Salmi

Capitolo 60 ( 59 )

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Indice

Preghiera nazionale dopo la disfatta

1 Al maestro del coro. Su « Giglio del precetto ».
Miktam. Di Davide. Da insegnare.
2 Quando uscì contro gli Aramei della Valle dei due fiumi e contro gli Aramei
di Soba, e quando Gioab, nel ritorno, sconfisse gli Idumei nella Valle del sale: dodici mila uomini.
2 Sam 8,2.3.13
1 Cr 18,2.3.12
3 Dio, tu ci hai respinti, ci hai dispersi;
ti sei sdegnato: ritorna a noi.
4 Hai scosso la terra, l' hai squarciata,
risana le sue fratture, perché crolla.
Is 24,20
5 Hai inflitto al tuo popolo dure prove,
ci hai fatto bere vino da vertigini.
6 Hai dato un segnale ai tuoi fedeli
perché fuggissero lontano dagli archi.
Ger 25,15s
Is 51,17.21-22
Sal 75,9
7 Perché i tuoi amici siano liberati,
salvaci con la destra e a noi rispondi.
Sal 108,7-14
8 Dio ha parlato nel suo tempio:
« Esulto e divido Sichem,
misuro la valle di Succot.
Is 42,13
Sir 50,26
9 Mio è Gàlaad, mio è Manasse,
Èfraim è la difesa del mio capo,
Giuda lo scettro del mio comando.
Abd 19-20
Is 11,13
Gen 49,10
10 Moab è il bacino per lavarmi,
sull'Idumea getterò i miei sandali,
sulla Filistea canterò vittoria ».
Dt 2,5+
Sal 137,7
Is 11,14
11 Chi mi condurrà alla città fortificata,
chi potrà guidarmi fino all'Idumea?
12 Non forse tu, o Dio, che ci hai respinti,
e più non esci, o Dio, con le nostre schiere?
Sal 44,10
Sal 68,8
13 Nell'oppressione vieni in nostro aiuto
perché vana è la salvezza dell'uomo.
Sal 33,16-17
Os 1,7
14 Con Dio noi faremo prodigi:
egli calpesterà i nostri nemici.
2 Cr 14,10
Sal 44,6
Indice

Abbreviazioni
60,1 Il salmo ha inizio con il lamento collettivo del popolo che, sotto il peso della sconfitta, avverte la lontananza e il rigetto da parte di Dio, e si conclude con l'invocazione a lui, perché venga in aiuto.
Al centro del salmo, l'oracolo divino assicura l'intervento del Signore e infonde nuova speranza nel popolo.
60 Questo salmo suppone la stessa situazione storica di Sal 44 e Sal 80.
Il v 7 introduce un oracolo di speranza, ripreso in Sal 108,7-14, che predice la restaurazione di un regno ingrandito e unificato come agli inizi della monarchia, e il dominio su Edom, Èfraim, Gàlaad ( cf. Is 11,13-14; Abd ).
60,2 Allusione alle spedizioni militari di Davide, narrate in 2 Sam 8,1-14; 2 Sam 10,7-8;
( vedi anche 1 Cr 18,1-13 ).
60,4 Tratto apocalittico applicato alla disfatta.
60,6 Il tema della bandiera o segno di ritrovo è frequente ( Es 17,15; Ct 2,4; Is 5,26;
Is 11,10; Is 49,22; Is 62,10 ).
Ma qui è il segnale della ritirata ( cf. v 12 ).
60,8-10 Elenco di località e regioni del territorio d'Israele e di popoli con esso confinanti, come Moab, Edom, Filistea.
Gettare i sandali ( v. 10 ) su un territorio significava prenderne possesso.
60,8 nel suo tempio o « in nome della sua santità », che garantisce le sue promesse.
Punta antisamaritana ( cf. Ne 3,33s ).
L'accostamento di Sichem e Succot ( cf. Gen 33,17-18 ) allude forse alla conquista della terra promessa, di cui ci si ricorda con rimpianto, ma anche con speranza.
60,10b Un antico costume ( cf. Dt 25,9; Rt 4,7+ ) faceva di questo gesto il segno della presa di possesso.
60,10c Apostrofe ironica, edulcorata in Sal 108,10:
« Sulla Filistea canterò vittoria ».
60,12 Espressione della nostalgia del salmista che, in un paese diviso e saccheggiato dai suoi vicini, pensa all'età dell'oro della guerra santa, della conquista e del regno davidico.