Michea

Capitolo 5

CEI 2008 - Audio Interconfessionale
1 E tu, Betlemme di Efrata così piccola per essere fra i capoluoghi di Giuda, da te mi uscirà colui che deve essere il dominatore in Israele; le sue origini sono dall'antichità, dai giorni più remoti.
Mt 2,6
Gv 7,42
2 Perciò Dio li metterà in potere altrui fino a quando colei che deve partorire partorirà; e il resto dei tuoi fratelli ritornerà ai figli di Israele.
Is 7,14
3 Egli starà là e pascerà con la forza del Signore, con la maestà del nome del Signore suo Dio.
Abiteranno sicuri perché egli allora sarà grande fino agli estremi confini della terra.

Il vincitore futuro di Assur

4 e tale sarà la pace: se Assur entrerà nella nostra terra e metterà il piede sul nostro suolo, noi schiereremo contro di lui sette pastori e otto capi di uomini,
Gdc 6,24
Am 1,3+
5 che governeranno la terra di Assur con la spada, il paese di Nimròd con il suo stesso pugnale.
Ci libereranno da Assir, se entrerà nella nostra terra e metterà piede entro i nostri confini.
Sal 2,9

Ruolo futuro del resto tra le nazioni

6 Il resto di Giacobbe sarà, in mezzo a molti popoli, come rugiada mandata dal Signore e come pioggia che cade sull'erba, che non attende nulla dall'uomo e nulla spera dai figli dell'uomo.
Is 4,3+
Os 14,6
7 Allora il resto di Giacobbe sarà, in mezzo a popoli numerosi, come un leone tra le belve della foresta, come un leoncello tra greggi di pecore, il quale, se entra, calpesta e sbrana e non c'è scampo.

Il Signore sopprimerà tutte le tentazioni

8 La tua mano si alzerà contro tutti i tuoi nemici, e tutti i tuoi avversari saranno sterminati.
9 In quel giorno - dice il Signore - distruggerò i tuoi cavalli in mezzo a te e manderò in rovina i tuoi carri;
Os 14,4
Zc 9,10
10 distruggerò le città della tua terra e demolirò tutte le tue fortezze.
11 Ti strapperò di mano i sortilegi e non avrai più indovini.
12 Distruggerò in mezzo a te le tue sculture e le tue stele, né più ti prostrerai davanti a un'opera delle tue mani.
13 Estirperò da te i tuoi pali sacri, distruggerò i tuoi idoli.
Es 23,24+
Es 34,13+
14 Con ira e furore, farò vendetta delle genti, che non hanno voluto obbedire.
Indice

Abbreviazioni
5,1-5 Annuncio della nascita del dominatore a Betlemme
Da Betlemme, città d'origine del re Davide, uscirà un nuovo capo d'Israele.
L'oracolo, ripreso nel vangelo di Matteo ( Mt 2,6 ),
per i cristiani si è compiuto con la nascita di Gesù.
5,1 Èfrata: in origine nome di un clan,
fu poi usato come denominazione per la città di Betlemme ( Gs 15,59 ).
così piccola: con il TM; i LXX traducono: « la minima ».
- per essere: con il TM e i LXX;
aggiunta proveniente dal v 1c ( « colui che deve » ).
- dall'antichità: Efrata ( alla quale Michea sembra annettere il senso etimologico di « feconda » in rapporto alla nascita del Messia ) ha designato in principio un gruppo familiare alleato di Caleb ( 1 Cr 2,19.24.50 )
e installato nella regione di Betlemme ( 1 Sam 17,12; Rt 1,2 ).
Il nome è passato in seguito alla città ( Gen 35,19; Gen 48,7; Gs 15,59; Rt 4,11 ); perciò « Betlemme », forse, è glossa aggiunta a « Efrata ».
- Michea pensa alle origini antiche della dinastia di Davide ( 1 Sam 17,12s;
Rt 4,11.17.18-22 ).
Gli evangelisti riconosceranno in « Betlemme di Efrata »
la designazione del luogo di nascita del Messia.
5,2 Dio, alla lettera « egli ».
- Si tratta di Jahve.
Forse Michea pensa al celebre oracolo della 'almah ( Is 7,14+ ),
pronunziato da Isaia una trentina d'anni prima.
5,4-5 Assur e terra di Nimrod: designazioni dell'Assiria.
Questa potenza, che minacciava il regno di Giuda all'epoca di Michea,
diventa il simbolo di tutte le forze che si oppongono al progetto divino.
L'espressione numerica sette … otto … indica la superiorità delle forze d'Israele.
Questo frammento annunzia una vittoria futura sull'Assiria.
L'attribuisce al figlio di Davide ( inizio del v 4, fine del v 5 )
e ai capi di Giuda ( vv 4b-5a, elemento primitivo riutilizzato ).
5,4 nostro suolo: con i LXX e sir.; il TM legge: « i nostri palazzi ».
5,5 con il … pugnale: con un ms greco, lat.; il TM ha: « nelle sue porte ».
5,6-8 Il resto di Giacobbe
5,6 Il resto indica una parte del popolo, quello che rimane dopo le prove e il castigo.
È tema ricorrente nei libri profetici; con esso si afferma che, nonostante le gravi colpe, Dio non distruggerà mai completamente il suo popolo.
Nel libro di Michea il riferimento al resto si trova anche in Mi 2,12; Mi 4,7; Mi 5,2.
5,6-7 Questo oracolo, in due strofe simmetriche, annunzia il compito del « resto » nella salvezza delle nazioni ( cf. Mi 5,1-4; Mi 7,12 )
e nel loro castigo ( Mi 4,13; Mi 5,8.14 ).
Il primo tema, che appare solo alla fine dell'esilio, suggerisce, per questo oracolo, una data posteriore a Michea.
5,7 sarà: il TM aggiunge: « tra le nazioni ».
5,8-14 L'oracolo dei vv 9-13 annunzia che il Signore sta per « sopprimere » nel suo popolo tutti i falsi appoggi umani ( cf. Os 3,4; Os 8,14; Is 2,7-8; Is 30,1-3.15-16;
Is 31,1-3 ): forza militare, strumenti di divinazione e culto delle alture.
Questa minaccia comporta la promessa di un'era di pace e di fede.
I v 8 e v 14 applicano questo oracolo ai popoli pagani avversari del Signore;
sono un rimaneggiamento del testo originale.
5,9-14 Fine della potenza militare, della magia e dell'idolatria
5,9 cavalli e carri: indicano la potenza militare; Israele confiderà solo in Dio.
5,13 pali sacri: oggetti di culto idolatrico;
nel culto cananeo erano rappresentazioni della divinità femminile della vegetazione.