Salmi

Capitolo 11 ( 10 )

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Fiducia del giusto

1 Al maestro del coro. Di Davide.
Nel Signore mi sono rifugiato, come potete dirmi:
« Fuggi come un passero verso il monte »?
Sal 91,3
Sal 55,7
2 Ecco, gli empi tendono l'arco,
ggiustano la freccia sulla corda
per colpire nel buio i retti di cuore.
Sal 7,13
Sal 10,8
Sal 37,14
Sal 57,5
Sal 64,4
3 Quando sono scosse le fondamenta,
il giusto che cosa può fare?
4 Ma il Signore nel tempio santo,
il Signore ha il trono nei cieli.
I suoi occhi sono aperti sul mondo,
le sue pupille scrutano ogni uomo.
Ab 2,20
Sal 102,20
Dt 26,15
Is 66,1
Mt 5,34
5 Il Signore scruta giusti ed empi,
egli odia chi ama la violenza.
6 Farà piovere sugli empi
brace, fuoco e zolfo,
vento bruciante toccherà loro in sorte;
Gen 19,24
Ez 38,22
Ez 10,2
Ap 20,10
Ap 8,5
7 Giusto è il Signore, ama le cose giuste;
gli uomini retti vedranno il suo volto.
Indice

Abbreviazioni
11,1 Gli amici sembrano consigliare all'orante di fuggire davanti alle macchinazioni dell'empio ( v. 1 ) che appaiono incrinare l'equilibrio del cosmo ( v. 3 ), ma egli ha piena fiducia nel Dio d'Israele, che ha posto la dimora nel suo tempio santo: là trova rifugio e difesa ( v. 4 ).
Il fedele inseguito è paragonato all'uccello ( Sal 55,7; Sal 91,3; Sal 124,7 ).
Il monte è il luogo del rifugio ( Sal 121,1; Gen 19,17; Ez 7,16; Mt 24,16 ).
11,4 sul mondo: con le versioni; il TM omette.
11,5 Dio può odiare qualcuno?
11,6 Brace, fuoco e zolfo: probabile riferimento al castigo inflitto da Dio alle città di Sodoma e Gomorra ( Gen 19,24 ).
brace: con, Simmaco; il TM ha: « agguati »;
- sorte: alla lettera « parte della loro coppa ».
Questa metafora ( la coppa serviva forse al sorteggio ) designa il destino,
la buona ( Sal 16,5; Sal 23,5 ) o più spesso la cattiva sorte ( Sal 75,9; Mt 20,22;
Ap 14,10; Ap 16,19 ); la coppa della collera divina è un tema profetico ( Ger 25,15; Ab 2,16; Ez 23,31s; Is 51,17+; Lam 4,21 ).
11,7b Conget.; la lezione del TM ( « la sua faccia contemplerà il cuore retto » ) riflette forse uno scrupolo teologico: l'uomo non può vedere Dio ( cf. Es 33,20+ ).
Tuttavia l'espressione « contemplare il volto di Dio » è frequente nei salmi nel senso di stare in sua presenza come servi davanti al padrone benevolo ( Sal 15,1;
cf. Sal 16,11; Sal 17,15; Sal 24,6; Sal 27,8+; Sal 105,4; Is 38,11; Gen 33,10;
Gb 33,26 ).