17 ).

Così noi tutti diventiamo membri di quel corpo ( 1 Cor 12,27 ), « e siamo membri gli uni degli altri » ( Rm 12,5 ).

Ma come tutte le membra del corpo umano, anche se numerose, non formano che un solo corpo così i fedeli in Cristo ( 1 Cor 12,12 ).

Anche nella struttura del corpo mistico di Cristo vige una diversità di membri e di uffici.

Uno è lo Spirito, il quale per l'utilità della Chiesa distribuisce la varietà dei suoi doni con magnificenza proporzionata alla sua ricchezza e alle necessità dei ministeri ( 1 Cor 12,1-11 ).

Fra questi doni eccelle quello degli apostoli, alla cui autorità lo stesso Spirito sottomette anche i carismatici ( 1 Cor 14 ).

Lo Spirito, unificando il corpo con la sua virtù e con l'interna connessione dei membri, produce e stimola la carità tra i fedeli.

E quindi se un membro soffre, soffrono con esso tutte le altre membra; se un membro è onorato, ne gioiscono con esso tutte le altre membra ( 1 Cor 12,26 ).

Capo di questo corpo è Cristo.

Egli è l'immagine dell'invisibile Dio, e in lui tutto è stato creato.

Egli è anteriore a tutti, e tutte le cose sussistono in lui.

È il capo del corpo, che è la Chiesa.

È il principio, il primo nato di tra i morti, affinché abbia il primato in tutto ( Col 1,15-18 ).

Con la grandezza della sua potenza domina sulle cose celesti e terrestri, e con la sua perfezione e azione sovrana riempie delle ricchezze della sua gloria tutto il suo corpo ( Ef 1,18-23 ). 7

Tutti i membri devono a lui conformarsi, fino a che Cristo non sia in essi formato ( Gal 4,19 ).

Per ciò siamo collegati ai misteri della sua vita, resi conformi a lui, morti e resuscitati con lui, finché con lui regneremo ( Fil 3,21; 2 Tm 2,11; Ef 2,6 ).

Ancora peregrinanti in terra, mentre seguiamo le sue orme nella tribolazione e nella persecuzione, veniamo associati alle sue sofferenze, come il corpo al capo e soffriamo con lui per essere con lui glorificati ( Rm 8,17 ).

Da lui « tutto il corpo ben fornito e ben compaginato, per mezzo di giunture e di legamenti, riceve l'aumento voluto da Dio » ( Col 2,19 ).

Nel suo corpo, che è la Chiesa, egli continuamente dispensa i doni dei ministeri, con i quali, per virtù sua, ci aiutiamo vicendevolmente a salvarci e, operando nella carità conforme a verità, andiamo in ogni modo crescendo verso colui, che è il nostro capo ( Ef 5,11-16gr. ).

Perché poi ci rinnovassimo continuamente in lui ( Ef 4,23 ), ci ha resi partecipi del suo Spirito, il quale, unico e identico nel capo e nelle membra, dà a tutto il corpo vita, unità e moto, così che i santi Padri poterono paragonare la sua funzione con quella che il principio vitale, cioè l'anima, esercita nel corpo umano.8

Cristo inoltre ama la Chiesa come sua sposa, facendosi modello del marito che ama la moglie come il proprio corpo ( Ef 5,25-28 ); la Chiesa poi è soggetta al suo capo.

E poiché « in lui abita congiunta all'umanità la pienezza della divinità » ( Col 2,9 ), egli riempie dei suoi doni la Chiesa la quale è il suo corpo e la sua pienezza ( Ef 1,22-23 ), affinché essa sia protesa e pervenga alla pienezza totale di Dio ( Ef 3,19 ).


Indice
6 S. Tommaso, Summa Theol. III, q. 62, a. 5, ad 1
7 Pio XII, Enc. Mystici Corporis, 29 giugno 1943
8 Leone XIII, Enc. Divinum illud, 9 maggio 1897
Pio XII, Enc. Mystici Corporis, 1. c.
S. Agostino, Serm. 268, 2
S. Giov. Crisostomo, In Eph. Hom. 9, 3: PG 62, 72. Didimo Aless. Trin. 2, 1: PG 39, 449 s.
S. Tommaso, in Col 1, 18, lect. 5; ed. Marietti, II, n. 46: « Sicut contrituitur unum corpus ex unitate animae, ita Ecclesia ex unitate Spiritus ... »