Salmi

Capitolo 5

CEI 2008 - Audio Interconfessionale

Preghiera del mattino

1 Al maestro del coro. Per flauti. Salmo. Di Davide.
2 Porgi l'orecchio, Signore, alle miei parole:
intendi il mio lamento.
Sal 86,6
3 Ascolta la voce del mio grido,
o mio re e mio Dio,
perché ti prego, Signore.
Sal 84,4
4 Al mattino ascolta la mia voce;
fin dal mattino t'invoco e sto in attesa.
5 Tu non sei un Dio che si compiace del male;
presso di te il malvagio non trova dimora;
6 gli stolti non sostengono il tuo sguardo.
Tu detesti chi fa il male,
Pr 6,17-19
7 fai perire i bugiardi.
Il Signore detesta sanguinari e ingannatori.
Mt 7,23
Ap 21,8
8 Ma io per la tua grande misericordia
entrerò nella tua casa;
mi prostrerò con timore
nel tuo santo tempio.
Sal 138,2
1 Re 8,44-48
Dn 6,11
9 Signore, guidami con giustizia
di fronte ai miei nemici;
spianami davanti il tuo cammino.
Sal 23,3
Is 26,7
10 Non c'è sincerità sulla loro bocca,
è pieno di perfidia il loro cuore;
la loro gola è un sepolcro aperto,
la loro lingua è tutta adulazione.
Rm 3,13
11 Condannali, o Dio, soccombano alle loro trame,
per tanti loro delitti disperdili,
perché a te si sono ribellati.
12 Gioiscano quanti in te si rifugiano,
esultino senza fine.
Tu li proteggi e in te si allieteranno
quanti amano il tuo nome.
Ap 7,15-16
13 Signore, tu benedici il giusto:
come scudo lo copre la tua benevolenza.
Sal 69,37
Sal 119,132
Indice

Abbreviazioni
5,1 Nella tradizione biblica, l'ora del sacrificio del mattino è la più propizia alla preghiera e al suo esaudimento da parte del Signore.
5,4 Al mattino: momento dei favori divini ( Sal 17,15+ ).
- t'invoco: le traduzioni divergono: « io espongo la mia richiesta »;
« offro i miei voti »; « preparo la mia offerta ».
5,5 Dio può odiare qualcuno?
5,10 bocca, cuore, gola, lingua: designano la totalità dell'uomo.
5,11 Tali appelli alla vendetta divina contro i nemici di Dio e del fedele ritornano molto spesso nei salmi ( cf. per esempio Sal 31,18; Sal 54,7; Sal 58,7s; Sal 59,12s;
Sal 69,23-29; Sal 79,12; Sal 83,10-19; Sal 104,35; Sal 109,6-20; Sal 125,5;
Sal 137,7-9; Sal 139,19-22; Sal 140,10-12 ).
Sotto il regime della retribuzione temporale, quale era ancora quello dell'antica alleanza, essi traducono un bisogno di giustizia, che le smentite dell'esperienza immediata e il progresso della rivelazione affineranno confrontandolo con il mistero della giustizia trascendente di Dio ( cf. Gb ), attendendo che il NT lo inviti a superarsi nella carità ( Mt 5,43-48 ).
Così purificati dal risentimento personale, i salmi di vendetta restano, per la chiesa come per il cristiano, l'espressione di questo stesso bisogno di giustizia, di fronte alle potenze del male sempre attive nel mondo.