Salmi

Capitolo 141 ( 140 )

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Contro l'attrattiva del male

1 Salmo. Di Davide.
Signore, a te grido, accorri in mio aiuto;
ascolta la mia voce quando t'invoco.
2 Come incenso salga a te la mia preghiera,
le mie mani alzate come sacrificio della sera.
Lv 2,2
Es 30,8
Nm 28,4
3 Poni, Signore, una custodia alla mia bocca,
sorveglia la porta delle mie labbra.
4 Non lasciare che il mio cuore si pieghi al male
e compia azioni inique con i peccatori:
che io non gusti i loro cibi deliziosi.
5 Mi percuota il giusto e il fedele mi rimproveri,
ma l'olio dell'empio non profumi il mio capo;
tra le loro malvagità continui la mia preghiera.
Pr 9,8
Pr 25,12
Pr 27,6.9
6 Dalla rupe furono gettati i loro capi,
che da me avevano udito dolci parole.
7 Come si fende e si apre la terra,
le loro ossa furono disperse alla bocca degli inferi.
8 A te, Signore mio Dio, sono rivolti i miei occhi;
in te mi rifugio, proteggi la mia vita.
9 Preservami dal laccio che mi tendono,
dagli agguati dei malfattori.
10 Gli empi cadono insieme nelle loro reti,
ma io passerò oltre incolume.
Indice

Abbreviazioni
141,1 Sono ancora i nemici, descritti con immagini simili al salmo precedente, che con la loro malvagità spingono l'orante a invocare l'aiuto e l'intervento di Dio.
141,2 sacrificio della sera: era offerto nel tempio; la preghiera viene paragonata a questo sacrificio vespertino.
Questa oblazione quotidiana era di regola.
Ai sacrifici, la pietà ebraica equipara così la preghiera ( cf. Sal 51,18, Ap 5,8;
Ap 8,4 ).
141,3 I peccati di lingua erano ritenuti particolarmente gravi nella società antica, nella quale aveva grande rilievo la comunicazione orale.
141,5 L'olio, usato per l'accoglienza degli ospiti, era segno di amicizia e di comunione.
empio: rasha' con i LXX, sir.; il TM ha ro'sh, « eccellente ».
- la mia preghiera: con il TM; con 11QPsa, BJ traduce: « perché mi comprometterei nei loro misfatti ».
Il testo è molto oscuro.
Si comprende che il salmista tema le insidie degli empi che potrebbero sedurlo.
141,6 dalla rupe furono gettati i loro capi: BJ traduce: « sono dati in potere della roccia
( = Jahve ), loro giudice » ( plurale maiestatico come in Sal 58,12 ).
Per Jahve, roccia d'Israele, cf. Sal 18,3; Sal 19,15; Sal 42,10 ecc.
141,7 Come si fende e si apre: il TM ha alla lettera poleh ûboqe`a, « scavando e fendendo »; BJ traduce: « come una mola scoppiata », pelah jebûqqa`, con LXX, sir.