Isaia

Capitolo 2

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

La pace perpetua

1 Ciò che Isaia, figlio di Amoz, vide riguardo a Giuda e a Gerusalemme.
2 Alla fine dei giorni, il monte del tempio del Signore sarà eretto sulla cima dei monti e sarà più alto dei colli; ad esso affluiranno tutte le genti.
Mi 4,1-3
Zc 8,20s
Zc 14,16
3 Verranno molti popoli e diranno: « Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio del Dio di Giacobbe, perché ci indichi le sue vie e possiamo camminare per i suoi sentieri ».
Poiché da Sion uscirà la legge e da Gerusalemme la parola del Signore.
Is 56,6-8
Is 60,11-14
Gv 4,22
Lc 24,47
4 Egli sarà giudice fra le genti e sarà arbitro fra molti popoli.
Forgeranno le loro spade in vomeri, le loro lance in falci; un popolo non alzerà più la spada contro un altro popolo, non si eserciteranno più nell'arte della guerra.
Is 9,6
Is 11,6-9+
Gl 4,9-11
Zc 9,9-10
Os 2,20
5 Casa di Giacobbe, vieni, camminiamo nella luce del Signore.
Is 60,1-3

Splendore e maestà del Signore

6 Tu hai rigettato il tuo popolo, la casa di Giacobbe, perché rigurgitano di maghi orientali e di indovini come i Filistei; agli stranieri battono le mani.
Dt 18,14
7 Il suo paese è pieno di argento e di oro, senza fine sono i suoi tesori; il suo paese è pieno di cavalli, senza numero sono i suoi carri.
Dt 17,16-17
Sal 20,8
8 Il suo paese è pieno di idoli; adorano l'opera delle proprie mani, ciò che hanno fatto le loro dita.
9 Perciò l'uomo sarà umiliato, il mortale abbassato; tu non perdonare loro.
Is 5,15
10 Entra fra le rocce, nasconditi nella polvere, di fronte al terrore che desta il Signore, allo splendore della sua maestà, quando si alzerà a scuotere la terra.
Os 10,8
Ap 6,16
2 Ts 1,9
11 L'uomo abbasserà gli occhi orgogliosi, l'alterigia umana si piegherà; sarà esaltato il Signore, lui solo in quel giorno.
12 Poiché ci sarà un giorno del Signore degli eserciti contro ogni superbo e altero, contro chiunque si innalza ad abbatterlo;
13 contro tutti i cedri del Libano alti ed elevati, contro tutte le querce del Basan,
14 contro tutti gli alti monti, contro tutti i colli elevati,
15 contro ogni torre eccelsa, contro ogni muro inaccessibile,
16 contro tutte le navi di Tarsis e contro tutte le imbarcazioni di lusso.
Sal 48,8+
17 Sarà piegato l'orgoglio degli uomini, sarà abbassata l'alterigia umana; sarà esaltato il Signore, lui solo in quel giorno
18 e gli idoli spariranno del tutto.
Ger 10,11.15
19 Rifugiatevi nelle caverne delle rocce e negli antri sotterranei, di fronte al terrore che desta il Signore e allo splendore della sua maestà, quando si alzerà a scuotere la terra.
Is 2,10+
20 In quel giorno ognuno getterà gli idoli d'argento e gli idoli d'oro, che si era fatto per adorarli, ai tori e ai pipistrelli,
Is 31,7
21 per entrare nei crepacci delle rocce e nelle spaccature delle rupi, di fronte al terrore che desta il Signore e allo splendore della sua maestà, quando si alzerà a scuotere la terra.
22 Guardatevi dunque dall'uomo, nelle cui narici non v'è che un soffio, perché in quale conto si può tenere?
Ger 17,5
Gen 2,7
Gen 6,3
Gb 34,14
Indice

Abbreviazioni
2,1-5 La pace universale alla fine dei giorni
La sua origine è discussa.
L'opinione più probabile è che Mi dipenda qui da Is; gli argomenti contro l'autenticità isaiana del testo ( in particolare il suo universalismo ) non sono decisivi.
2,1 riguardo a Giuda e a Gerusalemme: questo nuovo titolo introduce la piccola raccolta di oracoli dei cc 2-5.
2,4 Egli: Jahve.
2,6-22 L'idolatria del popolo sarà punita
Questo poema, la cui unità è segnata dal ritorno delle stesse formule ( vv 9.11.17 e vv 10.19.21 ), data dal primo periodo dell'attività di Isaia, quando Giuda termina un lungo periodo di prosperità, sotto Ozia e Iotam; ma potrebbe anche aver di mira Samaria che non era ancora caduta nell'anarchia e nella rovina che stavano per sopraggiungere.
Il profeta annunzia un intervento folgorante di Jahve.
2,6 di maghi orientali: è il frutto di una correzione, che non ha l'appoggio delle versioni: l'ebraico miqqedem, « da molto tempo »,
è corretto in qosemîm, « indovini », « maghi »,
o anche in miqsam, « divinazione ».
Tale correzione però giustifica la e davanti a indovini.
BJ traduce: « da molto tempo di maghi », sopprimendo la e.
- La divinazione è stata molto praticata nell'antico Oriente
e lo fu anche in Israele ( 1 Sam 28,3s; Is 8,19 ),
malgrado le condanne di Es 22,17; Lv 19,31; Lv 20,27; Dt 18,10-11.14.
Non si sa nulla sulla divinazione presso i filistei,
ma i loro indovini sono menzionati in 1 Sam 6,2.
2,10 quando si alzerà a scuotere la terra: con i LXX; il TM omette.
Tutto il v e le ultime parole, forse corrotte, del v 9, mancano in iQIsa.
Il v è ripreso nei vv 19 e 21.
2,12 Il giorno del Signore è il momento in cui Dio si manifesta nel pieno della sua potenza e della sua gloria.
Per i nemici d'Israele e per il popolo infedele questo intervento di Dio sarà condanna e castigo.
Sul « giorno del Signore », cf. Am 5,18+.
Qui, l'intervento divino è descritto come un terremoto ( vv 10.19.21 ).
2,16 le navi di Tarsis: sono qui un simbolo di prosperità e di potere.
1 Re 10,22 e nota relativa.
imbarcazione di lusso: testo incerto.
La correzione di BC dà un buon parallelismo e tenta di salvare il probabile significato del termine.
BJ traduce: « tutto ciò che sembra prezioso ».
2,22 Il v 22, assente dal greco ed estraneo al contesto, è probabilmente una glossa.