Siracide

Capitolo 39

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Lo scriba

1 Differente è il caso di chi si applica e medita la legge dell'Altissimo.
Egli indaga la sapienza di tutti gli antichi, si dedica allo studio delle profezie.
Sal 1,2
2 Conserva i detti degli uomini famosi, penetra le sottigliezze delle parabole,
3 indaga il senso recondito dei proverbi e s'occupa degli enigmi delle parabole.
4 Svolge il suo compito fra i grandi, è presente alle riunioni dei capi, viaggia fra genti straniere, investigando il bene e il male in mezzo agli uomini.
5 Di buon mattino rivolge il cuore al Signore, che lo ha creato, prega davanti all'Altissimo, apre la bocca alla preghiera, implora per i suoi peccati.
6 Se questa è la volontà del Signore grande, egli sarà ricolmato di spirito di intelligenza, come pioggia effonderà parole di sapienza, nella preghiera renderà lode al Signore.
Is 11,2
7 Egli dirigerà il suo consiglio e la sua scienza, mediterà sui misteri di Dio.
8 Farà brillare la dottrina del suo insegnamento, si vanterà della legge dell'alleanza del Signore.
9 Molti loderanno la sua intelligenza, egli non sarà mai dimenticato, non scomparirà il suo ricordo, il suo nome vivrà di generazione in generazione.
10 I popoli parleranno della sua sapienza, l'assemblea proclamerà le sue lodi.
Sir 44,15
11 Finché vive, lascerà un nome più noto di mille, quando muore, avrà già fatto abbastanza per sé.

Invito a lodare Dio

12 Esporrò ancora le mie riflessioni, ne sono pieno come la luna a metà mese.
13 Ascoltatemi, figli santi, e crescete come una pianta di rose su un torrente.
Sal 1,3
14 Come incenso spandete un buon profumo, fate fiorire fiori come il giglio, spargete profumo e intonate un canto di lode, benedite il Signore per tutte le opere sue.
15 Magnificate il suo nome; proclamate le sue lodi con i vostri canti e le vostre cetre; così direte nella vostra lode:
16 « Quanto sono magnifiche tutte le opere del Signore!
Ogni sua disposizione avrà luogo a sua tempo! ». Non c'è da dire: « Che è questo? Perché quello? ».
Tutte le cose saranno indagate a suo tempo.
Sal 104,24
Sal 33,9
Qo 3,11
17 Alla sua parola l'acqua si ferma come un cumulo, a un suo detto si aprono i serbatoi delle acque.
18 A un suo comando si realizza quanto egli vuole; nessuno può ostacolare il suo aiuto.
1 Sam 14,6
19 Ogni azione umana è davanti a lui, non è possibile nascondersi ai suoi occhi.
Sap 1,7-8
20 Il suo sguardo passa da un'eternità all'altra, nulla è straordinario davanti a lui.
21 Non c'è da dire: « Che è questo? Perché quello? » poiché tutte le cose sono state create per un fine.
22 La sua benedizione si diffonde come un fiume e irriga come un'inondazione la terra.
23 Così le genti sperimenteranno la sua ira, come trasformò le acque in deserto salato.
Gen 19,24-26
24 Le sue vie sono diritte per i santi, ma per gli empi piene di inciampi.
25 I beni per i buoni furono creati sin da principio, ma anche i mali per i peccatori.
Sir 33,14-15
26 le cose di prima necessità per la vita dell'uomo sono: acqua, fuoco, ferro, sale, farina di frumento, latte, miele, succo di uva, olio e vestito.
27 Tutte queste cose per i pii sono beni, ma per i peccatori diventano mali.
28 Ci sono venti creati per castigo, e nella loro furia rafforzano i loro flagelli; quando verrà la fine, scateneranno violenza, e placheranno lo sdegno del loro creatore.
29 Fuoco, grandine, fame e morte sono tutte cose create per il castigo.
30 Denti delle fiere, scorpioni e vipere, e spade vendicatrici sono per la rovina degli ampi.
31 Esulteranno al comando divino; sono pronte sulla terra per tutti i bisogni.
A tempo opportuno non trasgrediranno la parola.
32 Per questo ero convinto fin dal principio, vi ho riflettuto e l'ho messo per iscritto:
33 « Tutte le opere del Signore sono buone; egli provvederà tutto a suo tempo ».
34 Non c'è da dire: « Questo è peggiore di quello », a suo tempo ogni cosa sarà riconosciuta buona.
35 Ora cantate inni con tutto il cuore e con la bocca e benedite il nome del Signore.
Sal 145,21
Indice

Abbreviazioni
39,1-11 Elogio di chi si applica allo studio della legge del Signore
Lo scriba, la cui funzione era di spiegare al popolo quanto egli andava apprendendo dallo studio e dalla meditazione della legge del Signore, è presentato come il modello dell'uomo saggio.
Alcuni vedono in questo ritratto la figura di Esdra, altri vi colgono un tratto autobiografico dell'autore stesso del libro.
39,1 legge …, sapienza …, profezie: sono - sembra - le tre parti della scrittura.
39,2 Lo scriba è in primo luogo colui che conserva le scritture, ma ha anche l'incarico di spiegarle al popolo ( cf. Esd 7,6+ ).
Riguardo alla parabola o mashal cf. l'introduzione.
39,4 Lo scriba è spesso un funzionario, ministro, ambasciatore.
39,11 avrà già fatto abbastanza per sé: traduzione congetturale del gr. ekpoiei;
altri mss leggono: « produce per sé (?) », empoiei.
- Testo difficile.
Il senso sembra questo: se muore senza aver avuto il tempo di raggiungere la gloria umana, lo scriba non deve rimpiangere i suoi sforzi.
39,12-35 Inno a Dio creatore
Stupendo inno a Dio creatore, nel quale si proclama la bontà delle opere di Dio e si esprime gratitudine per la sua provvidenza.
39,16 I due stichi ( c e d ), non presenti nel greco, in parte sono un doppione del v 21.
Sembrano significare: è inutile porsi in anticipo interrogativi sull'ordine del mondo.
Prima o poi, con la ricompensa o il castigo, Dio mostrerà l'utilità di quella realtà che poneva problemi ( v 21, v 34 ).
Allora il saggio che studierà, « a suo tempo » comprenderà.
In questo passo ci può essere un tentativo di messa a punto di certe pagine pessimistiche dell'Ecclesiaste.
39,17 Allusione ai numerosi miracoli riguardanti l'acqua:
creazione ( Gen 1,9 ),
diluvio ( Gen 7,11 ),
passaggio del mar Rosso ( Es 14,21-22 ) e
del Giordano ( Gs 3,16 ), e
forse anche al mistero delle nubi, riserve inestinguibili ( cf. Sal 104,6-13 ).
39,22 L'autore pensa alle benefiche piene del Nilo.
- L'ebr. ha: « come un Nilo ».
39,25 i mali: l'ebr. ha: « il bene o il male ».
39,28 rafforzano i loro flagelli: con il textus receptus;
BJ traduce secondo greco 248 e sir.: « ne fanno flagelli ».
39,29 Nel Testamento dei XII Patriarchi si legge: « Esso ( il cielo inferiore ) contiene il fuoco, la neve, il ghiaccio, pronti per il giorno del giudizio, nel giusto giudizio di Dio.
Perché è là che sono gli spiriti di vendetta per il castigo dell'uomo » ( Lv 3,2 ).
Anche Ben Sira considera i flagelli come tenuti in riserva, ma la sua prospettiva non sembra essere propriamente escatologica.
39,32 È il solenne annunzio della conclusione ottimista:
tutto è voluto da Dio per uno scopo.
Tutto è nell'ordine e l'uomo non ha alcun motivo per lamentarsi:
soffre soltanto se l'ha meritato.