Salmi

Capitolo 58 ( 57 )

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Il giudice dei giudici terrestri

1 Al maestro del coro. Su « Non distruggere ». Di Davide. Miktam.
Sal 82
2 Rendete veramente giustizia o potenti,
giudicate con rettitudine gli uomini?
Dt 16,19
Mi 2,1
Sal 82,2
3 Voi tramate iniquità con il cuore,
sulla terra le vostre mani preparano violenze.
4 Sono traviati gli empi fin dal seno materno,
si pervertono fin dal grembo gli operatori di menzogna.
5 Sono velenosi come il serpente,
come vipera sorda che si tura le orecchie
Dt 32,33
Sal 140,4
6 per non udire la voce dell'incantatore,
del mago che incanta abilmente.
7 Spezzagli, o Dio, i denti nella bocca,
rompi, o Signore, le mascelle dei leoni.
Sal 3,8
Sal 35,17
Sal 57,5
8 Si dissolvano come acqua che si disperde,
come erba calpestata inaridiscono.
Gb 11,16
Sal 37,2+
9 Passino come lumaca che si discioglie,
come aborto di donna che non vede il sole.
Gb 3,16
Qo 6,3s
10 Prima che le vostre caldaie sentano i pruni,
vivi li travolga il turbine.
Os 13,3
Gb 21,18
Gb 27,21
Na 1,10
Sal 52,8
Sal 68,24
11 Il giusto godrà nel vedere la vendetta,
laverà i piedi nel sangue degli empi.
Gb 19,29
Ml 2,17
Ml 3,18
12 Gli uomini diranno: « C'è un premio per il giusto,
c'è Dio che fa giustizia sulla terra! ».
Indice

Abbreviazioni
58,1 Simile alle invettive dei profeti, questo "salmo imprecatorio" è un'accusa violenta contro chi abusa del potere che detiene e contro chi amministra la giustizia e la vìola.
L'affermazione finale esalta la giustizia di Dio, che condanna l'empio e dà la ricompensa al giusto.
Sui salmi "imprecatori" vedi nota a Sal 109.
58 Il salmista apostrofa i cattivi giudici alla maniera degli antichi profeti, facendo appello all'ora della giustizia divina.
58,2 potenti: BJ congettura: « esseri divini », alla lettera « dèi », 'elîm;
il TM ha: 'elem, « in silenzio ».
- L'espressione è applicata qui ai giudici e ai principi ( cf. Sal 45,7; Sal 82; Es 21,6; Es 22,7; Dt 19,17; 2 Sam 14,17 ).
58,3 Come si possono essere sviati già dalla nascita?
58,8 come erba ( haçir ) calpestata: conget.;
il TM ha: « calpesta le sue frecce ( hiççajw ) come ».
58,10 le vostre caldaie sentano i pruni: il TM ( alla lettera « le vostre caldaie distinguano il rovo » ) ha mal diviso e invertito due consonanti.
BJ traduce: « non spuntino in spine », con Simmaco e Girolamo.