Proverbi

Capitolo 24

CEI 2008 - Audio Interconfessionale
1 Non invidiare gli uomini malvagi, non desiderare di stare con loro;
Pr 23,17
2 poiché il loro cuore trama rovine e le loro labbra non esprimono che malanni.
3 Con la sapienza si costruisce la casa e con la prudenza la si rende salda;
Pr 14,1
4 con la scienza si riempiono le sue stanze di tutti i beni preziosi e deliziosi.
5 Un uomo saggio vale più di uno forte, un uomo sapiente più di uno pieno di vigore,
1 Sam 16,7
6 perché con le decisioni prudenti si fa la guerra e la vittoria sta nel numero dei consiglieri.
Lc 14,31
Pr 11,14
7 È troppo alta la sapienza per lo stolto, alla porta della città egli non potrà aprir bocca.
8 Chi trama per fare il male si chiama mestatore.
9 Il proposito dello stolto è il peccato e lo spavaldo è l'abominio degli uomini.
10 Se ti avvilisci nel giorno della sventura, ben poca è la tua forza.
Gb 4,5
11 Libera quelli che sono condotti alla morte e salva quelli che sono trascinati al supplizio.
12 Se dici: « Ecco, io non ne so nulla », forse colui che pesa i cuori non lo comprende? Colui che veglia sulla tua vita lo sa; egli renderà a ciascuno secondo le sue opere.
Pr 16,2
13 Mangia, figlio mio, il miele, perché è buono e dolce sarà il favo al tuo palato.
14 Sappi che tale è la sapienza per te: se l'acquisti, avrai un avvenire e la tua speranza non sarà stroncata.
Pr 23,18
15 Non insidiare, o malvagio, la dimora del giusto, non distruggere la sua abitazione,
16 perché se il giusto cade sette volte, egli si rialza, ma gli empi soccombono nella sventura.
Gb 5,19
17 Non ti rallegrare per la caduta del tuo nemico e non gioisca il tuo cuore, quando egli soccombe,
Gb 31,29
18 perché il Signore non veda e se ne dispiaccia e allontani da lui la collera.
19 Non irritarti per i malvagi e non invidiare gli empi,
Sal 37,1
20 perché non ci sarà avvenire per il malvagio e la lucerna degli empi si estinguerà.
21 Temi il Signore, figlio mio, e il re; non ribellarti né all'uno né all'altro,
1 Pt 2,17
22 perché improvvisa sorgerà la loro vendetta e chi sa quale scempio faranno l'uno e l'altro?

IV. Appendice alla raccolta dei saggi

23 Anche queste sono parole dei saggi. Aver preferenze personali in giudizio non è bene.
Pr 18,5
Pr 28,21
Pr 31,5
24 Se uno dice all'empio: « Tu sei innocente », i popoli lo malediranno, le genti lo esecreranno,
25 mentre tutto andrà bene a coloro che rendono giustizia, su di loro si riverserà la benedizione.
26 Dà un bacio sulle labbra colui che risponde con parole rette.
27 Sistema i tuoi affari di fuori e fatti i lavori dei campi e poi costruisciti la casa.
Sir 7,15
28 Non testimoniare alla leggera contro il tuo prossimo e non ingannare con le labbra.
29 Non dire: « Come ha fatto a me, così io faro a lui, renderò a ciascuno come si merita ».
Mt 6,12.14-15
30 Sono passato vicino al campo di un pigro, alla vigna di un uomo insensato:
Pr 26,13-16
31 ecco, ovunque erano cresciute le erbacce, il terreno era coperto di cardi e il recinto di pietre era in rovina.
32 Osservando, riflettevo e, vedendo, ho tratto questa lezione:
33 un po' dormire, un po' sonnecchiare, un po' incrociare le braccia per riposare
Pr 6,10-11
34 e intanto viene passeggiando la miseria e l'indigenza come un accattone.
Indice

Abbreviazioni
24,1-22 Massime di vita pratica
24,7 alla porta della città: vedi Pr 1,20-21 e nota relativa.
troppo alta: ebraico ramôt, « alture » (?).
Termine difficile.
Secondo altri: « corallo » ( cf. Ez 27,16; Gb 28,18 ), cosa rara e delicata che lo stolto non saprebbe apprezzare.
24,10 ben poca: cioè alla lettera « stretta », çar, giuoco di parole con « ( giorno ) della sventura », çarah.
24,11b Questo stico è interpretato anche diversamente.
Forse si tratta di innocenti condannati ingiustamente.
24,12 Se tu dicessi …: invito a testimoniare per un innocente.
24,22 Dopo questa massima, i LXX aggiungono cinque vv, che appaiono come lo sviluppo di Pr 21-22:
« 22a Colui che osserva la parola eviterà la perdizione perché l'accoglie con benevolenza (?).
22b Non si dica alcuna menzogna al re, in modo che non ne esca alcuna dalla sua bocca.
22c La lingua del re è una spada, non un organo di carne: chi vi cade sotto viene frantumato,
22d perché se si accende di furore, distruggerà gli uomini con i loro nervi.
22e Egli divora le ossa degli uomini, le brucia come una fiamma e le rende immangiabili agli aquilotti ».
I LXX inseriscono poi Pr 30,1-4.
24,23-34 Altri insegnamenti dei saggi
Come lascia intendere il v. 23, inizia qui un'altra piccola raccolta di parole dei saggi.
È la quarta che troviamo nel libro dei Proverbi e ha un contenuto che la differenzia poco dalle precedenti raccolte.
24,23-29 Non fare preferenze
24,23 La legge comanda al giudice di non fare distinzione di persona ( Lv 19,15;
Dt 1,17; Dt 16,19 ).
I profeti ritornano spesso, con diversi termini, su questo dovere ( Am 2,6;
Am 5,7.10; Is 10,2; Mi 3,9.11; Ger 5,28; Ez 22,12 ).
Il Messia renderà la giustizia imparziale ( Is 11,3-5; Ger 23,5-6; Sal 72,4.12.14 ), come Dio stesso ( cf. Gal 2,6 ).
24,28 I LXX interpretano: « non essere un testimone falso contro il tuo compatriota ».
24,30-34 Il ritratto del pigro
24,34 accattone: conget., cf. Pr 6,11.