La Chiesa

C 71

Giovanni Battista ( B )

Rif.


  Il « Dio di Israele ha visitato il suo popolo »; qui sta la novità nella predicazione profetica di Giovanni Battista.  
  Ancorato alla tradizione giudaica,
C 70
  egli se ne discosta per sorpassarla.  
  In lui la parola incontra l'atto.  
  Essa si concretizza e si attua in una persona.  
  Il Messia che Israele attendeva e che annunciavano tutti i profeti « è già in mezzo a voi », dice.  
  Per questa presenza, egli non è più il profeta che predice l'avvenire lontano, ma il rivelatore, poiché indica col dito « l'Agnello di Dio ».  

Testi

Rilievi

Rif.


Lc 1,15
Ger 1,5
Conosciuto da Dio fin dal seno di sua madre, egli ottiene la vocazione di Ger.  

Mt 3,1-3
Mt 11,14
Lc 1,17
Ml 3,1-2.23
Sir 48,10
Testi che presentano Giovanni Battista come il nuovo Elia.  
Altrettanto si dirà di Cristo.
B 48
B 49
Elia era il ricostruttore del popolo ( Sir ).  

2 Re 1,8
Zc 13,4
Mt 3,4
Il mantello di Elia copre ora le spalle di Giovanni.  

Lc 3,16
Gv 1,26
Ez 36,25-27
Egli battezza nell'acqua, ma colui che viene dopo di lui battezzerà nello spirito.
D 11
Cioè: Giovanni porta la preparazione, Cristo darà la pienezza.  

Lc 1,17
Lc 3,1-10
Mc 1,6-8
Ger 2,2
Is 40,3-5
Is 57,14
È l'araldo del Regno che guida il popolo nel deserto, per effettuare l'ultimo « ritorno » pasquale.  

Mt 3,13-17
Gv 1,29-34
La vita si concretizza e la parola tocca il massimo di attualizzazione quando il profeta incontra il Verbo di Dio nelle acque del Giordano e, nuovo Samuele, è incaricato di ungere il nuovo Messia.
B 77
B 78

Mt 11,2-10
Gv 3,30
In presenza della Realtà, al testimone non resta che ritirarsi e, al segno, sparire.  
Tema della povertà, segno della convocazione dei poveri al Regno.
E 51

Mt 14,3-12
Gv 1,6-8
Divenuto testimone,
C 42
il che è più che profeta, dà la testimonianza del suo sangue.  

Indice