Salmi

Capitolo 99 ( 98 )

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Dio, re giusto e santo

1 Il Signore regna, tremino i popoli;
siede sui cherubini, si scuota la terra.
Sal 18,8.11
Sal 80,2
2 Grande è il Signore in Sion,
eccelso sopra tutti i popoli.
Sal 48,2
3 Lodino il tuo nome grande e terribile,
perché è santo.
Is 6,3+
4 Re potente che ami la giustizia,
tu hai stabilito ciò che è retto,
diritto e giustizia tu eserciti in Giacobbe.
Sal 72,1s
5 Esaltate il Signore nostro Dio,
prostratevi allo sgabello dei suoi piedi,
perché è santo.
6 Mosè e Aronne tra i suoi sacerdoti,
Samuele tra quanti invocano il suo nome:
invocano il Signore ed egli rispondeva.
7 Parlava loro da una colonna di nubi:
obbedivano ai suoi comandi
e alla legge che aveva loro dato.
Es 19,18-19
Es 33,9
Nm 12,5
8 Signore, Dio nostro, tu li esaudivi,
eri per loro un Dio paziente,
pur castigando i loro peccati.
Es 32,11+
Nm 20,12+
9 Esaltate il Signore nostro Dio,
prostratevi davanti al suo monte santo,
perché santo è il Signore, nostro Dio.
Indice

Abbreviazioni
99,1 È la santità di Dio il motivo che ritma questo inno, con cui si chiude la piccola serie dei "salmi della regalità del Signore" ( Sal 47 ).
Questa santità ( che nella Bibbia esprime separazione e trascendenza insieme ) da una parte fa di Dio il Signore di tutta la terra e, dall'altra, lo rende vicino al suo popolo ( rappresentato nelle tre grandi figure carismatiche della storia di Israele: Mosè, Aronne, Samuele, v. 6 ).
99 Inno escatologico le cui due parti ( vv 1-4 e vv 6-8 )
finiscono con un ritornello ( v 5 e v 9 ) che celebra la santità del re di Israele.
99,4 potente: conget., we'az; il TM ha we'oz, « e la potenza ( del re ) ».
99,5 sgabello dei piedi di Dio: il monte Sion, ma anche l'arca dell'alleanza ( Sal 132,7 ).
99,6 I grandi intercessori ( cf. Sal 106,23; Es 32,11+; Nm 17,11-13 ).
99,7 colonna di nubi: riferimento a Es 33,9.
99,8 Alcuni correggono la vocalizzazione per comprendere: « tenendoli sgravati dai loro misfatti »; ma si pensa al castigo di Mosè e di Aronne, che non poterono entrare nella terra promessa ( cf. Nm 27,14; Dt 3,26; ecc. ).