Salmi

Capitolo 89 ( 88 )

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Inno e preghiera al Dio fedele

1 Maskil. Di Etan l'Ezraita.
Sal 88,1
2 Canterò senza fine le grazie del Signore,
con la mia bocca annunzierò la tua fedeltà nei secoli,
3 perché hai detto: « La mia grazia rimane per sempre »;
la tua fedeltà è fondata nei cieli.
4 « Ho stretto un'alleanza con il mio eletto,
ho giurato a Davide mio servo:
2 Sam 7,8-16+
5 stabilirò per sempre la tua discendenza,
ti darò un trono che duri nei secoli ».
6 I cieli cantano le tue meraviglie, Signore,
la tua fedeltà nell'assemblea dei santi.
Gb 5,1+
7 Chi sulle nubi è uguale al Signore,
chi è simile al Signore tra gli angeli di Dio?
Sal 29,1
Sal 82,1
Gb 1,6+
8 Dio è tremendo nell'assemblea dei santi,
grande e terribile tra quanti lo circondano.
9 Chi è uguale a te, Signore, Dio degli eserciti?
Sei potente, Signore, e la tua fedeltà ti fa corona.
Sal 86,8+
10 Tu domini l'orgoglio del mare,
tu plachi il tumulto dei suoi flutti.
Gb 7,12+
Sal 65,8+
11 Tu hai calpestato Raab come un vinto,
con braccio potente hai disperso i tuoi nemici.
12 Tuoi sono i cieli, tua è la terra,
tu hai fondato il mondo e quanto contiene;
Sal 24,1-2
13 il settentrione e il mezzogiorno tu li hai creati,
il Tabor e l'Ermon cantano il tuo nome.
14 È potente il tuo braccio,
forte la tua mano, alta la tua destra.
15 Giustizia e diritto sono la base del tuo trono,
grazia e fedeltà precedono il tuo volto.
Sal 85,11
Sal 97,2
Es 34,6-7
16 Beato il popolo che ti sa acclamare
e cammina, o Signore, alla luce del tuo volto:
Sal 47,1+
17 esulta tutto il giorno nel tuo nome,
nella tua giustizia trova la sua gloria.
18 Perché tu sei il vanto della sua forza
e con il tuo favore innalzi la nostra potenza.
19 Perché del Signore è il nostro scudo,
il nostro re, del Santo d'Israele.
Is 6,3+
Sal 47,10
20 Un tempo parlasti in visione ai tuoi santi dicendo:
« Ho portato aiuto a un prode,
ho innalzato un eletto tra il mio popolo.
Sal 132,11-12
2 Sam 7,8-16+
21 Ho trovato Davide, mio servo,
con il mio santo olio l'ho consacrato;
Sal 78,70+
22 la mia mano è il suo sostegno,
il mio braccio è la sua forza.
Is 42,1
23 Su di lui non trionferà il nemico,
né l'opprimerà l'iniquo.
24 Annienterò davanti a lui i suoi nemici
e colpirò quelli che lo odiano.
25 La mia fedeltà e la mia grazia saranno con lui
e nel mio nome si innalzerà la sua potenza.
26 Stenderò sul mare la sua mano
e sui fiumi la sua destra.
27 Egli mi invocherà: Tu sei mio padre,
mio Dio e roccia della mia salvezza.
2 Sam 7,14+
Sal 2,7
Ger 3,19
Gv 20,17
28 Io lo costituirò mio primogenito,
il più alto tra i re della terra.
Col 1,15-18
Ap 1,5
29 Gli conserverò sempre la mia grazia,
la mia alleanza gli sarà fedele.
Is 55,3
30 Stabilirò per sempre la sua discendenza,
il suo trono come i giorni del cielo.
31 Se i suoi figli abbandoneranno la mia legge
e non seguiranno i miei decreti,
32 se violeranno i miei statuti
e non osserveranno i miei comandi,
33 punirò con la verga il loro peccato
e con flagelli la loro colpa.
2 Sam 7,14
34 Ma non gli toglierò la mia grazia
e alla mia fedeltà non verrò mai meno.
35 Non violerò la mia alleanza,
non muterò la mia promessa.
Ger 33,20-21
36 Sulla mia santità ho giurato una volta per sempre:
certo non mentirò a Davide.
Sal 110,4
37 In eterno durerà la sua discendenza,
il suo trono davanti a me quanto il sole,
38 sempre saldo come la luna,
testimone fedele nel cielo ».
Sal 72,5.7
39 Ma tu lo hai respinto e ripudiato,
ti sei adirato contro il tuo consacrato;
40 hai rotto l'alleanza con il tuo servo,
hai profanato nel fango la sua corona.
41 Hai abbattuto tutte le sue mura
e diroccato le sue fortezze;
Sal 80,13-14
42 tutti i passanti lo hanno depredato,
è divenuto lo scherno dei suoi vicini.
43 Hai fatto trionfare la destra dei suoi rivali,
hai fatto gioire tutti i suoi nemici.
44 Hai smussato il filo della sua spada
e non l'hai sostenuto nella battaglia.
45 Hai posto fine al suo splendore,
hai rovesciato a terra il suo trono.
46 Hai abbreviato i giorni della sua giovinezza
e lo hai coperto di vergogna.
47 Fino a quando, Signore,
continuerai a tenerti nascosto,
arderà come fuoco la tua ira?
Sal 79,5
48 Ricorda quant'è breve la mia vita.
Perché quasi un nulla hai creato ogni uomo?
Sal 39,5
49 Quale vivente non vedrà la morte,
sfuggirà al potere degli inferi?
Sal 90,3s
50 Dove sono, Signore, le tue grazie di un tempo,
che per la tua fedeltà hai giurato a Davide?
51 Ricorda, Signore, l'oltraggio dei tuoi servi:
porto nel cuore le ingiurie di molti popoli,
52 con le quali, Signore, i tuoi nemici insultano,
insultano i passi del tuo consacrato.
53 Benedetto il Signore in eterno
Amen, amen.
Sal 106,48
Indice

Abbreviazioni
89,1 Dentro al tema dominante regale-messianico si inserisce un antico inno alla potenza meravigliosa di Dio creatore; si passa poi al lamento per la situazione attuale di abbandono e di sconfitta e alla richiesta dell'intervento di Dio.
Centrale è la figura di Davide, scelto e consacrato re da Dio, il quale è fedele alle sue promesse ( oracolo di Natan: 2 Sam 7,8-16 ).
Esse si realizzano nella stabilità del trono e nella continuità della discendenza.
Il v. 53 conclude il terzo libro dei salmi, secondo la suddivisione ebraica del Salterio.
Etan: appare in 1 Re 5,11 come uomo sapiente; in 1 Cr 6,27.29; 1 Cr 15,17.19 si parla di un Etan addetto al servizio del tempio come cantore.
Riguardo a Ezraita, vedi la nota a Sal 88,1.
89 Il preludio ( vv 2-3 ),
seguito dal richiamo dell'alleanza davidica ( vv 4-5 )
e da un inno al creatore ( vv 6-19 ),
introduce un oracolo messianico ( vv 20-38 )
e, in contrasto, l'evocazione delle umiliazioni nazionali ( vv 39-46 ),
concluse da una preghiera ( vv 47-52 ).
Il binomio « amore e fedeltà » o « grazia e fedeltà » è il motivo fondamentale del salmo.
89,3 hai detto: con i LXX e volg.; il TM ha: « ho detto ».
89,6-8 L'assemblea dei santi, i figli degli dèi e il consiglio dei santi indicano gli esseri celesti ( o gli angeli ), che compongono la corte di Dio ( Gb 1,6 ).
89,7-8 angeli di Dio: alla lettera « figli di Dio »; anche il termine santi designa qui gli angeli.
89,8 assemblea: il TM aggiunge: « grande »;
- grande e terribile: con i LXX; il TM om. « grande ».
89,11 Raab: ebraico Rahab, nome di un mostro mitico che personifica il caos marino
( cf. Gb 7,12+); designa talvolta anche l'Egitto ( Sal 87,4; cf. Is 30,7+ ).
89,13 Il monte Tabor domina la pianura della Galilea, mentre l'Ermon è l'alto massiccio che si innalza sul versante settentrionale della terra di Canaan.
89,20 Samuele e Natan.
89,26 mare: il Mediterraneo; fiumi: il Nilo ( a occidente ) e l'Eufrate ( a oriente ).
89,34 non gli toglierò la mia grazia:
BJ ha: « senza ritirargli il mio amore » ( 13 mss, sir., volg. );
il TM ha: « senza rompere ».
89,39-46 Si allude a qualche evento negativo, che ha minacciato la sopravvivenza d'Israele.
8,39 consacrato: alla lettera « unto » o « messia ».
Il termine designa qui tutta la dinastia davidica.
89,44 Hai smussato il filo della sua spada: 'ap tashîb çûr del TM;
BJ traduce: « hai spezzato la sua spada contro la rupe », sha'apta aççûr, conget.
89,45 Hai posto fine al suo splendore: BJ traduce: « hai tolto il suo scettro di splendore », matteh hodô, conget.; il TM ha: « del suo splendore » (?), mitteharô.
89,53 Dossologia che termina il terzo libro del salterio.