La Chiesa

C 70

Giovanni Battista ( A )

Rif.


  Se il N. T. ci presenta Giovanni Battista come il Precursore, l'A. T. lo reclama pure come suo: questo giovane Rabbi gli appartiene, indiscutibilmente.  
  Per il suo ambiente, la sua cultura, la sua razza, si ricollega a una antica famiglia d'Israele istituzionalmente sacerdotale.  
  Come tutti i bambini ebrei, è sottoposto ai riti della circoncisione mosaica.  
  Per mezzo di un carisma, è scelto da Jahvè come ogni altro profeta dell'antica Alleanza.  
  Profeta, egli non si serve di altro linguaggio che quello dei profeti di Israele.  
  Ma la missione di Giovanni ha questa particolarità: di essere l'ultima missione profetica e di attualizzarsi in una persona.  

Testi

Rilievi

Rif.


Lc 1,5-7
1 Cr 24,10
Nm 18,1-19
Giovanni è nato da una famiglia tradizionalmente dedita al servizio del tempio: è stato allevato in questo ambiente.  

Lc 1,59-60
Gen 17,10-14
Lv 12,3
Secondo la Legge di Mosè, è stato circonciso l'ottavo giorno: segno di fedeltà all'Alleanza conclusa tra Dio e Abramo e la sua discendenza.
D 10

Lc 1,15
Mt 3,4
Nm 6,1-8
Is 24,7-9
Di lui è annunciato che « non berrà vino né bevanda inebriante ».  
Si trova così consacrato a Dio secondo la pratica del nazireato, in ricordo della tappe di prova del popolo.  

Lc 3,1-6
Mc 1,1-2
Os 1,1
Ger 1,1
Ez 1,3
Più che consacrato, è profeta, poiché Jahvè gli dà il dono della parola, allo stesso titolo dei profeti del suo popolo.  
Si noti l'introduzione solenne di Lc. al ministero di Giovanni.  

Mt 11,7-15
Gv 1,19-28
Ml 3,1-4
Vero profeta, riunisce la Legge e i profeti e diventa il messaggero per eccellenza.  

Mt 3,1-3
Mt 11,14
Ml 3,1-2.23
Es 23,20.23
Mandato davanti al Signore, è l'« angelo » annunciato per condurre il popolo al Regno.  
Questo angelo venne identificato in Elia ( Mal 3,23 ).  

Lc 1,16
Lc 3,7-17
Am 5,18-20
Ger 13,15-17
Sulla stessa linea dei suoi predecessori, predica il ritorno a Dio con un sentimento di conversione profonda.  
Si noti l'espressione di Lc 1: « ricondurrà », che allude alla conversione propria del ritorno dall'esilio.
E 26

Lc 1,7.15
Lc 3,21-22
1 Sam 1,6.11
1 Sam 16,12-13
Egli si presenta come un nuovo Samuele ( colui che annuncia Davide, il Messia ): lo stesso seno sterile, lo stesso nazireato, la stessa missione di ungere il re.  

Mt 3,1
Mt 11,7-9
Prolunga infine con tutto il suo atteggiamento, l'ideale di separazione dal mondo delineato dai profeti,
C 47
e che acquista tutto il suo significato quando arriva il Regno che non è di questo mondo.
C 35

Indice