Salmi

Capitolo 68 ( 67 )

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

La gloriosa epopea di Israele

1 Al maestro del coro. Di Davide. Salmo. Canto.
2 Sorga Dio, i suoi nemici si disperdano
e fuggano davanti a lui quelli che lo odiona.
Nm 10,35
Is 33,3
3 Come si disperde il fumo, tu li disperdi;
come fonde la cera di fronte al fuoco,
periscano gli empi davanti a Dio.
4 I giusti invece si rallegrino,
esultino davanti a Dio
e cantino gi gioia.
5 Cantate a Dio, inneggiate al suo nome,
spianate la strada a chi cavalca le nubi:
« Signore » è il suo nome,
gioite davanti a lui.
Sal 18,10-11
Dt 33,26
Is 19,1
Is 66,15
Is 57,14
6 Padre degli orfani e difensore delle vedove
è Dio nella sua santa dimora.
Es 22,21-22+
Sal 146,9
Bar 6,37
7 Ai derelitti Dio fa abitare una casa,
fa uscire con gioia i prigionieri;
solo i ribelli abbandona in arida terra.
8 Dio, quando uscivi davanti al tuo popolo,
quando camminavi per il deserto,
Gdc 5,4-5
Ab 3,3s
Dt 33,2
9 la terra tremò, stillarono i cieli
davanti al Dio del Sinai,
davanti a Dio, il Dio di Israele.
10 Pioggia abbondante riversavi, o Dio,
rinvigorivi la tua eredità esausta.
Es 16,1.13+
Sal 78,24s
11 E il tuo popolo abitò il paese
che nel tuo amore, o Dio, preparasti al misero.
12 Il Signore annunzia una notizia,
le messaggere di vittoria sono grande schiera:
13 « Fuggono i re, fuggono gli eserciti,
anche le donne si dividono il bottino.
Gdc 5,19.22
14 Mentre voi dormite tra gli ovili,
spendono d'argento le ali della colomba,
le sue piume di riflessi d'oro ».
Gdc 5,16
15 Quando disperdeva i re l'Onnipotente,
nevicava sullo Zalmon.
Gen 17,1+
16 Monte di Dio, il monte di Basan,
monte dalle alte cime, il monte di Basan.
17 Perché invidiate, o monti dalle alte cime,
il monte che Dio ha scelto a sua dimora?
Il Signore lo abiterà per sempre.
Ez 43,7
2 Re 6,17
2 Re 7,6
18 I Carri di Dio sono migliaia e migliaia:
il Signore viene dal Sinai nel santuario.
19 Sei salito in alto conducendo prigionieri,
hai ricevuto uomini in tributo:
anche i ribelli abiteranno
presso il signore Dio.
Sal 47,6
Ef 4,8-10
20 Benedetto i Signore sempre;
ha cura di noi il Dio della salvezza.
Dt 32,11
Is 46,3-4
Sal 63,9
21 Il nostro Dio è un Dio che salva;
il Signore Dio libera dalla morte.
22 Si, Dio schiaccerà il capo dei suoi nemici,
la testa altèra di chi percorre la via del delitto.
23 Ha detto il Signore: « Da Basan li farò tornare,
li farò tornare dagli abissi del mare,
24 perché il tuo piede si bagni nel sangue,
e la lingua dei tuoi cani riceva la sua parte tra i nemici »
1 Re 21,19
1 Re 22,38
2 Re 9,36
25 Appare il tuo corteo, Dio,
il corteo del mio Dio, del mio re, nel santuario.
26 Precedono i cantori, seguono ultimi i citaredi,
in mezzo le fanciulle che battono cémbali.
27 « Benedite Dio nelle vostre assemblee,
benedite il Signore, voi della stirpe di Israele ».
Dt 33,28
Ger 2,13
Ger 17,13
Sal 80,2-3
28 Ecco, Beniamino, il più giovane,
guida i capi di Giuda nelle loro schiere,
i capi di Zàbulon, i capi di Nèftali.
Is 8,23
29 Dispiega, Dio, la tua potenza,
conferma, Dio, quanto hai fatto per noi.
30 Per il tuo tempio, in Gerusalemme,
a te i re porteranno doni.
31 Minaccia la belva dei canneti,
il branco dei tori con i vitelli dei popoli:
si prostrino portando verghe d'argento;
disperdi i popoli che amano la guerra.
Ez 29,2s
32 Verranno i grandi dall'Egitto,
l'Etiopia tenderà le mani a Dio.
Is 18,7
Is 45,14
33 Regni della terra, cantate a Dio,
cantate inni al Signore;
Sal 68,5+
34 egli nei cieli cavalca, nei cieli eterni,
ecco, tuona con voce potente.
35 Riconoscete a Dio la sua potenza,
la sua maestà su Israele,
la sua potenza sopra le nubi.
36 Terribile sei, Dio, dal tuo santuario;
il Dio d'Israele dà forza e vigore al suo popolo,
sia benedetto Dio.
Sal 28,8
Sal 29,11
Indice

Abbreviazioni
68,1 Questa composizione ( riconducibile all'epoca della monarchia davidica e a tratti affine ai testi di Es 15; Gdc 5 e Ab 3 ) è la rievocazione dei grandi interventi di Dio nella storia d'Israele.
Dio avanza come un prode guerriero che sbaraglia gli eserciti nemici e manifesta il suo dominio sulle forze ostili.
Assiso sul suo trono di gloria, Dio accoglie il corteo dei vinti e delle tribù d'Israele, che riconoscono la sua grandezza.
68 Quest'inno di ringraziamento evoca le grandi tappe della storia del popolo di Dio come una processione trionfale di Jahve:
l'uscita dal l'Egitto, il cammino nel deserto,
le vittorie nell'epoca dei Giudici ( Debora, Gedeone ),
l'insediamento in Sion ( Davide, Salomone ),
la storia d'Elia e di Eliseo,
la sorte tragica della famiglia di Acab,
la pasqua solenne di Ezechia,
infine le prospettive universaliste della fine del libro di Isaia.
Preludio ( vv 2-7 ) e finale ( vv 33-36 ) inquadrano sei gruppi di due strofe unite dal senso.
Un incidente grafico ha turbato le strofe VI e VII.
68,5 « Signore » è il suo nome: con il TM shemô; BJ congettura: « giubilate ».
68,9 del Sinai: glossa del TM come in Gdc 5,5; BJ omette.
- La strofa evoca la partenza per la guerra di Jahve: l'uscita dall'Egitto nella nube
( Es 13,21; Nm 14,14 ) e la teofania del Sinai ( Es 19,16+ ).
68,11 Richiamo dei miracoli dell'esodo, la manna e le quaglie, e dell'ingresso nella terra promesa.
68,12-16 Il Signore annuncia: allusione all'intervento di Dio e alla protezione da lui offerta a Israele all'epoca della conquista della terra di Canaan ( Gdc 4,14-15.23;
Gdc 5,8.13.20 ).
Il Salmon ( in ebraico "ombroso": v. 15 ) è qui probabilmente un monte della regione di Basan ( v. 16 ), a oriente del lago di Gennèsaret.
68,12 le messaggere di vittoria: BJ congettura: « un ordine, è l'annunzio »;
il TM ha: « l'ordine di quelle che annunziano ».
68,13 Allusione alle vittorie della conquista.
- le donne ( alla lettera « la bella della casa » ).
La « bella » è forse Giaele ( Gdc 5,24 ) o il gruppo delle donne dei vincitori
( cf. Gdc 5,30; Gdc 11,34; 1 Sam 18,6 ).
68,14 ovili: BJ traduce: « i due muretti », per i recinti delle pecore.
- La colomba è il simbolo di Israele ( cf. Sal 74,19; Os 7,11; ecc. ) che si adorna delle ricchezze guadagnate nel combattimento ( cf. Gs 22,8; Gdc 8,24s ).
68,15b Zalmon: BJ traduce: « Monte-Oscuro » che è forse una collina boscosa vicina a Sichem ( Gdc 9,48-49 ); Abimèlech gettò sale bianco come la neve
( cf. Sir 43,18-19 ) sulle rovine di questa città ( Gdc 9,45 ).
- Questo passo è molto oscuro, ma si può intendere che il poeta,
imitando Gdc 5,16s, interpelli i gruppi isolazionisti, assenti dalla battaglia, e vanti loro il bottino prezioso che si dividono le donne di Israele, e che brilla sulla loro pelle bruna come le piume della colomba.
68,18 I carri di Dio: anziché i carri di Salomone ( 1 Re 10,26 ), i carri divini che intravvide Eliseo ( 2 Re 6,17; cf. 2 Re 7,6; Is 66,15 ).
Il seguito evoca le vittorie del tempo dei re.
- dal Sinai nel santuario: all'epoca del secondo tempio, si è ritoccato il testo ebraico di questo v ( modificando la divisione delle parole ); si potrebbe tradurre alla lettera: « Il Signore è in essi, il Sinai è nel santuario ».
Il Sinai era così identificato a Sion, da dove proviene la legge ( Is 2,3 ).
È il primo indizio di una rilettura di questo salmo in funzione della festa liturgica della pentecoste, in cui si celebra il dono della legge sul Sinai ( cf. la glossa del v 9 ).
68,19 Sei salito in alto: in Ef 4,7-10 questo testo è applicato a Cristo, che ascende al cielo: cioè in Sion.
68,24 Allusione alla morte di Acab ( 1 Re 21,19; 1 Re 22,38 ),
di Ioram ( 2 Re 8,29; 2 Re 9,15 ) e di Gezabele ( 2 Re 9,36 ).
68,27 Antifona liturgica.
68,28 Vengono elencate quattro delle dodici tribù d'Israele: due stanziate al sud ( Beniamino e Giuda ) e due al nord ( Zàbulon e Nèftali ).
guida i capi di Giuda nelle loro schiere: BJ congettura: « i principi di Giuda in vesti di broccato »; « vesti di broccato », riqmatam, il TM ha: rigmatam, « in mucchio ».
- I vv 25-28 evocano la pasqua di Ezechia ( 2 Cr 30 ), alla quale parteciparono le tribù del nord.
68,29 Dispiega, Dio, la tua potenza: BJ traduce: « comanda, o mio Dio, secondo la tua potenza »; stico corretto secondo le versioni; il TM ha: « il tuo volto Dio ha comandato la tua potenza ».
- Il testo e il ritmo delle due strofe seguenti sono incerti.
68,31 la bestia del canneto: probabilmente il coccodrillo; designa simbolicamente l'Egitto.
I bufali e i tori sembrano indicare altri popoli nemici d'Israele.
Allusione insolente all'Egitto, ai suoi capi e al suo popolo.
Si deve essere all'epoca della grande deportazione ebraica in Egitto, sotto il regno di Tolomeo Sotere, verso il 320.
68,32 grandi: alla lettera « ( gente ) grassa », hashshemenîm o mishmannim, conget. secondo i LXX; il TM ha: « oggetti in bronzo » (?) hashmannîm;
- tenderà, jitroç, conget.; il TM ha: « farà correre », tarîç.
68,33 al Signore: con il TM che aggiunge « pausa »; BJ omette, riferendo in nota.
68,36 tuo santuario: il TM ha: « tuoi santuari »; BJ con volg. traduce: « il suo santuario ».