Salmi

Capitolo 38 ( 37 )

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Indice

Preghiera nell'angoscia

1 Salmo. Di Davide. In memoria.
2 Signore, non castigarmi nel tuo sdegno,
non punirmi nella tua ira.
Sal 6,2
3 Le tue frecce mi hanno trafitto,
su di me è scesa la tua mano.
Lam 3,12
Gb 6,4
4 Per il tuo sdegno non c'è in me nulla di sano,
nulla è intatto nelle mie ossa per i miei peccati.
Is 1,5-6
5 Le mie iniquità hanno superato il mio capo,
come carico pesante mi hanno oppresso.
Esd 9,6
Gen 4,13
6 Putride e fetide sono le mie piaghe
a causa della mia stoltezza.
7 Sono curvo e accasciato,
triste mi aggiro tutto il giorno.
8 Sono torturati i miei fianchi,
in me non c'è nulla di sano.
9 Afflitto e sfinito all'estremo,
ruggisco per il fremito del mio cuore.
Sal 102,4-6
10 Signore, davanti a te ogni mio desiderio
e il mio gemito a te non è nascosto.
11 Palpita il mio cuore,
la forza mi abbandona,
si spegne la luce dei miei occhi.
Sal 6,8
Sal 31,11
Sal 88,7
12 Amici e compagni si scostano dalle mie piaghe,
i miei vicini stanno a distanza.
Gb 12,4-5
Gb 19,13-19
Sal 31,12
Sal 41,6-10
Sal 88,9
13 Tende lacci chi attenta alla mia vita,
trama insidie chi cerca la mia rovina
e tutto il giorno medita inganni.
Sal 35,20
14 Io, come un sordo, non ascolto
e come un muto non apro la bocca;
Is 53,7
15 sono come un uomo che non sente e non risponde.
16 In te spero, Signore;
tu mi risponderai, Signore Dio mio.
17 Ho detto: « Di me non godano,
contro di me non si vantino
quando il mio piede vacilla ».
Sal 13,5
Sal 35,19
18 Poiché io sto per cadere
e ho sempre dinanzi la mia pena.
Sal 51,5
19 Ecco, confesso la mia colpa,
sono in ansia per il mio peccato.
Sal 32,5
20 I miei nemici sono vivi e forti,
troppi mi odiano senza motivo,
21 mi pagano il bene col male,
mi accusano perché cerco il bene.
Sal 109,3-5
Sal 35,12
22 Non abbandonarmi, Signore,
Dio mio, da me non stare lontano;
Sal 35,22
Sal 22,12
23 accorri in mio aiuto,
Signore, mia salvezza.
Sal 40,14.18
Indice

Abbreviazioni
38,1 Nel salmo traspare la concezione che della malattia ha l'uomo dell'AT, il quale vede in essa la punizione delle proprie colpe.
Ciò ha contribuito, nella tradizione cristiana, a collocare questa lamentazione tra i sette "salmi penitenziali" ( Sal 6 ).
38 Lamento di un fedele malato e presunto colpevole ( vv 4-5.6b.19 ).
Salmo penitenziale di cui certi passi richiamano Giobbe e il canto del servo sofferente di Is 53.
38,3 è scesa: con il TM; alla lettera: « è caduta »;
BJ traduce, con sir. e Targum: « si è abbattuta ».
38,4 carne e ossa: il corpo umano.
38,6 Fetide e purulente: probabile allusione alla lebbra, la malattia simbolo del peccato e di tutto ciò che è impuro ( Lv 13-14 ).
38,20 vivi: secondo il TM, hajjîm; BJ congettura: « senza una causa », hinnam.
38,21 Mss greci e alcune versioni aggiungono: « mi hanno rigettato, me il prediletto, come un cadavere spaventoso » ( cf. Is 14,19 LXX), allusione al Cristo crocifisso come precisa ancor più la versione copta: « hanno inchiodato la mia carne ».