Salmi

Capitolo 51 ( 50 )

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Miserere

1 Al maestro del coro. Salmo. Di Davide.
2 Quando venne da lui il profeta Natan dopo che aveva peccato con Betsabea.
2 Sam 11,12
3 Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia;
nella tua grande bontà cancella il mio peccato.
Ez 18,23+
4 Lavami da tutte le mie colpe,
mondami dal mio peccato.
5 Riconosco la mia colpa,
il mio peccato mi sta sempre dinanzi.
Is 59,12
Ez 6,9
6 Contro di te, contro te solo ho peccato,
quello che è male ai tuoi occhi, io l 'ho fatto;
perciò sei giusto quando parli,
retto nel tuo giudizio.
Is 59,12
Rm 3,4
7 Ecco, nella colpa sono stato generato,
nel peccato mi ha concepito mia madre.
Gb 14,4+
8 Ma tu vuoi la sincerità del cuore
e nell'intimo m'insegni la sapienza.
9 Purificami con issopo e sarò mondo;
lavami e sarò più bianco della neve.
Is 1,18
Ez 36,25
Gb 9,30
Eb 9,13-14
10 Fammi sentire gioia e letizia,
esulteranno le ossa che hai spezzato.
Sal 6,3
Sal 35,10
11 Distogli lo sguardo dai miei peccati,
cancella tutte le mie colpe.
12 Crea in me, o Dio, un cuore puro,
rinnova in me uno spirito saldo.
Ez 11,19+
13 Non respingermi dalla tua presenza
e non privarmi del tuo santo spirito.
Sap 1,5
Sap 9,17
Rm 8,9.14-16
14 Rendimi la gioia di essere salvato,
sostieni in me un animo generoso.
Is 57,15s
15 Insegnerò agli erranti le tue vie
e i peccatori a te ritorneranno.
16 Liberami dal sangue, Dio, Dio mia salvezza,
la mia lingua esalterà la tua giustizia.
Sal 30,10
17 Signore, apri le mie labbra
e la mia bocca proclami la tua lode;
18 poiché non gradisci il sacrificio
e , se offro olocausti, non li accetti.
Sal 50,8+
Am 5,21-25
19 Uno spirito contrito è sacrificio a Dio,
un cuore affranto e umiliato, Dio, tu non disprezzi.
Is 57,15
Is 66,2
Sal 34,19
20 Nel tuo amore fa grazia e Sion,
rialza le mura di Gerusalemme.
Ger 30,18
Ger 31,4
21 Allora gradirai i sacrifici prescritti,
l'olocausto e l'intera oblazione,
allora immoleranno vittime sopra il tuo altare.
Ez 36,33
Is 58,12
Sal 4,6
Lv 1,3
Indice

Abbreviazioni
51,1 Grande supplica a Dio per il perdono, che la tradizione cristiana colloca tra i sette "salmi penitenziali" ( Sal 6 ).
Ha il suo contesto nella liturgia penitenziale, celebrata nel tempio, che consisteva in accusa dei peccati, richiesta di perdono e offerta di un sacrificio di ringraziamento.
Il titolo posto all'inizio ( v. 1 ) attribuisce questo salmo al re Davide, pentito per aver peccato con Betsabea ( 2 Sam 11-12 ), ma la sua composizione è forse da collocare in epoca più tardiva ( forse nel VI sec. ).
I vv. 20-21 costituiscono probabilmente un'aggiunta posteriore, ambientata nel contesto della ricostruzione di Gerusalemme e del suo tempio, dopo l'esilio babilonese.
51 Questo salmo accusa una parentela profonda con la letteratura profetica, soprattutto Isaia ed Ezechiele.
51,5 Quale era il peccato quando Davide fu generato?
51,6c perciò sei giusto: totalmente puro e integro, Dio manifesta, perdonando, la potenza sul male e la vittoria sul peccato.
51,7 nella colpa io sono nato: allusione alla generale corruzione dell'uomo.
Ogni uomo nasce impuro ( Gb 14,4+; cf. Pr 20,9 ) e per ciò stesso portato al male
( Gen 8,21 ).
Questa impurità fondamentale è qui allegata come una circostanza attenuante
( cf. 1 Re 8,46 ), di cui Dio deve tenere conto.
La dottrina del peccato originale sarà esplicitata in Rm 5,12-21, in correlazione con la rivelazione della redenzione per mezzo di Gesù Cristo.
51,8 Il vocabolario di questo v ( cuore, BJ: « fondo dell'essere », alla lettera « ciò che è intonacato, coperto », da dove forse « i lombi »; e intimo, BJ: « segreto » ) è da accostare a Sal 7,10; Sal 16,7; Sal 33,15 ecc.: Dio penetra nel fondo dell'uomo e può trasformarlo.
Si può forse discernere ugualmente un senso figurato accostando questo v
a Ez 13,10s, sui profeti di menzogna che « intonacano » i muri crepati invece di ricostruirli ( cf. anche Lv 14,43 sulla lebbra dei muri ).
Qui, invece, anche ciò che è ricoperto ( « intonacato » ) e nascosto sarà purificato e restaurato dalla sapienza divina.
51,9 issòpo: pianta aromatica, veniva usata per le aspersioni nei riti di purificazione
( Lv 14,4; Nm 19,18 ).
51,12 Crea: questo verbo è riservato a Dio e designa l'atto con cui pone nell'esistenza una cosa nuova e meravigliosa ( Gen 1,1; Es 34,10; Is 48,7; Is 65,17; Ger 31,21-22 ).
La giustificazione del peccatore è l'opera divina per eccellenza, analoga all'atto creatore ( cf. Ez 36,25s e ancne Ger 31,33; Ger 32,39-40 ).
51,13 santo spirito o « spirito di santità »: qui il principio, interno all'uomo ma dato da Dio, della vita morale e religiosa, sia di ognuno ( Sal 143,10; Sap 1,5; Sap 9,17 ), sia del popolo intero ( Ne 9,20; Is 63,11; Ag 2,5 ).
51,16 sangue: designa qui ogni genere di violenza, ma anche delitto e morte.
Perché alcuni profeti parlarono contro i sacrifici?
Il profeta Ezechiele ( cf. Ez 7,23; Ez 9,9; Ez 22,2; Ez 24,6 ) chiama Gerusalemme
« città di sangue ».
Si è vista talvolta qui un'allusione all'assassinio di Uria da parte di Davide
( 2 Sam 12,9 ).
Vi si è anche letta l'espressione della morte prematura dell'empio, a castigo dei peccati secondo la dottrina tradizionale.
51,20 Al ritorno dall'esilio, la restaurazione delle mura di Gerusalemme è attesa come il segno del perdono divino ( Is 60-62; Ger 30,15-18; Ez 36,32 ).
51,21 l'olocausto e l'intera oblazione: precisazione liturgica inserita più tardi.
- Nella Gerusalemme restaurata, i « sacrifici che procedono dalla giustizia » ritroveranno il loro valore.