Salmi

Capitolo 54 ( 53 )

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Invocazione al Dio che rende giustizia

1 Al maestro del coro. Per strumenti a corda. Maskil. Di Davide.
2 Dopo che gli Zifei vennero da Saul a dirgli:
« Ecco, Davide se ne sta nascosto presso di noi ».
1 Sam 23,19
3 Dio, per il tuo nome, salvami,
per la tua potenza rendimi giustizia.
4 Dio, ascolta la mia preghiera,
porgi l'orecchio alle parole della mia bocca;
5 poiché sono insorti contro di me gli arroganti
e i prepotenti insidiano la mia vita,
davanti a sé non pongono Dio.
Sal 86,14
6 Ecco, Dio è il mio aiuto,
il Signore mi sostiene.
Sal 118,7
7 Fa' ricadere il male sui miei nemici,
nella tua fedeltà disperdili.
8 Di tutto cuore ti offrirò un sacrificio,
Signore, loderò il tuo nome perché è buono;
Sal 52,11
9 da ogni angoscia mi hai liberato
e il mio occhio ha sfidato i miei nemici.
Sal 58,11
Sal 91,8
Indice

Abbreviazioni
54,1 Considerata come il modello delle lamentazioni, questa supplica procede secondo lo stile che caratterizza tali composizioni nel Salterio: la fiducia in Dio, unica salvezza, non è affievolita dalla malvagità dei potenti, su cui ricade il male compiuto, mentre l'orante riconferma la propria adesione a Dio liberatore.
54,2 Il titolo colloca questo salmo nel contesto dell'episodio narrato in 1 Sam 23,14-28.
54,3 Il nome indica Dio stesso ( v. 8 ).
Il nome è il sostituto della persona ( cf. Es 3,14+ ).
54,5 arroganti od « orgogliosi » con mss ebraici e Targum; il TM ha: « stranieri » che testimonia una rilettura xenofoba dell'epoca maccabaica.