Siracide

Capitolo 14

La vera felicità

1 Beato l'uomo che non ha peccato con le parole e non è tormentato dal rimorso dei peccati.
Sir 19,16
Sir 25,8
2 Beato chi non ha nulla da rimproverarsi e chi non ha perduto la sua speranza.

Invidia e avarizia

3 A un uomo gretto non conviene la ricchezza, a che servono gli averi a un uomo avaro?
Qo 5,9
Qo 6,2
4 Chi accumula a forza di privazioni accumula per altri, con i suoi beni faranno festa gli estranei.
Lc 12,16-21
Gb 27,16-17
Pr 13,22
5 Chi è cattivo con se stesso con chi si mostrerà buono? Non sa godere delle sue ricchezze.
6 Nessuno è peggiore di chi tormenta se stesso; questa è la ricompensa della sua malizia.
Pr 11,17
7 Se fa il bene, lo fa per distrazione; ma alla fine mostrerà la sua malizia.
8 È malvagio l'uomo dall'occhio invidioso; volge altrove lo sguardo e disprezza la vita altrui.
9 L'occhio dell'avaro non si accontenta di una parte, l'insana cupidigia inaridisce l'anima sua.
Sap 6,23
10 Un occhio cattivo è invidioso anche del pane e sulla sua tavola esso manca.
11 Figlio, per quanto ti è possibile, trattati bene e presenta al Signore le offerte dovute.
12 Ricordati che la morte non tarderà e il decreto degli inferi non ti è stato rivelato.
Nm 16,33
13 Prima di morire fa' del bene all'amico, secondo le tue possibilità sii con lui generoso.
14 Non privarti di un giorno felice; non ti sfugga alcuna parte di un buon desiderio.
Qo 2,24
15 Forse non lascerai a un altro le tue sostanze e le tue fatiche per essere divise fra gli eredi?
16 Regala e accetta regali, distrai l'anima tua, perché negli inferi non c'è gioia da ricercare.
Qo 9,10
17 Ogni corpo invecchia come un abito, è una legge da sempre: « Certo si muore! ».
18 Come foglie verdi su un albero frondoso: le una lascia cadere, altre ne fa spuntare, lo stesso avviene per le generazioni di carne e di sangue: le une muoiono, altre ne nascono.
Qo 1,4
19 Ogni opera corruttibile scompare; chi la compie se ne andrà con essa.
Qo 9,6
Ap 14,13

Felicità del saggio

20 Beato l'uomo che media sulla sapienza e ragiona con l'intelligenza,
Pr 8,32-35
21 e considera nel cuore le sue vie: ne penetrerà con la mente i segreti.
22 La insegue come uno che segue una spia, si apposta sui suoi sentieri.
23 Egli spia alle sue finestre e starà ad ascoltare alla sua porta.
24 Fa sosta vicino alla sua casa e fisserà un chiodo nelle sue pareti;
25 alzerà la propria tenda presso di essa e si riparerà in un rifugio di benessere;
26 metterà i propri figli sotto la sua protezione e sotto i suoi rami soggiornerà;
27 da essa sarà protetto contro il caldo, egli abiterà all'ombra della sua gloria.
Indice