Salmi

Capitolo 24 ( 23 )

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Liturgia di ingresso al santuario

1 Di Davide. Salmo.
Del Signore è la terra e quanto contiene,
l'universo e i suoi abitanti.
Is 66,1-2
Sal 89,12
Dt 10,14
2 È lui che l 'ha fondate sui mari,
e sui fiumi l' ha stabilita.
1 Cor 10,26
Sal 75,4
Is 42,5
3 Chi salirà il monte del Signore,
chi starà nel suo luogo santo?
Sal 15
4 Chi ha mani innocenti e cuore puro,
chi non pronunzia menzogna,
chi non giura a danno del suo prossimo.
5 Otterrà benedizione dal Signore,
giustizia da Dio sua salvezza.
6 Ecco la generazione che lo cerca,
che cerca il tuo volto, Dio di Giacobbe.
Sal 27,8-9
7 Sollevate, porte, i vostri frontali,
alzatevi, porte antiche,
ed entri il re della gloria.
2 Sam 6,12-16
Sal 118,19s
Ez 44,2
Ml 3,1
8 Chi è questo re della gloria?
Il Signore forte e potente,
il Signore potente in battaglia.
1 Cor 2,8
9 Sollevate, porte, i vostri frontali,
alzatevi, porte antiche,
ed entri il re della gloria.
10 Chi è questo re della gloria?
Il Signore degli eserciti è il re della gloria.
1 Sam 1,3+
Es 24,16+
Indice

Abbreviazioni
24,1 Riprendendo alcuni aspetti del Sal 15, anche questo canto riflette sulle condizioni richieste per poter entrare nel tempio del Signore e stare alla sua presenza.
24 I vv 7-10 possono riferirsi alla traslazione dell'arca sotto Davide
( 2 Sam 6,12-16, cf. Sal 68,25s; Sal 132 ).
L'inizio ( vv 1-6) sembra posteriore ( cf. Sal 15 ): il creatore dell'universo è anche l'amico che accoglie il giusto.
24,2 La terra è rappresentata come se ripoasse sulle acque dell'oceano inferiore
( cf. Es 20,4 ).
24,6b il tuo volto, Dio di Giacobbe: con 2 mss ebraici, sin; il TM ha: « la tua faccia, Giacobbe »; i LXX traducono: « la faccia del Dio di Giacobbe ».
24,7-10 Si descrive il simbolico ingresso di Dio nel tempio, probabilmente al termine di una processione con l'arca dell'alleanza.
24,10 Il Signore degli eserciti: traduzione del titolo divino YHWH sebaòt, legato particolarmente all'arca dell'alleanza ( 1 Sam 1,3; 1 Sam 4,1-4 ).
Questo titolo viene inteso, alle volte, in riferimento agli eserciti d'Israele che nel Signore hanno un invincibile protettore ( ma l'arca non nasconde le colpe del popolo, né lo protegge dall'ira divina: 1 Sam 4,5-11 ).
Più spesso, soprattutto dopo l'esilio, quando Israele non ha più eserciti propri, il titolo viene riferito agli eserciti celesti, cioè alle "schiere" degli astri e degli angeli,
e infine a tutte le creature ( Zc 1,3.4.6.12 …; Ml 1,4.6.9.10… ).
Quanto alle "schiere" celesti, che lodano Dio, vedi ad es. Sal 103,21; Sal 148,2.
In Gen 2,1 le "schiere" del cielo e della terra sono tutte le creature.
Nei testi in cui sebaòt assume questo significato più ampio, l'espressione Signore degli eserciti equivale a "Signore dell'universo".